Geopolitica

Catalogna: petizione per il ritiro della Guardia Civil alloggiata sulle navi Moby Lines e GNV

Appello a Delrio, Onorato e Vacchi. Più di 4.000 agenti di polizia su navi battenti bandiera italiana

Mentre la crisi pre e post referendum per l’indipendenza della Catalogna si inasprisce ancora di più dopo l’improvvido, sconsiderato e provocatorio intervento di Re Felipe VI di Spagna, che ha fatto arrabbiare anche i catalani più tiepidi verso la secessione, ad essere presa di mira è soprattutto la presenza della Guardia Civil della quale si...

Yemen, Fao e Banca Mondiale lanciano un programma di 36 milioni di dollari per combattere la carestia

Assistenza a 630.000 persone e resilienza delle comunità rurali devastate dalla guerra

La Banca Mondiale e la Fao hanno lanciato lo Smallholder Agricultural Production Restoration and Enhancement Project (Sprep), un programma finanziato con 36 milioni di dollari di Global Agriculture Food Security (Gafsp) della Banca Mondiale per fornire assistenza immediata a più di 630.000 persone - delle quali oltre il 30% donne -  colpite dalla povertà e...

Trump e la strage di Las Vegas: non bastano le preghiere

Il Nevada è uno degli Stati con una legislazione meno restrittiva sul possesso di armi

Secondo il Las Vegas Metropolitan Police Department il “lupo solitario” che ha sparato sulla folla inerme che assisteva ad un concerto di musica country avrebbe ucciso almeno 58 persone e ne avrebbe ferito 515 che sono state trasportate negli ospedali vicini. Le promesse di immediata sicurezza fatte da Donald Trump in campagna elettorale si sono...

La Catalogna e la Spagna dopo il referendum e l’azzardo perdente di Rajoy

Gli indipendentisti: «Il Trattato Ue vieta di utilizzare la forza militare contro la popolazione»

La si può pensare diversamente sul referendum sull’indipendenza della Catalogna (e anche i lettori e la redazione di greenreport.it la pensano in modi diversi) ma un cosa è chiara: il vero perdente di questa prova di forza sono il primo ministro spagnolo Mariano Rajoy, il suo Partido Popular (PP) e l'anacronistica monarchia spagnola, terrorizzata dalla...

Marevivo a Trump e Kim: «Non bombardate l’oceano!»

Mangeremo tonno nucleare? Possibile che qualcosa sia ritenuta lesiva solo se colpisce direttamente la nostra specie?

La Corea del Nord minaccia il resto del mondo. I suoi missili possono arrivare lontano, fino in Usa, e possiede la bomba atomica. Per il momento non è chiaro se i missili possano trasportare ordigni nucleari, ma Kim Jong-un, il leader supremo nord coreano, sta pianificando un’esplosione atomica nel Pacifico. Tanto per mostrare la veridicità...

Circa 60 testate nucleari Usa in Italia, le preoccupazioni degli scienziati

Nel mondo ci sono ancora più di 15.000 ordigni atomici strategici e tattici

Mentre Donald Trump e Kim Jong-un si sfidano a colpi di minacce atomiche, di nucleare  si è parlato nel convegno “International security in the Trump era”, che si è tenuto dal  21 al 23 settembre a Castiglioncello, nel comune di Rosignano Marittimo (LI). Un simposio degli scienziati per il disarmo si tiene ogni due anni...

Il Kurdistan irakeno vota per l’indipendenza, Erdogan: «Potremmo arrivare di notte all’improvviso»

Le persecuzioni del popolo kurdo e l’ipocrisia di Usa e Ue. Kirkuk e il petrolio i pomi della discordia

Nella Regione Autonoma del Kurdistan Irakeno, il 93,29% degli elettori ha votato per l’indipendenza da Baghdad e solo il 6,71% per rimanere irakeno.  Il referendum voluto dal governo del Presidente Masud Barzani per uno  Stato curdo indipendente era sostenuto  dal suo Partito Democratico del Kurdistan (Kdp) e dai suoi ex avversari e ora alleati di governo...

Perchè la Catalogna vuole l’indipendenza (spiegato da una catalana)

Tre navi italiane attraccate a Barcellona e Tarragona per utilizzarle come “caserme giganti

Da decenni la Catalogna lotta per ottenere il diritto all’autodeterminazione. Ancora di piú dal 2010, anno in cui Madrid ha modificato lo Statuto Autonomo, votato dal popolo catalano e conforme al sistema giuridico spagnolo. Nel corso degli ultimi anni, il Parlamento della Catalogna ha chiesto, per ben 18 volte, ai diversi governi della Spagna, di...

Germania: la Merkel rivince perdendo all’estrema destra. Disastro socialdemocratico

Tengono sinistra e Verdi. La Grosse Koalition e lo slogan “si vince solo al centro” (che risuona ancora, anche in Italia) si sono rivelati un suicidio per la Spd

In Germania i risultati finali delle elezioni (299 collegi su 299) restituiscono un quadro leggermente migliore degli exit poll, ma molto peggiore di quello offerto dai sondaggi elettorali, almeno per i due grandi partiti della Grosse Koalition: i democristiani della Cdu-Csu di Angela Merkel si fermano al 32,9% (-8,6%), i socialdemocratici dell’ex presidente del Parlamento...

Catalogna, traghetti italiani di Moby e GNV usati come caserme per reprimere gli indipendentisti? (FOTOGALLERY)

La denuncia su Twitter di Mireia Mata di Esquerra Republicana e dei portuali di Barcellona

«Quanto spende Governo Spagnolo per reprimere movimento democratico catalano noleggiando navi di @GNVtraghetti @MobyClub come caserma? - Quants diners costa llogar els vaixells de @GNVtraghetti i @MobyClub com a caserna per reprimir el moviment democràtic català?», a chiederselo e a fare la clamorosa denuncia con due tweet in italiiano e catalano è Mireia Mata i...

E’ entrato in vigore il Ceta. Coldiretti: «Legittima pirateria a danno del Made in Italy»

StopCeta e Greenpeace: a rischio gli standard su sicurezza alimentare, ambiente, prodotti e lavoro

Da oggi il Comprehensive economic and trade agreemen (Ceta), l’accordo di libero scambio tra Unione europea e Canada, è entrato in vigore in via “provvisoria”, così come hanno deciso il presidente della commissione europea Jean-Claude Juncker e il premier del Canada Justin Trudeau, in attesa che tutti i 28 parlamenti dei paesi Ue approvino il...

Guerre e shock climatici minano la sicurezza alimentare anche se aumenta la produzione globale

Fao: raccolti in ripresa nella maggior parte dei Paesi a basso reddito con deficit alimentare

Secondo il rapporto semestrale “Crop Prospects and Food Situation” della Fao, «Raccolti robusti in America Latina e la ripresa delle condizioni agricole in Africa meridionale stanno facendo migliorare la situazione globale dell'approvvigionamento alimentare, ma i conflitti civili in corso e gli shock legati al clima stanno minando i progressi verso la riduzione della fame». La...

Accordo di Parigi, firma anche il Nicaragua. Trump resta solo (con la Siria)

Da Ortega ok all’accordo sul clima. Il mistero del comunicato scomparso

Il Nicaragua ha annunciato la sua adesione all'Accordo di Parigi sul clima. Gli Usa di Trump quindi restano il solo Paese del mondo con la Siria di Bashir al-Assad (che non ha firmato perché è in guerra) a rimanere fuori dall’Accordo globale sul clima.  Finora il Nicaragua, che emette lo 0,03% delle emissioni di gas...

L’Unione europea a Trump: salvaguardare l’accordo nucleare con l’Iran

Rohani: l’Iran non minaccia nessuno, ma non tolleriamo alcuna minaccia nei nostri confronti

Intervenendo ieri alla 72esima’Assemblea generale dell’Onu, il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, ha chiesto  tutti i Paesi interessati di salvare l'accordo sul programma nucleare iraniano firmato nel 2015 dal  G5+1 (Cina, Francia, Gran Bretagna, Russia, Usa e Germania) e l’Iran. Tusk ha detto: «Noi chiediamo a tutti gli interessati di preservare il Piano di...

Denuclearizzazione e sicurezza internazionale nell’era Trump: al via il simposio dell’Unione degli scienziati per il disarmo

Dal 1985 l’Uspid organizza ogni due anni un convegno internazionale a Castiglioncello (LI) sui temi della pace e del disarmo

Si apre domani a Castiglioncello in Villa Celestina il 17° simposio dell'Unione degli scienziati per il disarmo (Uspid), un'associazione di scienziati e ricercatori costituita nel 1982 con l'obiettivo di fornire informazione e analisi sul controllo degli armamenti e il disarmo, incluse quelle relative all'impatto ambientale ed ai costi umani dellosviluppo e della diffusione degli armamenti:...

Trump e Rocket man: un estremista all’Onu (VIDEO)

Minaccia di sterminare 25 milioni di persone e punta a tagliare le missioni di pace in tutto il mondo

La prima apparizione davanti all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite  del  il presidente Usa Donald Trump ha confermato la sua semplicistica, pericolosa e ideologica visione del mondo utilizzato, utilizzando un podio dal quale solitamente si parla di come costruire la pace  attraverso la diplomazia per minacciare di «distruggere la Corea del Nord» e per mettere in...

Il Bangladesh sommerso dall’afflusso dei Rohingya che scappano dal Myanmar

Il 60% sono bambini: 240.000 a rischio fame e malattie

Secondo l’United Nations High Commissioner for Refugees agency (Unhcr), in Bangldesh l situazione umanitari continua a deteriorarsi dopo l’arrivco do oltre 400.000  Rohingya musulmni che fuggono dalle violenze razziste e settarie scatenate dagli integralisti buddisti nello Stato di Rakhine». L’Unhcr definisce la situazione disperata. «E’ una delle più grandi crisi umanitarie e uno dei più...

Onu, mentre l’11% del mondo soffre la fame il 13% degli adulti è obeso

Le guerre «sempre più aggravate dal cambiamento climatico» sono uno dei fattori chiave dietro il riacutizzarsi della malnutrizione

È un mondo di crescente disuguaglianza quello fotografato oggi nel rapporto Onu Lo Stato della sicurezza alimentare e della nutrizione nel mondo 2017, che rimarca un’amarissima verità anticipata dalla Fao all’inizio di quest’estate: dopo una costante diminuzione da oltre un decennio, la fame nel mondo è di nuovo in aumento. Sono circa 815 milioni le...

Amazzonia: gli indios chiedono aiuto al mondo dopo il massacro della Vale do Javari

«Pronti alla guerra, se necessario, per garantire l'esistenza dei nostri popoli»

La Coordenação das Organizações Indígenas da Amazônia Brasileira (Coiab), l’organizzazione che rappresenta gli Indios  di tutta l’Amazzonia brasiliana, ha duramente condannato il massacro dei popoli isolati nella valle del javari Terra Indígena Vale do Javari, alla triplice frontiera tra Brasile, Perù e Colombia. L Coiab denunci ancora un volta «un’ azione brutale e violenta contro...

Al via Festambiente Mediterraneo, dal 14 al 17 settembre a Palermo

Per parlare di Mediterraneo, lotta alle illegalità, economia circolare, buone pratiche ambientali

Torna Festambiente Mediterraneo, il festival internazionale di Legambiente che da oggi fino a domenica 17 settembre animerà i Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo. Giunto alla sua quarta edizione, l’appuntamento di riflessione e dibattiti sulle principali questioni ambientali del Mediterraneo sarà come sempre anche un’occasione di divertimento con musica dal vivo, presentazione di libri, artigianato di qualità, giochi e laboratori per...

Nucleare iraniano, rapporto Iaea: nessuna violazione da parte di Teheran

L’Iran intende mantenere i patti, anche se gli Usa non dovessero rispettare gli accordi

«La Repubblica Islamica sta rispettando i patti concordati con la comunità internazionale in merito al suo programma nucleare», lo ha detto il direttore generale dell'Internationl atomic energy agency (iaea), il giapponese Yukiya Amano, presentando il rapporto sul rispetto del Piano globale d'azione congiunto sottoscritto nel luglio 2015 dall’Iran con il gruppo dei 5+1 (Usa, Russia,...

Clima, Unfccc: i senatori Usa rispristinano 10 milioni di dollari di finanziamenti per il clima

Passa in commissione un emendamento democratico, ma resta la politica negazionista di Trump

La Commissione stanziamenti statali del sento Usa,  maggioranza repubblicana, ha votato per contribuire con 10 milioni di dollari al finanziamento dell’United Nations framework convention on climate change (Unfccc). E’ infatti passato un emendamento del senatore democratico  Jeff Merkley che ripristina i finanziamenti tolti a marzo dal presidente Donald Trump dal bilancio degli esteri e destinato all’Unfccc....

I cambiamenti climatici, il razzismo e la carestia della patata

La diseguaglianza economica e la xenofobia dilagante rendono peggiori i disastri ambientali

Dopo l'uragano Katrina, decine di migliaia dei cittadini più poveri di New Orleans migrarono a Houston, dove furono accolti con ostilità, faticarono  trovare un lavoro decente e vennero accusati di comportamenti criminali. I bravi texani repubblicani sollecitarono il sindaco di Houston a espellere "gli immigrati clandestini di Katrina", cioè statunitensi come loro. Ora che anche il...

Istruzione, Unicef: nel mondo in 10 anni quasi nessun progresso

135 milioni di bambini e ragazzi poveri continuano a non andare scuola

Secondo l’Unicef, «Negli ultimi 10 anni la percentuale di bambini e giovani tra i 6 e i 15 anni che non vanno a scuola è diminuita: oggi l’11,5 % dei bambini in età scolare – pari a 123 milioni – non frequenta la scuola, nel 2007 erano il 12,8% - ovvero 135 milioni. I bambini che vivono nei paesi più poveri...

I migranti nell’inferno della Libia: «I Paesi Ue mano nella mano con le reti criminali» (VIDEO)

Joanne Liu, presidente MSF, accusa la politica migratoria Ue di sostenere una rete criminale in Libia

La sorte dei migranti e dei rifugiati presenti in Libia interpella nuovamente L’Europa e i suoi rappresentanti. Perché, al di là di un politica funesta, ossessionata dal desiderio di respingere sempre più lontano la gente all’esterno delle frontiere europee, fino ad ostruire le operazioni di salvataggio nel Mediterraneo, la Francia e dei membri dell’Unione europea...

Richiedenti asilo, la Corte di giustizia Ue respinge i ricorsi di Slovacchia e Ungheria

Sulla ricollocazione obbligatoria hanno avuto ragione Italia e Grecia

Per rispondere alla crisi migratoria, il Consiglio dell’Unione europea ha adottò il 14 settembre 2015 una decisione che istituisce misure temporanee nel settore della protezione internazionale per aiutare l’Italia e la Grecia ad affrontare il flusso massiccio di migranti e che prevede entro due anni  la ricollocazione dei negli altri Stati membri dell’Ue di 120.000...

Yemen: «Una catastrofe interamente imputabile all’uomo» (VIDEO e INFOGRAFICHE)

Violazioni continue dei diritti umani e la più grande epidemia di colera del mondo

L‘alto commissario dell’Onu ai diritti umani, Zeid Ra'ad Al Hussein, ha nuovamente chiesto che sia avvita un’inchiesta internazionale sulle violazioni dei diritti umani legate alla guerra in coso nello Yemen. Al Hussein  ha reiterato la sua richiesta dopo che ieri è stato pubblicato un rapporto Onu sui diritti umani nello Yemen e sottolinea: «Ho chiesto...

America Latina, un futuro di guerre, sempre petrolio, come in Medioriente?

I casi del Venezuela e del Nicaragua, mentre si ignora quel che succede in Honduras

Le notizie dal Venezuela che tutti leggiamo sono preoccupanti per il futuro di tutta l'America Latina, e le trovo confermate e rafforzate dalle fonti e notizie locali che raccolgo in questi mesi in Nicaragua dove mi trovo per progetti di Cooperazione con impianti di energia rinnovabile. Partiamo da un da alcuni dati di fatto. Il Venezuela...

I millennials sono molto preoccupati per il cambiamento climatico (e sono meglio di quel che pensano gli anziani)

Distruzione dell’ambiente, guerre e disuguaglianze i maggiori pericoli secondo i millennials

In questa vecchia e rancorosa Italia – dove ormai si è considerati ancora giovani a più di 40 anni, e dove pallidi vecchi che credono di essere poveri se la prendono con immigrati giovani e scuri mentre i loro figli e nipoti migrano all’estero – non ce ne rendiamo conto, ma oltre la metà della...

  1. Pagine:
  2. 1
  3. 2
  4. 3
  5. 4
  6. 5
  7. 6
  8. 7
  9. ...
  10. 47