Economia ecologica

Artico: una posta in palio ricca ma rischiosa

Con i cambiamenti climatici si apriranno nuove rotte commerciali e la possibilità di accedere a rilevanti risorse minerarie, in un ecosistema importante quanto fragile

Oltre 4mila chilometri separano Roma da Capo Nord, ma con i cambiamenti climatici il Circolo polare artico è più vicino di quanto si pensi. La pesante ondata di freddo e maltempo che ha colpito il maggio italiano – e quello di larga parte dell’Europa centrale – trova il suo primo responsabile nell’Artico, che tende a surriscaldarsi...

Sei Toscana, nell’Ato sud migliora la soddisfazione dei cittadini per la gestione rifiuti

In particolare il cassonetto ad accesso controllato riscuote un’alta soddisfazione nel 71,2% degli intervistati, contro il 67,8% registrato per il porta a porta e il 59,5% per i cassonetti stradali

Sei Toscana – ovvero il gestore unico del servizio integrato dei rifiuti urbani nell'Ato sud – opera su oltre metà del territorio toscano, ma con 104 Comuni e quasi 899mila abitanti serviti da oltre mille dipendenti rappresenta una delle più importanti attive nell’economia circolare a livello nazionale. Affiancando i numeri riportati nel primo Report di sostenibilità...

Anche CoSviG nel Cluster tecnologico nazionale “Energia”

Torsello: «Lo sviluppo economico e industriale può conciliarsi con la sostenibilità delle scelte solo se ricorre alla ricerca e all’innovazione tecnologica, cercando nuove soluzioni ai problemi delle imprese e delle società»

Ha preso finalmente il via a livello operativo il Cluster tecnologico nazionale “Energia”, uno dei dodici nati a partire dal 2012. I Cluster tecnologici costituiscono i presidi degli ambiti tecnologici prioritari sui quali il Governo intende concentrare gli sforzi di politica di ricerca industriale: una rete formata dai principali soggetti pubblici e privati che operano...

Mater-bi, la bioplastica che si degrada (anche) in ambiente marino

Si biodegrada velocemente come la carta, e non causa microplastiche persistenti. Mitiga il rischio ecologico, ma non per questo l’abbandono in mare è innocuo: «A prescindere dalla biodegradabilità, il rilascio incontrollato deve essere stigmatizzato»

L’inquinamento da plastiche rappresenta una sfida colossale per la salubrità degli ecosistemi marini: nel mondo circa l'85% dei rifiuti presenti in mare è in plastica, e i mari italiani – dove galleggiano 179.023 particelle di microplastica per km quadrato – non sfuggono certo al problema. Per affrontarlo condannare il materiale in sé è poco utile,...

Il Consorzio per lo sviluppo delle aree geotermiche (CoSviG) ha un nuovo Cda

Bravi: «Ci aspettano anni importanti di crescita e sviluppo, di sfide e di obiettivi da raggiungere, senza mai dimenticare che la nostra forza principale è quel territorio il cui sviluppo a tutto tondo è tra gli scopi statutari di CoSviG»

L’assemblea dei soci di CoSviG – il Consorzio per lo sviluppo delle aree geotermiche – si è riunita nei giorni scorsi a Radicondoli con il compito di reintegrare il Consiglio d’amministrazione a seguito della tragica scomparsa del suo presidente “storico”, Piero Ceccarelli, avvenuta poco più di un mese fa. In quest’occasione i soci del Consorzio,...

Trasporto aereo: da biomasse, vapore e luce solare un nuovo carburante per tagliare le emissioni

Su Nature Energy il frutto di una ricerca internazionale condotta tra Cina, Italia, Francia e Germania

Nell’Unione europea le emissioni di gas a effetto serra prodotte dal trasporto aereo internazionale sono più che raddoppiate dal 1990, e lo stesso sta accadendo a livello globale: se non saranno intraprese nuove misure di attenuazione, si prevede che entro il 2050 dal settore dei trasporti aerei e marittimi arriverà quasi il 40% delle emissioni di...

Roma sommersa dai rifiuti, l’Ordine dei medici: «Rischio emergenza sanitaria e incendi»

«La pericolosa combinazione di cumuli di spazzatura abbandonata intorno ai cassonetti strapieni e il caldo eccezionale sta trasformando la Capitale in una maleodorante discarica a cielo aperto, con forti rischi per la salute dei cittadini»

Roma non ha abbastanza impianti industriali per gestire i rifiuti prodotti dai propri cittadini: un dato di fatto che la espone a picchi di crisi, come quello che è in corso da settimane, tanto da far scattare l’allarme anche all’Ordine dei medici: «La pericolosa combinazione di cumuli di spazzatura abbandonata intorno ai cassonetti strapieni e...

Metalli rari, il costo nascosto della transizione ecologica

«Nulla cambierà radicalmente finché non sperimenteremo sotto le nostre finestre il costo complessivo della nostra felicità standard»

La più grande speranza dell’Europa e la sua maggiore fonte di destabilizzazione interna, ben rappresentate dall’Onda verde e dai partiti sovranisti nell’ultima tornata elettorale, trovano un punto di contatto inaspettato: i metalli rari, ovvero l’ossatura invisibile delle nostre società moderne. Hanno nomi strani o mai sentiti, come promezio, vanadio o lutezio, ma le loro eccezionali...

Il decreto Crescita è legge: cosa prevedono i crediti d’imposta per riciclo e riuso

In tutto si parla di incentivi fino a 30 milioni di euro, ma per diventare operativi mancano ancora i decreti attuativi

È stato convertito in legge (con modificazioni) il decreto Crescita, ovvero il Dl 34/2019 “recante misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi”, all’interno del quale sono stati inseriti i crediti d’imposta per riciclo e riuso inizialmente previsti dalla pdl sulle Semplificazioni fiscali. Attraverso le modificazioni inserite in fase...

«Liberiamo l’Adriatico dalle energie fossili»

Da Rimini l'appello per l’immediato smantellamento delle 34 piattaforme inattive e abbandonate nei nostri mari

Oggi a Rimini Legambiente ha presentato il rapporto “Oltre il fossile: energia e lavoro nell’Adriatico del Futuro”,  un piano per l’Adriatico  per salvare clima e lavoro, partendo dal grande “cantiere” di dismissioni delle piattaforme  e dalle energie rinnovabili. Secondo l’associazione ambientalista «Il settore degli idrocarburi in Emilia Romagna è da tempo in crisi. Lo è...

Rifiuti, ecco come buttare il cartone della pizza per una buona raccolta differenziata

Piccoli ma determinanti suggerimenti affinché i vari anelli dell’economia circolare non s’inceppino

Le scatole per la pizza, prima di essere messe nella raccolta differenziata della carta, devono essere esaminate bene: svuotatele da tutti i residui di cibo oppure, se sono unte o molto sporche, le scatole vanno direttamente nell’organico. Si tratta di piccoli ma determinanti suggerimenti affinché i vari anelli dell’economia circolare non s’inceppino. Il settore della...

Dalla Francia a Larderello per capire la geotermia

Gli studenti della scuola di ingegneria di Rueil-Malmaison hanno approfondito direttamente in Toscana gli aspetti tecnici e di sostenibilità legati a questa fonte rinnovabile

Dopo le visite didattiche sulla geotermia condotte a Larderello neanche un mese fa dall’Università di Pisa, da quella dell’Illinois e dal Politecnico di Milano non si arresta il flusso di studenti in arrivo nella capitale mondiale della geotermia per capire come è possibile impiegare questa fonte rinnovabile per lo sviluppo sostenibile del territorio: un gruppo...

Trasporti, l’Italia non deve più vendere veicoli a combustione interna entro il 2030

Le principali associazioni ambientaliste unite da un appello in 10 punti inviato al Governo per migliorare il Piano nazionale energia e clima

Per vincere la sfida contro i cambiamenti climatici è cruciale migliorare il settore trasporti, che è responsabile – in Italia e in Europa – di circa il 28% delle emissioni totali. Nonostante lo scandalo Dieselgate e le promesse di ripulire il comparto ad oggi grandi miglioramenti non si vedono, anzi. Come testimonia l’ultimo report dell’Agenzia...

Il Giappone riprende la caccia commerciale alle balene

Fine della menzogna della caccia scientifica. Caccia solo nelle acque territoriali e nella Zee del Giappone

Ufficialmente, la caccia commerciale alle balene era finita nel 1986, ma il Giappone non aveva mai davvero smesso di sterminare cetacei grandi e piccoli perché aveva trovato un trucco per aggirare la moratoria: le campagne di caccia alle balene nell’oceano australe erano state ribattezzate missioni di ricerca scientifica. Alla fine il Giappone, criticato dalla maggioranza...

Sea Watch, qual è il problema?

Greenpeace: «Resteremo umani, fino alla fine. Al fianco di Pia, di Carola»

Le leggi del mare le fanno i marinai. Donne e uomini che sanno che il mare non perdona. Restare umani, in mare, è spesso l’unica alternativa alla barbarie. Vale anche a terra. Le leggi del mare ci dicono che chi non presta soccorso in mare è un infame. Chi si impegna a farlo, è un eroe....

Negli Usa ad aprile le energie rinnovabili hanno battuto per la prima volta il carbone

Ma aumentano comunque le emissioni di CO2 a causa del boom delle centrali a gas

Secondo l’ultimo rapporto dell’Energy information agency Usa (Eia), <ad aprile negli Stati Uniti d’America è successo qualcosa di straordinario: per la prima volta l’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili ha superato quella prodotta con il carbone. Mentre l'energia rinnovabile – comprese le energie idroelettrica, eolica, solare, geotermica e delle biomasse - costituiva il 23% della...

Goletta Verde: in Emilia Romagna non inquinati i prelievi, ma permangono alcune criticità

Legambiente lancia la richiesta di liberare le spiagge dell’Emilia Romagna dalla plastica

Degli undici campionamenti effettuati da Goletta Verde lungo le coste dell’Emilia Romagna, in nessun punto gli inquinanti analizzati, marker specifici di problemi legati a una cattiva o assente depurazione, hanno superato il limite previsto dalla normativa. «Un monitoraggio – sottolineano quelli di Goletta Verde - che, dopo le intense piogge del mese di maggio che hanno causato numerose criticità...

GeotermiaSì chiede un Consiglio regionale a Larderello

Incentivi negati, Piancastagnaio 6 e crisi degli appalti i temi posti sul tavolo

Il comparto della geotermia e tutto l’indotto collegato, in Toscana e (dunque) in Italia, sta soffrendo una fase di stallo su più fronti, prospettando una grave crisi per i territori direttamente coinvolti e più in generale per la produzione di energia rinnovabile dal calore della terra, in grado da solo di coprire oltre il 30%...

Geoenvi, come rispondere alle preoccupazioni ambientali sulla geotermia? La parola a CoSviG

Inizia con l’intervento del Consorzio per lo sviluppo delle aree geotermiche un programma d’interviste per approfondire i contenuti emersi durante il primo dibattito pubblico sul tema

Quali sono i reali impatti ambientali legati all’impiego della geotermia – con le varie tecnologie disponibili – come fonte rinnovabile utile per produrre l’energia di cui tutti abbiamo bisogno? Per sgombrare il campo dagli equivoci e rispondere con solidi dati scientifici è nato il progetto europeo Geoenvi (Tackling the environmental concerns for deploying geothermal energy in...

Oltre un quarto dei giovani adulti italiani non studia né lavora: nessuno fa peggio nell’Ue

Per Eurostat è in Italia la percentuale più alta di Neet tra i 20 e i 34 anni: 28,9%, davanti a Grecia, Bulgaria e Romania

Da una parte in Italia i giovani sono sempre meno – nel nostro Paese abbiamo ridotto la presenza delle più giovani generazioni su livelli che il complesso del pianeta vedrà forse solo in una fase avanzata del XXII secolo –, dall’altra i pochi rimasti non vengono neanche considerati come una risorsa preziosa, oltre che scarsa....

Hasi diventa «la più grande realtà italiana» dedicata alla gestione dei rifiuti industriali

Grazie a 200 dipendenti tratterà 1 milione di tonnellate all’anno provenienti principalmente dai comparti chimico-farmaceutico, petrolchimico, siderurgico ma anche manifatturiero e alimentare

Tra tre giorni Herambiente servizi industriali (Hasi) diventerà «la più grande realtà italiana dedicata alla gestione dei rifiuti industriali». Dal 1 luglio infatti Waste Recycling, società controllata da Herambiente – la società del gruppo Hera che è tra i leader nazionali nella gestione dei rifiuti con oltre 6 milioni di tonnellate l'anno trattate – si...

Il prezzo di un’Italia sempre più vecchia, senza giovani

Nel nostro Paese abbiamo ridotto la presenza delle più giovani generazioni su livelli che il complesso del pianeta vedrà forse solo in una fase avanzata del XXII secolo

Via via che attraversiamo il XXI secolo, la questione demografica si sposta dall’eccesso di crescita del numero di abitanti del pianeta all’impatto pervasivo dell’invecchiamento della popolazione. Nella seconda metà del secolo scorso, la popolazione mondiale è passata da 2,5 a 6,1 miliardi. Se lungo tutta la storia umana la nostra specie è cresciuta fino ad...

Clima: perché serve dare un prezzo al carbonio, spiegato dagli economisti ambientali europei

Un appello dell'EAERE sottoscrivere per spostare l’attenzione dei policy-maker sul carbon pricing come uno strumento chiave per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi

Gli economisti lanciano un appello per affrontare immediatamente il tema dei cambiamenti climatici e adottare da subito la soluzione migliore che abbiamo a disposizione: mettere un prezzo sulle emissioni di carbonio. In una dichiarazione concisa ma efficace, gli economisti sottolineano che mettere un prezzo sulle attività inquinanti è la strada più efficiente e percorribile per ridurre...

A partire dal 2025 il mercato delle batterie varrà 250 miliardi di euro e 5 milioni di occupati

Si presenta in Italia Battery2030+, il piano d’azione strategico europeo sui sistemi di accumulo di ultima generazione per mobilità (è qui il 40% del valore delle nuove autovetture) e reti elettriche

Secondo stime Ue, a partire dal 2025 il mercato delle batterie raggiungerà un giro d’affari di 250 miliardi di euro l’anno e porterà alla creazione di circa 5 milioni di nuovi posti di lavoro. Si tratta di un segmento fondamentale della transizione energetica che siamo chiamati a percorrere, ma come europei siamo già in ritardo su questo fronte:...

Enea, l’Italia resta indietro sul clima: CO2 e rinnovabili non in linea con gli obiettivi al 2030

Gracceva: «La distanza fra le emissioni stimate a inizio 2019 e quelle per centrare il target resta vicina ai massimi dell’ultimo decennio»

L’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (Enea) ha appena pubblicato l’ultima Analisi trimestrale del sistema energetico italiano, dalla quale emerge qualche buona notizia: nel I trimestre del 2019 sono diminuiti i consumi di energia primaria (-3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente), le fonti rinnovabili sono cresciute (+5%) e...

Cambiamento climatico, Brasile e Arabia Saudita sfidano la comunità internazionale

I Brasiliani si oppongono alla modifica del carbon pricing, i sauditi bloccano l’adozione del rapporto 1,5° C Ipcc

L’immagine più significativa dei climate talks di Bonn è quella del capo negoziatore della Svizzera, Franz Perrez, che indossava una maglietta con su scritto “Science is not negotiable”, ma è proprio il negazionismo scientifico e climatico di due Paesi come l’Arabia Saudita e il Brasile del neofascista Jair Bolsonaro ad essersi aggiudicato questo round dei...

Rifiuti, dalla tariffa puntuale al termovalorizzatore: l’economia circolare nella Toscana del sud

Fabbrini: «La visita odierna ha un grande valore, perché ribadisce l’importanza del ruolo del termovalorizzatore, un anello della gestione integrata del ciclo dei rifiuti della Provincia di Siena»

Håkon Jentoft, presidente del gruppo di lavoro “Eurocities” sui rifiuti e, per conto della città di Oslo, coordinatore del progetto di rete europeo Urban Agenda per l’economia circolare, in questi giorni è a Siena per avviare le procedure che porteranno a sperimentare l'applicazione della tariffa puntale per i rifiuti: si tratta di un progetto all’avanguardia...

Clima, gli economisti ambientali europei: le emissioni di CO2 hanno un prezzo, diamoglielo

«Le entrate potrebbero essere utilizzate per sostenere l'innovazione e affrontare gli impatti sociali e distributivi» della transizione ecologica. Perché non c’è sostenibilità senza equità

Le emissioni di CO2 e degli altri gas serra che stanno provocando i cambiamenti climatici in atto – che nel nostro Paese corrono a velocità doppia rispetto a quella media globale – rappresentano uno dei più gravi fallimenti del mercato con cui abbiamo a che fare: si tratta di un’esternalità negativa, un danno per la...

A che punto è il monitoraggio delle emissioni nelle aree geotermiche?

Una mozione approvata dal Consiglio Regionale chiede un controllo in continuo delle 36 centrali sul territorio. Un approfondimento sulla situazione attuale

Una mozione presentata da “Sì-Toscana a sinistra” ed emendata da Francesco Gazzetti (Pd) poi approvata dal Consiglio regionale, impegna la Giunta a “valutare entro un anno, coinvolgendo tutti i soggetti interessati, la fattibilità tecnica d’installazione di analizzatori in continuo delle emissioni sulle attuali centrali flash” così da ottenere “numeri verificati o verificabili” sulle quantità di...

Migliora la (auto)percezione degli italiani sulla sostenibilità, ma la conoscenza?

Il 20% della popolazione “sa bene di cosa si tratta”, un altro 52% “a grandi linee”. Al contempo il 33% non crede che la temperatura del pianeta stia aumentando, e il 47% non è disposto ad acquistare prodotti in materiali riciclati

La sensibilità degli italiani rispetto all’ambiente e alla sostenibilità cresce sull’onda di un generale coinvolgimento rispetto a queste tematiche – il che è indubbiamente positivo –, ma il sondaggio realizzato dall’istituto Ipsos per il Conou e presentato oggi all’EcoForum di Legambiente a Roma conferma un quadro nazionale piuttosto schizofrenico. Ad esempio, il primo dato che...

  1. Pagine:
  2. 1
  3. 2
  4. 3
  5. 4
  6. 5
  7. 6
  8. 7
  9. 8
  10. ...
  11. 222