[08/03/2013] News toscana

Geotermia e acido solfidrico: l'odore sgradevole, ma non nuoce alla salute. Anzi

La presenza di acido solfidrico (H2S) nelle aree geotermiche toscane è ben nota, in particolare da chi vi abita. L'ARPAT e l'ARS sono ormai attive da molto tempo al fine di rilevare le eventuali conseguenze dal punto di vista ambientale e sopratutto sanitario. E proprio l'Agenzia Regionale di Sanità della Regione Toscana (ARS-Toscana) si è recentemente attivata per un confronto diretto con il gruppo di lavoro di Michael Bates, dell'Università della California che da tempo studia la popolazione di Rotorua, un‘isola vulcanica in Nuova Zelanda, caratterizzata, anch'essa, dalla presenza di emissioni naturali di acido solfidrico.

La popolazione di Rotorua, è la più ampia al mondo (60 mila persone) ad essere esposta ad emissioni geotermiche naturali, in particolare H2S e da tempo è sotto osservazione da parte del gruppo dei ricercatori guidati da Bates, che, in occasione del convegno su "Geotermia e Salute" organizzato dall'ARS per confrontare l'esperienza neozelandese e quella toscana, aveva anticipato alcuni risultati rassicuranti sugli effetti dell'esposizione ad acido solfidrico.

Lo studio neozelandese include varie linee di ricerca sugli effetti dell'esposizione a basse concentrazioni di H2S, tra cui l'asma ed effetti correlati.

La nuova ricerca, pubblicata su Environmental Research, si riferisce proprio a questo tipo di disturbi respiratori e mostra che l'esposizione cronica a basse concentrazioni di acido solfidrico non è associata a incrementi di rischio per asma e sintomi respiratori simili all'asma.

La nuova campagna di misurazioni effettuata dal gruppo di ricerca di Michael Bates mostra valori di concentrazione di H2S (sia in ambienti di vita che di lavoro) che si attestano nel range 0-64 ppb (0-91.4 µg/m3).

Valori, quindi, del tutto assimilabili a quelli  medi rilevati da ARPAT nel periodo 1997-2009 che sono risultati pari a 16.5 µg/m3 nell'area geotermica dell'Amiata senese, 2.8 µg/m3 nell'Amiata grossetana, 8.6 µg/m3 nell'area di Larderello-Lago e di 6.0 µg/m3 nell'area di Radicondoli-Travale.

Allo studio neozelandese, hanno partecipato 1.637 soggetti, di età compresa tra i 18 e i 65 anni, che hanno compilato un questionario sulla salute respiratoria (in particolare diagnosi di asma e altri sintomi respiratori), sulla storia residenziale e lavorativa, sull'abitudine al fumo di tabacco e sulle caratteristiche sociali e demografiche (etnia, titolo di studio, reddito). I risultati non mostrano aumenti di rischio di asma all'aumentare dell'esposizione ad acido solfidrico. Al contrario suggeriscono una diminuzione della prevalenza di asma e sintomi asma-correlati nei soggetti esposti a concentrazioni più alte di H2S.

Oltre all'asma e a sintomi asma-correlati, i ricercatori americani hanno preso in considerazione altri esiti sanitari, che saranno oggetto di future pubblicazioni.

Torna all'archivio