Inquinamenti

Treno Verde 2019: viaggio in 12 tappe nell’Italia dello smog, per una mobilità a zero emissioni

Combattere lo smog e i cambiamenti climatici, meno auto, più trasporto pubblico, ridisegnare le città

«Quanto è inquinata l’aria delle nostre città? Come le aree urbane possono contribuire a combattere i cambiamenti climatici? L’Italia è pronta alla sfida per ridisegnare le nostre città a favore di una nuova mobilità elettrica, leggera, condivisa?» Sono queste le domande al centro del Treno Verde 2019, la campagna di Legambiente e del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, con...

Cosa sta succedendo in Brasile dopo la strage mineraria di Brumadinho

La rottura della diga di Córrego de Feijão ha rilasciato più di 12 milioni di metri cubi di fango e inerti: si tratta del secondo più grande disastro ambientale nella storia del Paese

Situato nella regione metropolitana di Belo Horizonte, Minas Gerais, nel Brasile sudorientale, per molti, prima del 25 gennaio Brumadinho era solo uno dei 853 comuni dello Stato che si distingueva per le sue sorgenti di acqua e i rilievi montagnosi. La rottura della diga di Córrego de Feijão, gestita dalla società Vale S. A., che...

Paying with fire: i manager delle multinazionali oil & gas vengo premiati di più per inquinare

Rapporto Carbon Tracker: le politiche retributive dei dirigenti di 40 compagnie petrolifere (Eni compresa)

La Carbon Tracker Initiative, un think thank finanziario,  ha pubblicato il nuovo rapporto “Paying with fire”, che analizza le politiche retributive per i manager  di 40 compagnie oil & gas in Europa, Nord America e Australia. Secondo il rapporto, «La maggior parte delle compagnie oil & gas stanno mettendo a repentaglio i rendimenti degli azionisti premiando...

Per il ministro Costa «l’analisi costi-benefici sul Tav è una buona notizia per l’ambiente»

«Svolta positiva» anche per il movimento No Tav, che individua però, «soprattutto nel rapporto giuridico, argomentazioni ingannevoli che pare siano state inserite per offrire al decisore politico spazi per capovolgere la decisione»

Dopo la pubblicazione dell’analisi costi-benefici sulla Torino-Lione, che boccia l’opera attribuendo alla sua eventuale realizzazione una «una perdita di benessere pari a 7 miliardi» di euro, il movimento No Tav annuncia che «analizzerà nei prossimi giorni i due documenti presentati, per contribuire a difendere il risultato di una decisione la cui sintesi è positiva». Risultato...

Fake news e calunnie contro Greta Thunberg. «Vi spiego chi sono e perché lo faccio»

La giovanissima attivista climatica svedese attaccata dai negazionisti e dagli haters

Pubblichiamo la lettera aperta postata sulla sua pagina Facebook da Greta Thunberg, la giovanissima attivista svedese che ha iniziato da sola uno sciopero scolastico per il clima che si è presto diffuso tra i ragazzi/e di tutto il mondo e che è diventata ancora più famosa dopo i suoi decisi interventi alla Cop24 Unfccc di...

Tav Torino-Lione, l’analisi costi-benefici stima «una perdita di benessere pari a 7 miliardi»

Ma tra le motivazioni addotte per bocciare l’opera non spiccano certo quelle di natura ambientale

«Considerato che i costi attualizzati di investimento “a finire” e gestione dell’opera assommano a 7,9 miliardi, il “valore attuale netto economico” ossia la perdita di benessere – differenza tra costi sostenuti e benefici conseguiti – conseguente alla realizzazione dell’opera risulta pari a 7 miliardi» di euro. È tutto qui il succo dell’analisi costi-benefici firmata da...

La tramvia fiorentina taglia oltre 12 mila tonnellate annue di CO2

Rossi: «Possibile conciliare sviluppo e sostenibilità, crescita territoriale e collaborazione istituzionale»

«Oggi è una bella giornata a Firenze e per chi crede che la mobilità in Italia possa cambiare aiutando i cittadini». Edoardo Zanchini, vicepresidente nazionale di Legambiente, saluta così l’inaugurazione della linea 2 della tramvia fiorentina: una cura del ferro che ha già offerto un importante contributo in termini di riduzione dell’inquinamento atmosferico nell’area, come...

Wwf: fermiamo le trivellazioni di petrolio e gas offshore e onshore in Grecia (VIDEO)

Salvare la biodiversità marina e terrestre e l’economia turistica e ittica

Il Wwf ha pubblicato il rapporto “Economic impacts of hydrocarbon exploitation in Greece" che fa parte della campagna internazionale “Save our Paradise” che l’associazione ambientalista ha avviato per fermare i piani di trivellazione petrolifera e del gas in Grecia. Lo studio, commissionato dal Wwf a effetec, rileva che «un grande sversamento di petrolio in Grecia...

Dischetti di plastica nello stomaco della tartaruga marina trovata morta a Sapri

Sono i dischetti del depuratore di Varolato finiti in mare nel marzo 2018

Durante un' autopsia fatta su una tartaruga trovata morta a Sapri, in Campania, nel suo stomaco sono stati trovati, insieme a molto altro materiale di plastica, 7 dischetti di plastica. Si tratta di quei dischetti che, partiti nel marzo 2018 da Paestum, nel Golfo di Salerno a causa del cedimento strutturale, di una vasca e...

Ambientalisti, scienziati e docenti insieme per un modello agricolo basato sull’agroecologia

L’appello di Legambiente: «Anche per rispondere alle polemiche che vengono rivolte da alcuni mesi all’agricoltura bio è importante chiarire a tutti qual è la direzione da prendere e perché»

La diffusione capillare dell’agricoltura biologica e di altre metodologie di produzione basate sull'agroecologia è una delle leve che l’Ispra – nel suo ultimo rapporto contro lo spreco alimentare – suggerisce di mettere in campo, documentandone i benefici ad ampio spettro: l'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale sottolinea infatti le «migliori prestazioni ambientali, economiche...

Mont-Saint-Michel inquinata dalla plastica degli allevamenti di ostriche e cozze

E’ polemica tra mitilicoltori e ambientalisti. Ma la plastica viene anche da altre fonti

Mont-Saint-Michel è uno dei luoghi più famosi del mondo, ma la sua magnifica baia si trova di fronte a un nuovo pericolo: la plastica prodotta dagli allevamenti di coxzze e ostriche.  Gli ambientalisti chiedono pronti interventi per difendere ambiente e immagine di  Mont-Saint-Michel, ma gli allevatori di bivalvi dicono che per ora non esiste una...

PlanUp: decarbonizzare l’economia Ue con Piani nazionali energia e clima partecipati

Condividere dati, esperienze e informazioni sulle migliori performance su energia e emissioni

I Piani Nazionali per l'Energia e il Clima (Pnec o National Energy and Climate Plans - Ncep) rappresentano il nuovo quadro normativo entro il quale ogni Stato membro dell’Ue dovrà rispettare gli impegni presi con l’Unione Europea in materia di energia e clima fino al 2030. Legambiente spiega che «Questi piani illustreranno obiettivi, politiche, e...

Greenpeace, Legambiente e Wwf: le tre grandi mistificazioni dei pro trivelle

Gli ambientalisti: «Aperti al confronto con forze sociali e governo sul futuro energetico del Paese»

Secondo Greenpeace, Legambiente e Wwf, quella pro trivelle è «Una battaglia di retroguardia a spese del Paese quella sostenuta da aziende e sindacati di categoria in difesa delle trivellazioni, basata su valutazioni economiche ampiamente fittizie e su tre grandi mistificazioni». Prima di tutto, le tre più grandi associazioni ambientaliste italiane ricordano, come «non esista alcun...

La bomba a tempo dei disastri minerari. La morte corre sul Rio Paraopeba

Dopo la tragedia di Brumadinho in Brasile, bisogna rivedere il paradigma estrattivista

Gli impatti causati dal crollo della diga mineraria della Vale a Brumadinho, nello Stato brasiliano del Minas Gerais, sono giganteschi e vanno dalle 169 persone morte e dai circa 200 dispersi, alla nuova necessità di dover convivere con un fiume che ha in gran parte perso tutte le sue risorse e che continua a morire...

Accordo di Parigi, forse Putin non farà come Trump

La Russia starebbe analizzando la ratifica dell'accordo e anche la lobby fossile ha cambiato idea

I Paesi firmatari dell’Accordo di Parigi del 2015 sono 197, gli Usa hanno annunciato il loro ritiro e altri 13 Stati - Angola, Eritrea, Iran. Iraq, Kirghizistan, Libano, Libia, Oman, Federazione Russa, Sud Sudan, Suriname, Turchia, Yemen – quasi tutti Paesi petroliferi e/o in guerra, non lo hanno ancora ratificato. Insieme, questi 13 Paesi nel...

Dopo il dieselgate la normativa Ue sulle emissioni è migliorata, ma «permangono problemi»

Corte dei conti europea: impatto maggiore se fosse stato adottato il limite di 128 mg/km invece di 168 mg/km

La Corte dei conti europea ha pubblicato il Documento di riflessione “La risposta dell’UE allo scandalo dieselgate” dal quale emerge che «dopo lo scandalo detto dieselgate la normativa Ue in materia di emissioni dei veicoli è migliorata, ma permangono problemi». La Corte, pur accogliendo con favore i miglioramenti apportati alla vigilanza del mercato, sottolinea che «L’efficacia di...

La giunta regionale (uscente) della Sardegna non vuole uscire dal carbone

Wwf: «Il ricorso sul phase out del carbone danneggia i cittadini»

La giunta a guida PD della Regione Autonoma della Sardegna ha annunciato di aver  «impugnato davanti al Tribunale Amministrativo Regionale il decreto del Direttore Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali del Ministero dell'Ambiente con il quale si dà immediata attuazione allo scenario di "phase out completo" dall'impiego del carbone per la produzione di...

Nasa, Noaa e Wmo confermano: 2018 quarto anno più caldo mai registrato (VIDEO)

Continua il trend: 2015, 2016, 2017 e 2018 i 4 anni più caldi mai registrati nel mondo

Se, come certificato dal Cnr all’inizio di gennaio, il 2018 è stato l’anno più caldo mai registrato in Italia, nel resto del mondo non va meglio: secondo le analisi indipendenti della Nasa, della National oceanic and atmospheric administration Usa (Noaa) e della  World meteorological organization (Wmo), «Le temperature superficiali globali della Terra nel 2018 sono...

Met Office britannico: fino al 2023 ci aspetta il periodo più caldo mai registrato sulla Terra

Temperatura superficiale media globale da 1,03° C a 1,57° C sopra i livelli preindustriali

Secondo i dati pubblicati ieri dal Met Office britannico. Una delle agenzie meteorologiche e climatiche di riferimento nel mondo «Se le osservazioni per i prossimi cinque anni seguiranno le previsioni che renderebbero il decennio dal 2014 al 2023, la più calda serie di anni dall'inizio delle registrazioni» che risalgono al 1850. I dati pubblicati dal...

Più del 90% delle sardine e delle acciughe dell’Adriatico ha ingerito i rifiuti marini

Studio italiano: 18% di microplastica nelle acciughe e 33% nelle sardine rispetto alla marine litter ingerita

Ieri greenreport.it ha  dato conto di  uno studio sull’ingestione di microplastiche da parte dei lanzardo o sgombro cavallo o cavalle (Scomber colias) nelle acque costiere delle isole Canarie e alcuni nostri lettori e Lucrezia Cilenti,  del Centro di Lesina dell’Istituto per le risorse biologiche e le biotecnologie marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Irbim – Cnr),...

Discorso sullo Stato dell’Unione: Trump ignora l’ambiente e il cambiamento climatico

Greenpeace e Sierra Club: negazionismo al livello più pericoloso

Dopo il più lungo shutdown che abbia bloccato l’attività federale nella storia Usa,  Donald Trump  ha fatto un discorso sullo Stato dell’Unione non certo memorabile, confermando quella che è ormai una sua ossessione: costruire il muro di confine con il Messico. Di fronte a un Congresso in gran parte cordialmente ostile e pieno di donne...

Biodiversità e Nuova Via della Seta: gli hotspot mondiali della prossima invasione biologica

Grossi rischi per la biodiversità con l’attuazione della Belt and Road Initiative

Un team di ricercatori guidato da Li Yiming dell'Istituto di zoologia dell’Accademia cinese delle scienze ha pubblicato su Current Biology  lo studio "Risks of biological invasion on the Belt and Road", per valutare il rischio di invasione globale di vertebrati alieni, «per contribuire a facilitare l'equilibrio tra sviluppo e conservazione della Belt and Road Initiative...

Trasformare i fanghi dei depuratori in biosolidi per costruire mattoni sostenibili

Come riciclare i fanghi di depurazione trattati e incrementare la sostenibilità dell’industria edilizia

I biosolidi sono un sottoprodotto del processo di trattamento delle acque reflue che può essere utilizzato come fertilizzante, nel recupero di terreni o…  come materiale da costruzione. Ma circa il 30% dei biosolidi mondiali, frutto della depurazione dei nostri rifiuti fisiologici,  vengono accumulati o inviati in discarica, utilizzando terreni preziosi e emettendo gas a effetto...

Microplastiche nello stomaco di 8 sgombri su 10 pescati alle Canarie

La maggioranza sono fibre tessili. Provengono dalla insufficiente depurazione delle acque reflue?

Lo studio “Microplastic ingestion by Atlantic chub mackerel (Scomber colias) in the Canary Islands coast”, pubblicato sul Marine Pollution Bulletin da u team di ricercatori delle università spagnole di Las Palmas de Gran Canaria e Politècnica de València  e dell’università del Delaware, ha analizzato l’ingestione di microplastiche da parte dei lanzardo o sgombro cavallo o...

Ravenna, blitz di Legambiente all’incontro in difesa delle trivelle

«Appuntamento anacronistico, per il clima e per tutelare i posti di lavoro è necessaria una politica di riconversione del sistema energetico nazionale»

Stamattina a Ravenna c’è stato un blitz di Legambiente all’incontro pubblico nazionale a sostegno del comparto delle estrazioni organizzato da Michele De Pascale, sindaco e presidente della PD della Provincia di Ravenna, per esprimere la ferma contrarietà verso un incontro, organizzato in uno dei centri dell’industria estrattiva nazionale, al quale  erano stati invitati «tutti coloro...

Il riscaldamento globale fa aumentare l’inquinamento atmosferico

Un circolo vizioso che porta più inquinamento da areosol, più caldo e più siccità

«Il cambiamento climatico sta riscaldando l'oceano, ma sta riscaldando la terra più velocemente e questa è una brutta notizia per la qualità dell'aria in tutto il mondo», a dirlo è lo studio  “Enhanced land–sea warming contrast elevates aerosol pollution in a warmer world” pubblicato su Nature Climate Change  da Robert Allen e Taufiq Hassan, dell’università...

Inquinamento atmosferico, rumore e caldo estremo, nell’Ue colpiti i più vulnerabili. Italia tra i peggiori

Il ministro dell’ambiente Costa: al via il tavolo per ridurre lo smog

Mentre l’European environment agency (Eea) presentava il rapporto  “Unequal exposure and unequal impacts: social vulnerability to air pollution, noise and extreme temperatures in Europe” che evidenzia  «gli stretti legami esistenti tra i problemi sociali e quelli ambientali in tutta l’Europa. La distribuzione di queste minacce ambientali e il loro impatto sulla salute umana rispecchiano fedelmente le...

VolontariXNatura, migliaia di giovani in tutta Italia per prendersi cura dell’ambiente

Il progetto di Legambiente per diffondere la cultura del volontariato e la citizen science

«Occuparsi dell’ambiente, dedicargli un po’ del proprio tempo, conoscere il territorio in cui si vive, imparare a fare campionamenti, condividere un grande progetto scientifico è un’attività certamente utile, ma, allo stesso tempo, anche molto divertente». E’ quel  che propone ai giovani VolontariXNatura, il progetto nazionale di Legambiente finanziato dal ministero del lavoro e delle politiche...

Giornata mondiale delle zone umide: neanche la pioggia ferma i volontari elbani

A Mola tolti decine di sacchi di rifiuti e molti detriti. Successo dell'iniziativa

Pioggia battente, vento e freddo non hanno fermato i volontari elbani chiamati da Legambiente, Diversamente Marinai e Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano a ripulire l’Area Umida di Mola, al confine tra i Comuni di Porto Azzurro e Capoliveri, per celebrare la Giornata Mondiale delle Zone umide. L’iniziativa, che fa parte del Progetto Pelagos Plastic Free del...

Specie aliene invasive, al via i corsi di formazione per docenti e personale scolastico

Si inizia da Torino: educare e formare correttamente insegnati e studenti sulle specie aliene invasive e i metodi per frenare la loro diffusione, a beneficio della biodiversità e della nostra salute

Cosa sono le specie aliene invasive? Come si diffondono e in che modo possiamo contribuire a frenare la loro propagazione? Sono dannose per la biodiversità e per la nostra salute? Quanto costa intervenire per fermarle e ricreare habitat naturali autoctoni? E soprattutto, perché è fondamentale intervenire velocemente per frenarle? Sono alcuni degli interrogativi ai quali...

  1. Pagine:
  2. 1
  3. 2
  4. 3
  5. 4
  6. 5
  7. 6
  8. 7
  9. ...
  10. 121