Economia ecologica

Imballaggi in plastica, il nuovo Cac è davvero efficace per promuovere la riciclabilità?

Associazione comuni virtuosi: «In nome di una semplificazione applicativa non si entra nel merito delle caratteristiche dei singoli imballaggi»

Ad oggi il contributo ambientale che ogni imballaggio immesso al consumo paga ai consorzi Conai (Cac - Contributo ambientale Conai) viene determinato in base a un valore unico per ogni materiale con cui è realizzato e al suo peso. Per rispondere a diverse sollecitazioni pervenute negli anni al sistema consortile da parte di diversi soggetti...

Edilizia, da ecobonus e ristrutturazioni 190 miliardi di euro in investimenti in Italia

Realacci: «Le case ristrutturate immesse sul mercato nel 2016 hanno avuto un valore del 29% superiore a quelle non ristrutturate»

Da una nuova edilizia legata alla qualità, al recupero, all’efficienza energetica e alla sicurezza antisismica può venire una spinta al rilancio dell’economia interna insieme a una riduzione dei consumi energetici e dell’inquinamento delle nostre città. Lo dicono i numeri: lo scorso anno il credito di imposta per le ristrutturazioni e l’ecobonus hanno generato 28,2 miliardi...

Seeds, o dell’importanza di fare rete attorno all’economia ambientale italiana

Per traghettare l’Italia verso un modello di sviluppo più sostenibile è indispensabile valorizzare al meglio il mondo della ricerca

Il Centro di ricerca interuniversitario Seeds (Sustainability, environmental economics and dynamics studies) nacque cinque anni fa con un’intuizione. In Italia erano già presenti numerosi ricercatori attivi nel campo dell’economia ambientale, riconosciuti come eccellenze nel mondo accademico italiano e non. Eccellenze puntiformi però, senza un’infrastruttura alle spalle in grado di incoraggiare lo scambio di saperi e...

Enea: in Sardegna il “giacimento” di energia del mare più grande del Mediterraneo

Produrre 1kW/h di energia dalle onde passerà da 0,2 €/kWh nel 2025 a 0,1 €/kWh nel 2035

Secondo un’analisi dell’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile (Enea), presentata a Cagliari in occasione della “Giornata Europea del Mare”, «La Sardegna è l’area dell'intero Mediterraneo che potrebbe produrre più energia dal mare, con un potenziale di 13 kW per metro di costa, un valore molto simile a Stati Ue...

Assorimap: il riciclo della plastica eccellenza italiana fortemente penalizzata

Così è impossibile chiudere l'anello dell’economia circolare negli imballaggi in plastica

In occasione del ventennale del Decreto Ronchi, ricorrenza che segna anche i 20 anni di attività del Consorzio Nazionale Imballaggi, l'Associazione nazionale dei riciclatori di materie plastiche  (Assorimap)  apre una nuova riflessione sul modello-Italia per l'economia circolare, in particolare per quanto riguarda il  riciclo meccanico della plastica. Secondo gli ultimi risultati presentati il 4 aprile...

Bonifiche, sono 6mila gli ettari liberati in Italia ma il 94% delle aree Sin aspetta ancora

Il ministro Galletti: «Negli ultimi anni quadruplicate le aree restituite agli usi legittimi»

Ieri la Camera dei deputati ha ospitato l'incontro dedicato alle "Bonifiche dei siti contaminati e tecnologie innovative", organizzato dalla Commissione d'inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti – presieduta dall’onorevole Alessandro Bratti - in collaborazione con RemTech Expo 2017 e propedeutico a quegli Stati generali delle bonifiche che partiranno il 20 settembre a Ferrara....

Non solo compost: tutti i vantaggi dai biorifiuti italiani per clima, lavoro e territorio

Oggi il Cic (Consorzio italiano compostatori) festeggia 25 anni, e 65 milioni di tonnellate di rifiuti raccolte. Sono già 9mila gli occupati lungo la filiera, potrebbero arrivare a 13mila

Dal 2000 a 2015 la raccolta differenziata dell’organico in Italia è cresciuta con una media annua del 10%, passando da 1,3 a 6,1 milioni di tonnellate, tanto che oggi la raccolta della frazione organica (frazione umida + frazione verde) rappresenta oggi il primo settore di recupero in Italia con il 43% dei rifiuti urbani raccolti in maniera differenziata....

Sono sempre meno i dipendenti della Pa italiana, e sempre più vecchi

Nel 2020 l’età media sarà salita a 53,6 anni, e 1/3 dei lavoratori fra soli tre anni sarà in uscita dal mercato del lavoro

«La nostra indagine fotografa una Pubblica amministrazione che già adesso non è più sostenibile – spiega Gianni Dominici, direttore generale del Forum Pa – L’età media dei dipendenti pubblici supera i 50 anni, soltanto poco più di uno su quattro ha meno di 45 anni e soltanto il 40% è laureato. Nel giro di pochi anni...

La rivoluzione mancata degli acquisti verdi, che taglia le ali alla green economy italiana

La spesa della Pubblica amministrazione per beni e servizi vale oltre 284 miliardi di euro l'anno, ma solo nel 12,5% dei casi vengono seguiti i Criteri ambientali minimi

Anche l’economia verde è un’economia, e per funzionare davvero ha bisogno di una domanda abbastanza ampia da sorreggere il mercato: consumatori che chiedano energia verde, beni riciclati, minori sprechi di risorse naturali per soddisfare i propri bisogni. L’asso nella manica per innescare questo ciclo virtuoso ce l’abbiamo già a portata di mano, ed è la...

Energie rinnovabili in Italia: filiera solida e buone prospettive

Nel 2016 installati 778 MW di nuova potenza da rinnovabili, trend positivo e uscita dalla crisi

Secondo quanto emerge dall’ultimo Renewable Energy Report, redatto dall’Energy&Strategy Group della School of Management del Politecnico di Milano, e presentato oggi, «Nel corso del 2016 sono stati installati in Italia 778 MW di nuova potenza da rinnovabili, soprattutto fotovoltaico ed eolico. Un numero che conferma la tendenza positiva dell’ultimo triennio, dal 2014 ad oggi, e...

Ecobonus, con l’apertura alle banche sventato pericolo

La Commissione bilancio della Camera approva un emendamento che estende la facoltà di cessione delle detrazioni

La campagna di sensibilizzazione di Rete Irene ha avuto successo: «I beneficiari degli incentivi che si trovano nella no tax area (chi ha un reddito annuo inferiore a circa 8 mila euro) avranno la possibilità di cedere le proprie detrazioni non solo ai fornitori o ad altri soggetti privati, ma anche alle banche e agli...

Ecco quanto (e come) spende la Pubblica amministrazione italiana per l’energia

L’Enea al Forum Pa: «Efficienza energetica elemento fondamentale»

Secondo i dati Siope (il Sistema informativo sulle operazioni degli enti pubblici) elaborati dall’Enea – che in questi giorni partecipa al Forum Pa, in corso a Roma – nel 2016 la Pa centrale ha speso per elettricità, riscaldamento e trasporto circa 117 milioni di euro, di cui 35% per l'energia elettrica, 4% per il gas...

Cosa cambia per gli acquisti verdi (Gpp) con il decreto correttivo al Codice degli appalti

Luci e ombre del provvedimento secondo la Fondazione per lo sviluppo sostenibile

Entra in vigore il 20 maggio il decreto legislativo del 19 aprile 2017 n. 56, che con 131 articoli integra e corregge i 220  articoli del Codice sugli appalti pubblici (dlgs del 18 aprile 2016 n. 50), a un anno dalla sua emanazione. Pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 103 del 5 maggio, il cosiddetto “decreto correttivo”...

L’insostenibile pesantezza della Pubblica amministrazione italiana, spiegata da chi ci lavora

Il mostro che strangola il Paese e la green economy è la “burocrazia difensiva”: restare fermi, prendere il minimo delle responsabilità possibili per la paura di sbagliare

La 28esima edizione del Forum Pa, aperto oggi a Roma, si articola attorno a una domanda fondamentale: quale Pubblica amministrazione occorre all’Italia per raggiungere entro il 2030 i 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile approvati – e sottoscritti anche dal nostro Paese – dall’Onu nel settembre 2015? Si tratta di un quesito centrale, almeno per due...

Non ci sarà mai sviluppo sostenibile senza una riduzione della disuguaglianza

Dal Festival promosso dall’ASviS sì un reddito minimo in Italia, coniugato «con un welfare locale di comunità» e senza rinunciare a risolvere «il problema del basso tasso di occupazione»

Il primo Festival italiano dello sviluppo sostenibile, che ha aperto ieri i battenti a Napoli, ha messo in chiaro qual è oggi il più grande problema del mondo: la crescita incontrollata della disuguaglianza, in molteplici forme. Un problema che riguarda molto da vicino anche l’Italia, tanto che nella sessione “Un reddito per tutti?” Maurizio Ferrera...

Luci e ombre delle biotecnologie italiane, un settore ad alto tasso di innovazione

Il comparto Green Biotech raggiunge il 9% circa del fatturato complessivo del settore

Secondo il "Terzo rapporto sulla Bioeconomia" realizzato da Assobiotec e Intesa Sanpaolo «il comparto biotech è cuore della bioeconomia - ovvero quella economia che utilizza le risorse biologiche, provenienti dalla terra e dal mare, ma anche i rifiuti come input per la produzione energetica, industriale, alimentare e mangimistica. Il nostro Paese è tra i leader in Europa nella...

Il turismo sostenibile al centro della Giornata mondiale della biodiversità (VIDEO)

Wwf: «Lupi, orsi, elefanti e gorilla valgono più vivi che morti»

La Giornata mondiale della biodiversità, indetta dall’Onu, quest’anno è  dedicata al turismo sostenibile, e al ruolo che  può svolgere per difendere specie e habita, e il Wwf sottolinea «i benefici economici, spesso sconosciuti,  di specie come i gorilla, gli elefanti, le tigri e le balene, e in Italia simboli della natura selvaggia come orsi e lupi,...

Inizia il 1° Festival dello sviluppo sostenibile, ma l’Italia ha poco da festeggiare

Giovannini (ASviS): «In nessun caso rientra nella ‘zona verde’, cioè in linea con gli obiettivi Onu». Preoccupa la crescita delle disparità all’interno del Paese e fuori

Le prospettive economiche per l’Italia delineate oggi dall’Istat, che prevede per il Paese una crescita economica al +1% del Pil nell’anno in corso, sono perfettamente a metà tra quelle del governo nel Def (+1,1%) e quelle indicate dalla Commissione Ue (+0,9%). Solo a fine dicembre sarà chiaro il dato reale, ma più delle previsioni è...

A 20 anni dalla nascita del Conai, cosa manca all’Italia per diventare un’economia circolare?

Avviate a riciclo nell’ultimo anno 8,5 milioni di tonnellate di rifiuti da imballaggi, a fronte di 508,6 milioni di tonnellate di materie prime consumate

Nei primi 20 anni di attività del Conai, costituito nel 1997 in seguito all’entrata in vigore del decreto Ronchi, l’Italia ne ha fatti di passi avanti nella gestione dei propri rifiuti da imballaggio. La Fondazione per lo sviluppo sostenibile presieduta da Ronchi, che ieri ha promosso insieme al Conai l’Assemblea pubblica del Consorzio, ne dà conto...

Geotermia, dal Cnr e dalla Banca mondiale i dati aggiornati sulle emissioni in atmosfera

«Anche i quantitativi emessi dagli impianti a ciclo aperto sono inferiori rispetto a quelli generati dalla produzione di energia elettrica da combustibili fossili»

Gli impieghi della geotermia in Europa stanno crescendo in quantità e qualità. Secondo i dati comunicati nel notiziario Ugi (Unione geotermica italiana) dal presidente del Consiglio europeo per l'energia geotermica (Egec), Ruggero Bertani, oggi «sono in funzione 88 impianti di generazione geotermoelettrica, con una capacità installata totale di 2,28 GWe» insieme a «527 impianti di...

La più importante cattedrale di New York si affida alla geotermia

Per il raffrescamento e riscaldamento di San Patrizio è stata scelta la fonte rinnovabile

Uno dei più antichi e preziosi edifici di Manhattan – la cattedrale di San Patrizio, sede dell’arcidiocesi di New York – è adesso riscaldata e raffrescata utilizzando l’energia geotermica del sottosuolo, convogliata nel luogo di culto e negli edifici adiacenti (per oltre 7.000 metri quadrati di spazio) attraverso apposite pompe di calore. L’operazione, condotta al fine...

A che punto è il cammino verso l’impiego di aggregati riciclati nelle infrastrutture italiane?

Anpar: il ministero dell’Ambiente completi rapidamente i Cam, e le pubbliche amministrazioni li applichino davvero

Si conclude oggi a Ravenna la decima edizione di Fare i conti con l’ambiente, importante palcoscenico della green economy dove Anpar – l’Associazione nazionale produttori aggregati riciclati – ha evidenziato la necessità di sanare un paradosso tutto italiano: l’industria del riciclo dei rifiuti inerti costituisce infatti a livello europeo un pilastro dell’economia circolare, mentre nel...

Il piano inclinato della popolazione italiana

Come la demografia è sempre più intrecciata con i fattori di crescita economica e benessere sociale

La popolazione italiana ha superato i 60 milioni di abitanti nel corso del 2013. Ha raggiunto quota 60 milioni e 800 mila circa al primo gennaio 2015. Poi non è più cresciuta. Secondo le previsioni con base 2011 (scenario centrale) avremmo dovuto essere oggi già oltre i 62 milioni. Tali previsioni erano, per la verità,...

Per il premio Nobel Joseph Stiglitz la disuguaglianza è una scelta politica, anche in Italia

Nel nostro Paese in 40 anni il reddito medio dell’1% più ricco è passato da 150mila a oltre 250mila euro l’anno. Per il 90% più povero invece è rimasto pressoché stabile

L’inadeguatezza con la quale classe politica e (dunque) Stato italiano stanno affrontando la crescente disuguaglianza economica palpabile tra i cittadini residenti entro gli stessi confini è tornata alla ribalta a seguito dei dati pubblicato dall’Istat, all’interno del proprio 25esimo rapporto annuale. Dall’analisi dei dati risulta che, sebbene l’aumento della disuguaglianza nella distribuzione dei redditi sia...

Altro che fisco verde: in Italia solo l’1% delle tasse ambientali serve a proteggere l’ambiente

«La fiscalità ambientale è poco coerente e necessiterebbe di una riforma». A dirlo è il governo

La fiscalità ambientale può essere utilizzata per intervenire direttamente a favore del Capitale Naturale, tassando gli utilizzi delle risorse naturali e i fattori di pressione più importanti, e riutilizzando il gettito per finanziare gli interventi necessari per il raggiungimento degli obiettivi di prevenzione, ripristino, gestione e valorizzazione del Capitale Naturale. Come noto, tuttavia, l’attuale quadro...

Quanto sborsa davvero lo Stato italiano per l’ambiente? «Lo 0,7% della propria spesa primaria»

Crollo verticale anche per gli investimenti pubblici con finalità ambientali, fermi a 4,3 miliardi di euro l’ultimo anno (-61% rispetto al 2010)

Pubblicando il suo 25esimo Rapporto annuale, ieri l’Istat ha offerto una fotografia impietosa di un’Italia dove il progressivo allargarsi delle disuguaglianze tra i propri cittadini moltiplica le fratture sociali, con pesanti ricadute sulle possibilità di sviluppo (sostenibile) per l’intero Paese. A questa prospettiva è però indispensabile aggiungerne una seconda, volta a indagare quantità e qualità...

La transizione ecologica di Macron spiegata da Edo Ronchi

In Italia siamo ormai praticamente in campagna elettorale, eppure le istanze della green economy sono quasi assenti nel dibattito politico

La transizione ecologica è per Macron “prioritaria” per affrontare le sfide della nostra epoca a partire da quella climatica, perché coinvolge “tutti gli aspetti della vita economica e sociale”: una transizione innanzitutto “economica ed energetica”, in altri termini una transizione verso una green economy. Una transizione ecologica ben articolata in 6 capitoli di politiche e...

Disastro acque reflue, in Italia «758 agglomerati violano diverse norme della direttiva Ue»

La Commissione europea attacca: «L'Italia non è conforme da ormai oltre 10 anni». Oggi l’ultimo avvertimento

Se per le 44 discariche italiane «non conformi» secondo il diritto comunitario la frittata ormai è fatta, con l’Italia appena deferita dalla Commissione europea alla Corte di giustizia Ue, per quanto riguarda la (mala)gestione delle acque reflue urbane è probabilmente solo questione di tempo. Da Bruxelles è arrivato oggi un nuovo “parere motivato”, l’ultimo prima...

Caste d’Italia: come i problemi dei giovani 25-34enni italiani iniziano (e finiscono) in famiglia

Istat: «Le caratteristiche della famiglia di origine condizionano le possibilità di lavoro dei giovani»

Il 68,1% dei giovani italiani di età compresa tra i 15 e i 34 anni vive ancora nella famiglia d’origine secondo quanto comunicato oggi dall’Istat all’interno del proprio 25eismo Rapporto annuale, un documento nel quale per la prima volta l’Istituto indaga in profondità «per capire quanto il contesto familiare influisca sulla condizione occupazionale dei più...

Disuguaglianza, Istat: lo Stato italiano è il peggiore d’Europa nel ridistribuire la ricchezza

Dal 2008 al 2015 l’intensità della redistribuzione in Spagna è cresciuta del 5,2% (e nella flagellata Grecia del 10,8%) mentre in Italia di un misero 0,7%

Un anno fa l’Istat, all’interno del suo 24esimo Rapporto annuale metteva nero su bianco l’andamento della disuguaglianza nella distribuzione dei redditi di mercato all’interno dei Paesi ricchi: da un confronto con i dati disponibili risultava evidente la drammatica performance dell’Italia, dove tra il 1990 e il 2010 la disuguaglianza era aumentata più che in ogni altro Stato dell’Ocse. Questo...

  1. Pagine:
  2. 1
  3. 2
  4. 3
  5. 4
  6. 5
  7. 6
  8. 7
  9. ...
  10. 73