Economia ecologica

Il progresso può uccidere. Il rapporto di Survival international in difesa dei popoli indigeni

Violenza genocida, a schiavitù e razzismo per poterli derubare di terre risorse e forza lavoro

Survival international ha presentato oggi il nuovo rapporto “Il progresso può uccidere” nel quale evidenzia che «Appropriarsi della terra dei popoli indigeni e imporre loro il nostro modello di sviluppo è causa di una miseria inenarrabile». L’ONG che difende i diritti dei popoli indigeni presenta una di casi dice che « I fatti sono impressionanti...

Raee, i rifiuti tecnologici tra necessità di corretta gestione difficoltà nel mercato del riciclo

Bonato (ReMedia): «Crollati i prezzi delle materie prime, quelle riciclate non sono più interessanti per gli operatori commerciali»

Una raccolta che ammonta a 41mila tonnellate di rifiuti elettronici, in linea con il risultato dell’anno precedente, ma con un  mercato di sbocco per le materie prime seconde che è zavorrato dal crollo dei prezzi delle commodity. È lo spaccato offerto da ReMedia, fra i principali sistemi collettivi italiani no-profit per la gestione dei Raee (Rifiuti di apparecchiature...

La povertà assoluta in Italia colpisce 4 milioni di persone: un reddito minimo serve subito

Saraceno: «Il lavoro non sempre basta». Avanza la proposta del Reis

La condizione di povertà in Italia, con i numeri elevati che oggi la riguardano, «rischia di diventare permanente». Un allarme (ri)lanciato oggi dal presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi,  lavori del convegno su "La povertà in Italia. Analisi e proposte", organizzato stamani a Firenze insieme all'Irpet, che ha trovato numerose sponde, tra le quali spicca...

Economia circolare e industria 4.0, insieme sono un’opportunità da migliaia di miliardi dollari

Dalla Ellen MacArthur Foundation e il World economic forum un’analisi piena di opportunità. Ma serve una guida politica

Oggi l’Ocse ha rivisto al ribasso le sue prospettive per la crescita del Pil nel 2016, sia a livello globale sia all’interno dei confini italiani: adesso la stima, rispettivamente, arriva a +3% (-0,3% rispetto all’outlook diffuso a novembre e +1% (-0,4). Sorvolando ancora una volta sull’affidabilità delle previsioni economiche diffuse da un’autorità del calibro dell’Ocse,...

Green economy, dal Consiglio nazionale 6 punti per salvare il clima

La risoluzione sull’accordo di Parigi chiede a governo e Parlamento italiano impegni precisi

Un appello al governo e al Parlamento italiano per ratificare e applicare l’Accordo di Parigi con adeguate misure normative e con un efficace piano d’azione nazionale per l’energia e il clima e un impegno a sostenere sei misure necessarie per limitare l’innalzamento delle temperatura entro 1,5 gradi centigradi. Il Consiglio nazionale della green economy, composto...

Per l’industria europea braccata dalla Cina la via di fuga è nell’economia verde

I soli dazi commerciali non bastano: occorrono sostenibilità e investimenti per produzioni ad alto valore aggiunto

L’Unione europea, e in particolari alcuni suoi Stati membri particolarmente ferrati in materia d'industria (Germania in primis) hanno una vera predilezione per l’apertura di ogni barriera commerciale. Non a caso, da sempre l’Unione cerca di conquistarne la caduta tramite i più svariati confronti internazionali: se domani tutti quelli già avviati avessero successo – dettaglia la...

Il Kyoto club e l’innovazione che serve all’Italia per vincere la partita del clima

Ferrante: «Occorre una nuova e diversa strategia energetica nazionale, di cui per ora purtroppo non c’è traccia»

Il 16 febbraio 2005 entrava in vigore il Protocollo di Kyoto, dopo essere stato redatto nel lontano 1997: da allora ne è passata di acqua sotto ai ponti, ma continuiamo a marciare in grande ritardo nelle politiche di adattamento e lotta ai cambiamenti climatici. Come ultima testimonianza, proprio oggi sono stati resi noti i dati...

Quale politica per lo sviluppo sostenibile? La parola agli economisti dell’ambiente

Si è chiusa a Bologna la quarta conferenza annuale dell’Aiear, un’occasione di confronto che sarebbe un delitto sprecare

La quarta conferenza annuale dell’Aiear, l’Associazione italiana degli economisti dell'ambiente e delle risorse naturali, appena conclusasi a Bologna, si è offerta come testa di ponte tra la ricerca accademica e le sue concrete declinazioni per uno sviluppo sostenibile. La presentazione di 59 studi di diversi autori, molti dei quali giovani (con lo Iaere young environmental...

A Bruxelles 17 paesi Ue contro la Cina: dall’acciaio al fotovoltaico, l’industria marcia compatta (FOTOGALLERY)

La protesta per evitare venga riconosciuto lo status di "economia di mercato" al gigante asiatico

«Oggi stiamo manifestando a Bruxelles a migliaia, per dare un chiaro messaggio ai dirigenti europei: sì all’occupazione e al commercio corretto, no al Mes (lo status di economia di mercato, ndr) per la Cina!». Milan Nitzschke, portavoce di Aegis Europe, un’alleanza di circa 30 settori dell'industria europea - per 500 miliardi di euro di fatturato annuo...

Turismo sostenibile, gli Oscar dell’ecoturismo 2016: 9 aree protette e 26 strutture turistiche

Emilia Romagna, Toscana e Abruzzo le più premiate. 2016 à anno boom dei nuovi turismi ambientali

Ambiente, sostenibilità, sport come stile di vita, benessere, innovazione tecnologica, diving e cicloturismo: sono queste le principali parole chiave del nuovo turismo sostenibile ed è in base a questi e ad altri parametri che Legambiente ha assegnato gli Oscar dell’ecoturismo 2016 a 4 parchi nazionali ( Alta Murgia, Appennino Tosco Emiliano, Arcipelago Toscano, Gran Paradiso) , 4 parchi...

Cogenerazione e teleriscaldamento, stato dell’arte e prospettive di sviluppo secondo il Gse

Pubblicato lo studio di valutazione prodotto dal Gestore dei servizi energetici. Un focus sull’apporto della geotermia

Il Gestore dei servizi energetici (Gse), dopo averlo trasmesso al ministero dello Sviluppo economico, ha reso pubblico lo studio “Valutazione del potenziale nazionale di applicazione della cogenerazione ad alto rendimento e del teleriscaldamento efficiente”: il rapporto comprende una descrizione approfondita della domanda e dell’offerta di energia termica(settori, impieghi, localizzazione geografica, fonti, tecnologie) e una stima, effettuata sulla base di criteri tecnici...

La nuova crescita mondiale sarà in Africa: 4,5 trilioni di dollari di Pil entro il 2025

Ma il continente dovrà affrontare enormi sfide ambientali, energetiche e sociali

Secondo il rapporto “Mega Trends in Africa - The Last Growth Frontier” pubblicato da Frost & Sullivan, «Urbanizzazione, mobilità, infrastrutture, risorse naturali, investimenti nelle telecomunicazioni e commercio interregionale sono solo alcune delle opportunità ancora non sfruttate che rendono l’Africa l’ultima frontiera della crescita. Il continente è destinato a diventare la seconda regione in più rapida espansione...

«Più attenzione ai 6 milioni di disoccupati di lungo periodo». Il Cor approva il rapporto Rossi

La lotta alla disoccupazione a lungo termine richiede una risposta a livello europeo

Secondo il Comitato europeo delle Regioni (European Committee of the Regions - Cor) «Sono necessarie misure a livello europeo per garantire servizi per l'impiego efficienti in tutta Europa». Il Cor ha adottato un parere elaborato dal presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi (PD),  che propone azioni per affrontare la disoccupazione di lunga durata e che...

Come ridurre la povertà in Europa?

Il 2000 “decennio perso”, i cambiamenti ai sistemi sociali sono stati un passo indietro

Il progetto Poverty Reduction in Europe: Social policy and innovation (Improve), finanziato dal settimo programma quadro dell’Unione europea e al quale partecipa anche l’Universita' degli Studi di Urbino Carlo Bo,  si è concentrato sulle politiche per ridurre la povertà e migliorare la coesione sociale adottate dai governi europei prima, durante e dopo la grande recessione...

Fumo passivo: i Paesi che emettono meno gas serra sono i più vulnerabili ai cambiamenti climatici

In aumento l'enorme disuguaglianza globale tra i grandi emettitori e le popolazioni più colpite

Il nuovo studio “Global mismatch between greenhouse gas emissions and the burden of climate change” pubblicato su Scientific Reports da un team dell’università del Queensland e della Wildlife conservation society (Wcs) conferma e dimostra la drammatica discrepanza tra i Paesi che  producono la maggior parte dei gas serra e quelli più vulnerabili agli effetti dei...

Aiear, a Bologna i migliori economisti italiani dell’ambiente e delle risorse naturali

L’11 e 12 febbraio la prima università del mondo occidentale diventa palcoscenico per la quarta conferenza annuale dell’Associazione

L’Associazione italiana degli economisti dell’ambiente e delle risorse naturali (Aiear) torna a riunirsi nella sua quarta conferenza annuale, l’11 e 12 febbraio a Bologna. Si tratta di un’occasione unica ne panorama italiano: in un momento storico in cui l’andamento degli indici borsistici relativi alle commodity – energetiche e non – contribuisce a sconvolgere l’andamento delle...

Il meme del petrolio e la contro-strategia dei seminatori

Per salvare la società della crescita economica infinita da sé stessa occorre instillarvi una nuova idea virale

La memetica, disciplina che coinvolge psicologia, sociologia, antropologia e genetica, ha definito le unità d’informazione che compongono la nostra società, le quali ne determinano il tessuto scambiandosi e modificandosi attraverso i soggetti che la compongono. Sono l’equivalente informatico del gene, e si propagano come un virus. Un meme ha un ciclo vitale che può essere...

Il 2016 sarà un buon anno per lo sviluppo della geotermia

Le prospettive di sviluppo per l’industria geotermica nel mondo, e un quadro sull’attuale stato dell’arte

Il 2016 sarà un anno «positivo» per lo sviluppo dell’industria geotermoelettrica nel mondo. Come sua consuetudine all’inizio di ogni nuovo anno il Geothermal resources council, associazione no-profit nata negli anni ’70 negli Usa e arrivata a ricoprire un ruolo di primo piano nell’approfondimento e divulgazione in fatto di geotermia, indaga le prospettive del settore a...

Quei confini sfumati tra servizi e industria, nel nome dell’innovazione

Dove l’industria è più concentrata in settori a medio-bassa intensità tecnologica, l’economia resta indietro: come in Italia

Stabilire in che misura le economie avanzate siano in grado di crescere e di creare occupazione significa ormai comprendere in che misura la loro struttura produttiva sia in grado di competere sul mercato in risposta a una domanda sempre più diversificata e complessa. La questione si è fatta naturalmente più pressante con l'avvento della crisi...

L’inverno dell’Europa: nuovi rischi per l’economia, giù le previsioni di crescita

Quale sviluppo? Nel nostro Paese tra due anni la disoccupazione sarà diminuita solo dello 0,6%

Il commissario Ue per gli Affari economici, il francese Pierre Moscovici, ha presentato oggi le Previsioni economiche d’inverno 2016, un documento che aggiorna le prospettive dell'Europa (e dei singoli paesi membri) su crescita, lavoro, finanze pubbliche. Nonostante le premesse altisonanti - «l'economia europea – scrive la Commissione – entra nel quarto anno di ripresa» -,...

Il crollo (dei prezzi) delle materie prime mette in crisi l’economia circolare

«Il riciclo può funzionare solo se si è capaci di attribuire il giusto ‘prezzo’ legato all’utilizzo di materie vergini da parte dell’industria»

Che cos’è l'economia circolare, e come si lega alle evoluzioni di borsa delle materie prime? Secondo la definizione che ne dà l’Unione europea, che ha recentemente pubblicato un piano d’azione in proposito, «in un'economia circolare il valore dei prodotti e dei materiali si mantiene il più a lungo possibile; i rifiuti e l'uso delle risorse...

Un anno di Jobs act e sgravi è costato 13mila euro per ogni posto di lavoro in più

Oggi l’Istat aggiorna i dati sull’occupazione: solo 135mila nuovi “dipendenti permanenti”

L’Istat ha pubblicato oggi gli ultimi dati relativi all'occupazione in Italia, finendo così per coprire anche l’ultima mensilità del 2015. Non si tratta di un report periodico come un altro, in quanto permette di tracciare una linea precisa: dopo un anno di azione congiunta da parte degli sgravi contribuitivi e dalla nuova normativa contrattuale definita...

Direttive Habitat e Uccelli, oggi al Parlamento Ue in gioco il futuro della biodiversità

Dalla rete "Natura 2000" 300 miliardi di euro e 4,5 milioni di posti lavoro, ma sono a rischio estinzione il 18% dei volatili e il 7,5% dei pesci

Nella Giornata mondiale delle zone umide, ovunque culla di ecosistemi complessi, la commissione Ambiente dell’Europarlamento voterà la “Mid term review” sulla Strategia per la biodiversità al 2020: in gioco c’è il futuro delle direttive Habitat e Uccelli, la cui valutazione si concluderà nella prossima primavera. La possibile ridefinizione delle direttive da parte della Commissione europea...

General electric, in arrivo 800 milioni di dollari di investimenti per l’Italia

La maggioranza concentrata nel settore oil&gas, ma Ge è un colosso (anche) nelle rinnovabili: perché non approfittarne?

General electric rappresenta un gigante tra i giganti nel variegato mondo dell’industria globale, e ha appena annunciato prossimi investimenti in Italia per 800 milioni di dollari. Seicento milioni di dollari (400 li metterà di tasca propria Ge oil&gas, altri 200 arriveranno da co-finanziamenti pubblici) saranno prevalentemente concentrati in Toscana, dove prenderà corpo un centro di...

Per una riforma sostenibile del sistema creditizio

Le proposte di Banca Etica alla Banca d’Italia

Il sistema creditizio ha perso credibilità sotto i colpi dello scandalo di Banca Etruria e simili e con l'affondamento del Monte dei Paschi di Siena e, nonostante le rassicurazioni di politici e banchieri, gli scricchiolii aumentano e i piccoli azionisti reclamano indietro i soldi che hanno investito, imprudentemente, in speculazioni che ritenevano sicure e che...

Miniere di metalli sempre meno produttive, bisognerà attingere ai “depositi” antropici

L’alternativa è tra un’economia circolare e la giustizia sociale e l’aumento dei conflitti

Lo studio “Global patterns of metal extractivism, 1950–2010: Providing the bones for the industrial society's skeleton”, pubblicato su Ecological Economics da Anke Schaffartzik , Andreas Mayer, Nina Eisenmenger e Fridolin Krausmann dell’Institut für Soziale Ökologie dell’Alpen-Adria Universität austriaca, sottolinea che «Le attività minerarie  hanno un potenziale impatto sociale e ambientale elevato e l’aumento dell’estrazione e...

Monaco 2040, obiettivo 100% rinnovabili grazie alla geotermia

Entro il 2040, Monaco sarà la prima grande città tedesca alimentata 100% da fonti rinnovabili. Il contributo principale per raggiungere questo ambizioso obiettivo verrà dall'energia geotermica. La realizzazione di questa visione è stata affidata alla multiutiliy cittadina SWM che ha anche iniziato recentemente la perforazione per un impianto geotermico in Freiham. Ora arriva il secondo passo: al fine di...

Lo smog torna a far paura in Italia, e il ministro Delrio punta sulla “cura del ferro”

Il Protocollo per la qualità dell’aria firmato un mese fa del governo ha già mostrato la sua inadeguatezza

Dopo gli allarmi di fine anno sullo smog e il conseguente summit convocato in fretta e furia al ministero dell’Ambiente per affrontare l’emergenza, è stato sufficiente aspettare meno di un mese perché l’amara verità tornasse ad emergere dai gas di scarico delle auto, dalle ciminiere delle industrie, dalla pletora di tir che trasporta merci su...

Corruzione: per Transparency international l’Italia migliora, ma è ancora penultima in Europa (VIDEO)

Prima in classifica la Danimarca, ultime Somalia e Corea del Nord. Il Brasile precipita per il caso Petrobras

Il rapporto Corruption perceptions index  (Cpi - Indice della corruzione percepita)  di Transparency international misura la corruzione nel settore pubblico e politico di 168 paesi nel mondo. Nel Cpi 2015, la 22esima edizione del rapporto pubblicata oggi, l’Italia si classifica al 61esimo posto nel mondo, con un voto di 44 su 100. «Rispetto allo scorso anno – sottolinea Transparency International Italia...

Il declino dell’eolico italiano: in 3 anni persi 11mila posti di lavoro

L’Associazione nazionale energia del vento denuncia la politica «poco lungimirante» del governo

L'eolico ha il vento in poppa nel mondo, ma perde progressivamente terreno in Italia. Il funzionamento tutt’altro che ottimale delle aste e dei registri, un non trascurabile effetto nimby diffuso sui territori e la miopia delle politiche di governo hanno contribuito ad alzare il freno a mano sul settore. L’Anev (Associazione nazionale energia del vento)...

  1. Pagine:
  2. 1
  3. ...
  4. 86
  5. 87
  6. 88
  7. 89
  8. 90
  9. 91
  10. 92
  11. ...
  12. 137