Economia ecologica

Rifiuti, Livorno corre da sola: Aamps cambia cda, ma restano le vecchie illusioni

Rifiuti zero, termovalorizzatore spento e no a RetiAmbiente: questi i punti che la nuova amministrazione si impegna a rispettare. Con quali basi?

Tre nuovi nomi, e il solito programma: oggi l’assemblea dei soci Aamps – ovvero il Comune di Livorno – ha nominato i membri del nuovo cda che dovrà guidare la municipalizzata verso il concordato preventivo in continuità. Si tratta del quarto cambio di dirigenza in meno di due anni, ovvero da quando la maggioranza pentastellata...

Papa Francesco, la quarta rivoluzione industriale e il World economic forum

«L’uomo deve guidare lo sviluppo tecnologico, senza lasciarsi dominare da esso!»

A Davos, in Svizzera, è in corso il World economic forum (Wef),  che quest’anno ha per tema “Mastering the Fourth Industrial Revolution” (Padroneggiare la quarta rivoluzione industriale) e Papa Francesco ha inviato a Klaus Schwab, il presidente esecutivo del Wef, un messaggio nel quale si legge: Le porgo i miei cordiali auguri per la proficua...

Il teleriscaldamento geotermico in Toscana, arma vincente per ambiente ed economia

In Toscana il primato della geotermia, come noto, è mondiale: è qui che (a Larderello) è stata costruita più di un secolo fa la prima centrale geotermoelettrica al mondo, un record che ha dato frutti nel tempo e che permette ancora oggi all’Italia intera di essere è il primo produttore europeo in questo settore, e...

L’Italia in retromarcia: cala l’energia prodotta da rinnovabili, mentre è record nel mondo

Della Seta e Ferrante (Green Italia): «Governo italiano anacronistico, sembra considerarle un impaccio invece che un’occasione»

Notizia clamorosa e negativa è arrivata oggi da Terna: in Italia nel 2015 si è ridotto rispetto all’anno precedente il contributo da fonti rinnovabili alla produzione di energia elettrica, passando da più del 43% raggiunto nel 2014 al 39,8% del 2015. Vero è che il motivo principale della riduzione - anche in percentuale sul totale...

Quale ripresa? Per l’agenzia Onu sul lavoro nel 2016 avremo 2,3 milioni di disoccupati in più

Nel nostro Paese a fine anno saranno 3 milioni. Globe Italia: «Lotta ai cambiamenti climatici vale + 1,5% del Pil»

Alla fine di quest’anno, nel mondo si conteranno 2,3 milioni di disoccupati in più; una tendenza che non si fermerà nel 2017, quando saranno lasciate a terra altre 1,1 milioni di persone, fino ad arrivare a 200,5 milioni di disoccupati. Ad affermarlo è la massima autorità mondiale in fatto di lavoro, l’Ilo – l’ International...

I green job possono essere il futuro del lavoro? La risposta è sì, e arriva da Firenze

Si ferma per sciopero l’industria della costa toscana, ma le possibilità di rilancio esistono e sono verdi

Scioperi, proteste, ma anche proposte: è un denso intreccio di eventi quello che oggi ha sancito il ritorno sulla scena della questione industriale toscana. Da una parte – lungo tutta la provincia di Livorno – uno sciopero generale di 8 ore (indetto da Filctem Cgil, Femca Cisl, Flei Cisl, Uiltec Uil provinciali, e sostenuto anche...

La Toscana del turismo sostenibile che difende l’ambiente

Le bellezze toscane dell’etichetta ecologica “Turismo Bellezza Natura” di Legambiente

Un circuito di strutture turistico/ricettive in Toscana, e in tutta Italia, amiche dell’ambiente e del turismo sostenibile. È questo il valore aggiunto che Legambiente Turismo affida alle migliori strutture italiane con l’etichetta ecologica “Turismo Bellezza Natura”, che le rende “Esercizi consigliati per l’impegno in difesa dell’ambiente”. I turisti possono scoprire e scegliere le migliori offerte, in una varietà...

Sulle trivelle la parola ai cittadini: la Corte costituzionale approva il referendum

Esultano gli ambientalisti: «Il governo Renzi ha promosso forzature inaccettabili»

Il referendum promosso per far retrocedere le trivelle dai mari italiani si terrà. La decisione sull’ammissibilità è arrivata oggi dalla Corte costituzionale, chiamata ad esprimersi sull’unico quesito referendario rimasto in piedi dei 6 inizialmente presentati dai promotori dell’iniziativa, ovvero 9 regioni italiane. Sugli altri 5 a fare marcia indietro per evitare una probabile sconfitta è...

Nuovi inceneritori, sì o no? Lo Sblocca Italia risponde alla domanda sbagliata

Gli ambientalisti: dal governo «stessi punti critici e ipotesi irricevibili». A regnare è il caos

Domani la Conferenza Stato-Regioni dovrà (o meglio, dovrebbe) tornare ad esaminare una vecchia conoscenza: il decreto attuativo dell’articolo 35 dello “Sblocca Italia”, un testo nel quale si individuano gli inceneritori considerati strategici a livello nazionale, sia per quanto riguarda gli impianti con recupero energetico (termovalorizzatori e impianti Tmb), sia i più propriamente detti “inceneritori”, senza...

Geotermia e teleriscaldamento come fattori di competitività economica: l’Amiata si apre al confronto

Nonostante un calo impressionante nelle quotazioni del petrolio e delle altre commodity energetiche (fossili), che ha fatto precipitare il prezzo al barile dai 120 dollari di pochissimi anni fa ai poco meno di 30 attuali, la “fattura energetica” pagata nel complesso dall’Italia è sì calata in modo sensibile, ma con ricadute inferiori alle attese per...

L’1% ha vinto la sua battaglia, in anticipo: 62 super-ricchi valgono quanto il 50% del mondo

In Italia trend in crescita: l’1% possiede il 23,4% di ricchezza nazionale netta, e ne conquista sempre di più

La virtù sta nel mezzo, sostenevano gli antichi, ma certamente la ricchezza preferisce muoversi tra gli estremi. Almeno ai nostri giorni, quando la macchina tritatutto della disuguaglianza economica sta allargando drammaticamente la sua forbice: nel nuovo rapporto Oxfam Un’economia per l’1% si fotografa un mondo – il nostro – in cui 62 super-ricchi possiedono la...

Geotermia, investimenti da 500 milioni di euro anche per gli impianti pilota

Riceviamo e pubblichiamo la risposta di Diego Righini (Geotermia Italia Spa) all’intervista rilasciata da Massimo Montemaggi (Enel green power) su queste pagine

Rispondiamo anche noi con entusiasmo all'intervista rilasciata dall'ing. Massimo Montemaggi alla guida da oltre 10 anni del settore geotermico di Enel Green Power, che dopo una lunga attesa, dichiara di volere investire oltre 500 milioni di euro per sistemare la tecnologia delle centrali geotermoelettriche toscane, eliminando le emissioni e re-iniettando tutto il fluido geotermico nei...

Enel green power: «Nei prossimi 5 anni 500 milioni di euro per la geotermia toscana»

«Investimenti indirizzati all’efficientamento degli impianti e a una loro sempre più eccellente ambientalizzazione»

Dopo l’annuncio, la concretezza: Enel e Enel green power diventano un’unica realtà. Cosa cambierà nella gestione degli impianti italiani del gruppo, e toscani in particolare? «Enel Green Power rimarrà il motore della crescita di Enel. In quest’ottica gli impianti di produzione in Italia e, in particolare, quelli presenti in Toscana, dove vantiamo un importante primato...

Rinnovabili: nuovo record d’investimenti nel mondo, ma è fuga dall’Italia

Il prezzo del petrolio ai minimi non ferma l’energia pulita, ma c’è chi va controcorrente

Da più di 120 dollari a barile a meno di 30: il prezzo del petrolio sui mercati mondiali ha subito un tracollo impensabile solo pochi anni fa, ma che sembra destinato a rappresentare il new normal – seppur in un mercato sempre più dominato dalla volatilità – per ancora molto tempo. Secondo le ultime previsioni...

Piombino nel patto d’acciaio tra 11 città: avevano ragione gli ambientalisti

Nasce il Coordinamento delle realtà siderurgiche italiane, per una strategia comune

In Toscana l’industria dell’acciaio ha una storia millenaria, che parte con gli Etruschi e ha trovato la sua massima espressione in Piombino, ma tra mille difficoltà la siderurgia – individuata dall’Ue come settore manifatturiero strategico – continua a essere un asse portante non solo regionale ma di tutta l’industria italiana. Perché allora non operare in...

World economic forum, nel 2016 il cambiamento climatico è «il rischio globale numero uno»

È la prima volta: più il tempo passa più i pericoli legati al clima aumentano, se non contrastati

Per la prima volta, il gotha dell’economia mondiale riconosce esplicitamente il cambiamento climatico come il rischio più grande per il mondo. Non le armi di distruzione di massa (che occupano il 2° posto della lugubre classifica), non le crisi idriche (3° posto), le migrazioni involontarie su larga scala (4°) o i forti shock dei prezzi...

Shopping industriale, tra Germania e Italia vince la Toscana: 22 milioni di euro per la geotermia bavarese

Dal 2008 le imprese tedesche hanno fatto acquisizioni italiane per 15 miliardi di euro. Stavolta si cambia segno

L’annunciata vendita da parte dell’italiana Eni del 70% di Versalis (in pole position per l’acquisto c’è il colosso americano Sk Capital) non ha niente a che vedere con i saldi invernali. Lo shopping di aziende estere entro i confini industriali italiani è una tendenza che parte da lontano, e che si è accentuata in questi...

È ufficiale: nel 2015 la Costa Rica ha ottenuto il 98,95% dell’energia elettrica dalle rinnovabili

E in contemporanea la bolletta per i costaricani è scesa del 12%

Alla fine la Costa Rica non ce l’ha fatta: si è “fermata” a circa il 99% di produzione elettrica da fonti rinnovabili. Dopo aver annunciato che nei primi 75 giorni dell’anno appena concluso aveva raggiunto la piena autonomia, smarcandosi completamente dai combustibili fossili, il bilancio finale è – seppur ottimo– ancora leggermente da migliorare. La...

Aamps, se Livorno sceglie l’autosufficienza sui rifiuti si dovrà dotare di impianti: discarica compresa

Colpevolmente, la politica (tutta) continua a ignorare la "materia"

Il crescente caos in cui a Livorno è fatta precipitare la municipalizzata dei rifiuti Aamps sta portando a conseguenze imprevedibili. Ieri il sindaco a 5 Stelle Filippo Nogarin ha azzerato il cda dell’azienda, revocando le cariche ad Aldo Iacomelli e Marco Di Gennaro. Sull’onda del tumulto, nel pomeriggio si è poi riunito il Consiglio comunale...

Geotermia e salute in Toscana, cosa sappiamo davvero oggi

Egp: «Le emissioni geotermiche costituiscono un fenomeno da tempo conosciuto e assolutamente inoffensivo dal punto di vista della salute»

Carsicamente, la geotermia toscana e in particolare quella amiatina si trovano investite di dubbi, accuse e paure per quanto riguarda gli effetti sulla popolazione del territorio. Tali timori risiedono nel campo delle dissonanze cognitive, ma si nutrono anche di dati reali; nell’ultimo incontro pubblico organizzato dall’Osservatorio geotermia e salute dell’Ars Toscana (l’Agenzia regionale di sanità) ad...

Geotermia e turismo, non solo Toscana: il caso Islanda

Una risorsa che potrebbe dare una mano per rilanciare l'economia

È noto come la geotermia sia - oltre che una formidabile risorsa di approvvigionamento energetico - un volano di sviluppo turistico. Basti pensare, per quanto riguarda la Toscana, al Museo della Geotermia di Larderello (PI) o al Parco Naturale delle Biancane di Monterotondo M.mo (GR), che ogni anno accolgono decine di migliaia di visitatori. Oppure...

Il governo sbugiarda il governo: l’Italia cresce meno dei paesi Ue

Krugman: «Investimenti pubblici necessari per infrastrutture, istruzione, tecnologia, ambiente»

Non inizia al meglio l’anno 2016 per l'Italia, quantomeno sotto il profilo economico. Le ultime rilevazioni del Centro studi di Confindustria, diffuse oggi, affermano che «la fiducia tra le imprese manifatturiere è diminuita di 0,3 punti in dicembre rispetto a novembre», anche se rimangono comunque sui «livelli più elevati degli ultimi quattro anni». La produzione...

Il 2015 dell’ambiente visto dal Comune di Piombino

Riassumendo le tappe di questo 2015 durante la conferenza stampa di fine anno, nel Comune di Piombino, l’ambiente non ha rivestito un ruolo marginale. Ieri è stato l’assessore Marco Chiarei (nella foto) a sintetizzare il suo lavoro in due obiettivi strategici, avviati nel 2015 ma che contrassegneranno anche il 2016: il passaggio di Asiu per...

Livorno, attorno all’Aamps tanti fuochi d’artificio ma ancora nessun Piano industriale

Col finire del 2015 ancora non si è consumata la pièce drammatica che ormai ruota attorno alle ben più serie sorti dell'Aamps, la municipalizzata livornese dedita all’igiene urbana. In compenso non mancano colpi di scena e fuochi d’artificio. Ieri abbiamo dato nota della querela, da parte degli amministratori grillini, contro i vertici di RetiAmbiente, il...

Il 2016 sarà l’anno della geotermia in Messico

Il Messico, secondo l'ultimo aggiornamento delle tabelle IGA(International Geothermal Association) si colloca, in termini di potenza installata, al quarto posto tra i paesi “geotermici”, con ben 1.017 Mwe, pari a circa l'8% del totale globale. Un valore che, tuttavia, nel caso messicano, è -secondo le stime dell'Agenzia Internazionale per l'Energia (IEA)- destinato a crescere del 27,9%...

Tra Expo e pallone: ospitare un grande evento è un gioco che vale la candela?

A 2 mesi dalla chiusura dell’Esposizione universale, una valutazione sugli impatti economici

A fine ottobre 2015 si è concluso l'Expo a Milano e, al di là dell’evidente successo di una manifestazione che ha visto la partecipazione di più di 20 milioni di persone da tutto il mondo, la domanda che si fanno tutti gli esperti è: organizzare un evento di queste proporzioni è un gioco che vale...

Lo smog in Italia non è un’emergenza

I picchi nell’inquinamento dell’aria si ripresentano puntuali, a mancare sono piuttosto volontà politica e investimenti

Nel Bel Paese lo smog non è un’emergenza, non lo è mai stato. O per lo meno, non ha niente del fenomeno estemporaneo cui si può definitivamente rimediare tramite interventi una tantum. Si provi a cliccare due volte sulla parola “emergenza”, in questa pagina; prontamente il dizionario Zanichelli darà la definizione di “circostanza o difficoltà...

Piombino, protocollo d’intesa con Confindustria per l’attuazione del Prri

Il Piano di riconversione e riqualificazione industriale (Prri) rappresenta un’importante cornice istituzionale per il rilancio di un’area riconosciuta da tempo come “di crisi complessa”. Nel concreto, si sostanzia in decine di milioni di euro volte a incentivare all’insediamento, ampliamento e trasformazione delle iniziative industriali nell’area di Piombino, un intervento che vede dunque nella collaborazione delle...

L’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici: miracolo o disastro?

Un’analisi dei principali elementi positivi e negativi emersi dalla Cop21, a confronto con le intese siglate in passato

L’ambivalente natura dell'Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici è ben riassunta da questa frase di George Monbiot, apparsa sul quotidiano inglese The Guardian (in un articolo ripubblicato - tradotto in italiano - da Internazionale): “rispetto a quello che avrebbe potuto essere, è un miracolo. Rispetto a quello che avrebbe dovuto essere, è un disastro”.[1] L'Accordo...

In Maremma il primo impegno dei nuovi dirigenti nazionali di Legambiente

Muroni, Ciafani, Zanchini e Cirino a Rispescia, per pianificare le attività del 2016

Rossella Muroni, nuova presidente nazionale di Legambiente, Stefano Ciafani direttore nazionale, Edoardo Zanchini vicepresidente e Nunzio Cirino Groccia amministratore del Cigno Verde, eletti dal recente Congresso Nazionale di Milano  dell’associazione ambientalista più importante e diffusa in Italia, hanno fatto la loro prima riunione ufficiale al Centro nazionale di Rispescia per incontrare i responsabili dei diversi settori e i volontari che gestiscono...

  1. Pagine:
  2. 1
  3. ...
  4. 129
  5. 130
  6. 131
  7. 132
  8. 133
  9. 134
  10. 135
  11. ...
  12. 193