Cerca per periodo

Data di inizio:

Data di fine:


Cerca per tipologia


Parola chiave


Altri archivi

riduci il testo aumenta il testo Scrivi una mail Feed RSS
 

Aree protette e biodiversitÓ | Rifiuti e bonifiche

Il relitto poggerÓ sopra la struttura, una volta girato

Costa Concordia, si posa la piattaforma del "falso fondale" per raddrizzare la nave [PHOTOGALLERY]

Pesa 1000 tonnellate, Ŕ lunga 40 metri e alta 22 metri

[ 4 aprile 2013 ]

Sono in corso all'Isola del Giglio i lavori per la posa e l'installazione della piattaforma numero uno di quello che alla fine dovrebbe essere un "falso fondale" sul quale dovrebbe poggiarsi il relitto dopo che sarà raddrizzato, per poi portarlo in galleggiamento nel porto scelto per la demolizione (che per ora resta quello di Piombino).

Quella che si sta collocando nel fondale adiacente alla Costa Concordia è la più grande delle 6 piattaforme subacquee,  pesa 1000 tonnellate, è lunga  40 metri ed alta 22 metri. Le prime due piattaforme, molto più piccole erano state installate a febbraio.

I lavori per la creazione del falso fondale hanno provocato la demolizione di una gran parte della scogliera e la distruzione della vita marina che ospitava, ma hanno anche incontrato difficoltà nella trivellazione dei fori dove alloggiare i pilastri di sostegno delle piattaforme perché hanno dovuto fare i conti con un fondale di granito, o troppo duro o troppo incoerente.