Scienze e ricerca

Erosione costiera: «Drammatica la situazione del nord Adriatico»

In Italia 33 aree a rischio sommersione. Zone a rischio tsunami nel Nord Adriatico. Sicilia e Puglia

Giuseppe Mastronuzzi, geomorfologo dell'Università di Bari, coordinatore del Gruppo di ricerca sulla morfodinamica delle Coste istituito dall'Associazione italiana dei geomorfologi (Aigeo) Costa pugliese – marchigiana – laziale, ha presentato a Taranto, insieme al presidente nazionale Aigeo Gilberto Pambianchi lo studio inedito sulla fascia costiera italiana realizzato dai geomorfologi Mastronuzzi ha sottolineato che «Tutte le spiagge sono...

Premio Nobel per la medicina ad Hall, Rosbash e Young, hanno “scoperto” l’orologio biologico (VIDEO)

Premiati per le loro scoperte di meccanismi molecolari che controllano il ritmo circadiano

Il Nobelförsamlingen vid Karolinska Institutet  ha assegnato il premio Nobel per la fisiologia e la medicina a Jeffrey C. Hall, Michael Rosbash e Michael W. Young. Nella sua motivazione il Comitato per il Nobel ricorda che «La vita sulla Terra è adattata alla rotazione del nostro pianeta. Da  molti anni sappiamo che gli organismi viventi, inclusi gli...

Scoperta una nuova area visiva nel cervello umano

Una ricerca di neuroscienziati delle università di Pisa e Firenze, Cnr e Fondazione Monasterio

Lo studio “Area Prostriata in the Human Brain”, pubblicato su Current Biology da un team di ricercatori guidato Kyriaki Mikellidou e Maria Concetta Morrone, del dipartimento di medicina traslazionale dell'università di Pisa, analizza le proprietà di questa area cerebrale, nota come prostriata, «mostrando per la prima volta una sua specializzazione nell'analisi degli oggetti che si...

Mappe genetiche per le farfalle delle isole a rischio cambiamento climatico

Le farfalle scomparse di Capraia e il Santuario dell’Isola d’Elba

Da molto tempo prima dei celebri studi di Darwin e Wallace, biologi e naturalisti si pongono alcune domande: «Come evolve la diversità di un’isola? Quali fattori rendono differenti le popolazioni insulari da quelle delle terre circostanti, a seguito di una particolare, e spesso unica, storia evolutiva, e talvolta spingendole all’estinzione?». Lo studio “Rise and fall...

I primi esseri umani moderni sono comparsi contemporaneamente in diversi luoghi dell’Africa

La nostra origine risale a molto prima di quanto si credesse

Lo studio “Southern African ancient genomes estimate modern human divergence to 350,000 to 260,000 years ago”, pubblicato su Science da un team di ricercatori svedesi dell'università di Uppsala e delle università sudafricane di Witwatersrand, Johannesburg e Stellenbosch, dimostra   che gli esseri umani moderni potrebbero essere comparsi «da 80.000 a 170,000 anni prima di quanto precedentemente...

L’istrice è arrivato nelle terre del Prosecco

Un esemplare investito a nord di Conegliano Veneto, è la segnalazione più orientale nell’Italia settentrionale

Fino al 1970, l’istrice, il più grande dei roditori italiani, era presente solo nel Centro e Sud Italia, soprattutto nel versante tirrenico. Successivamente, e fino ad oggi, l’areale di distribuzione si è espanso fino quasi a raggiungere l’arco alpino. Le specie avrebbe prima oltrepassato l'Appennino, dalla costa tirrenica alle Marche, dove l'espansione al Nord avrebbe...

L’Onu punta a debellare la rabbia nel mondo

Si stima che circa 59.000 persone ne muoiano ogni anno, nel 99% a causa del morso di un cane

Si è celebrata ieri la Giornata mondiale contro la rabbia, con l'annuncio della più grande iniziativa globale contro la malattia - un progetto ambizioso per porre fine alle morti umane da rabbia trasmessa dai cani entro il 2030 - da parte dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), dell'Organizzazione mondiale per la salute animale (Oie), dall'Organizzazione dell'Onu...

Scoperta una nuova specie di mammifero nelle Isole Salomone, è la prima dopo 80 anni (VIDEO)

Ma il ratto gigante di Vangunu è già rischio estinzione

Quando il mammologo  Tyrone Lavey sbarcò nel 2010 a Vangunu, un’isola di 338 Km2  dell’arcipelago delle Salomone, nel Pacifico meridionale, per studiare i mammiferi della regione,  non si aspettava certo che sarebbe stato l’inizioo di un’avventura che lo avrebbe portato  dopo 7 anni a pubblicare sul  Journal of Mammalogy la notizia e la descrizione della...

Nuove molecole in grado di contrastare i tumori sintetizzate dal luppolo della birra

Uno studio frutto della collaborazione tra istituti di ricerca italiani

«Affamare il tumore»: è da qui che è partito  lo studio “Synthesis and antiangiogenic activity study of new hop chalcone Xanthohumol analogues”  pubblicato sull’European Journal of Medicinal Chemistry da un team di ricercatori italiani coordinato da  Armando Rossello, del dipartimento di farmacia dell’università di Pisa, una ricerca svolta in stretta collaborazione con il team di Adriana Albini, direttrice...

Arriva La Niña. Inverno freddissimo e nevoso negli Stati agricoli del Midwest Usa?

Confermata la tendenza globale a inverni più caldi, ma La Niña porterà un po’ di freddo

Secondo l’Enso Alert System Status - La Niña Watch del National weather service della National oceanic and atmospheric administration Usa (Noaa), la Niña potrebbe portare un inverno molto freddo e con molta neve negli Stati del Midwest e gli agricoltori di Stati come l'Iowa e il Nebraska dovrebbero prepararsi a un inverno molto rigido dopo...

I cambiamenti climatici possono risvegliare i vulcani

Il caso della crisi della salinità del Messiniano, quando il Mar Mediterraneo evaporò

E’ noto che i cambiamenti climatici hanno impatti sui processi della superficie del nostro pianeta quali l’erosione o l’innalzamento del livello del mare, ma i processi di superficie influenzano l’attività vulcanica? E’ la domanda alla quale hanno cercato di rispondere i geologi svizzeri dell’Université de Genève (Unige), in collaborazione con le università francesi di Orléans,...

Ondazioni eccezionali, mareggiate e tsunami: aumenta il rischio in Italia e Mediterraneo

Le precipitazioni intense e sempre più concentrate, spinte dai cambiamenti climatici, ne amplificano l’effetto

«Ondazioni eccezionali sono sempre più frequenti ed in continuo aumento lungo le coste italiane», un trend che risulta legato «ad eventi meteorologici estremi connessi al cambiamento climatico». Il presidente nazionale dei Geomorfologi italiani Gilberto Pambianchi spiega che il «manifestarsi di precipitazioni intense sempre più concentrate amplifica l’effetto delle mareggiate e quindi lungo la fascia si...

Se fa più caldo aumentano i crimini violenti, non importa la stagione

Con il cambiamento climatico ci saranno più crimini e disordini

Gli agenti di polizia sanno bene una cosa: quando fa più caldo per loro c’è molto più lavoro. Ora lo studio “A Time Series Analysis of Associations between Daily Temperature and Crime Events in Philadelphia, Pennsylvania”, pubblicato sul Journal of Urban Health da  Leah Schinasi e Ghassan Hamra dell'università di Drexel sembra confermare questa convinzione.  I...

La pianta carnivora fenice che rinasce dopo gli incendi

La drosera portoghese e la gestione degli incendi per protegge il suo habitat

Le attuali pratiche di gestione della natura cercano giustamente di tenere sotto controllo gli incendi, dato che costituiscono un'elevata minaccia per la ricca biodiversità delle brughiere mediterranee, come hanno dimostrato gli incendi che quest’estate hanno devastato non solo l’Italia ma anche il Portogallo e il sud della Spagna, eppure non tutti gli organismi viventi vengono...

Le nanoplastiche danneggiano il cervello dei pesci

Nuovo studio: la microplastica è la probabile causa di disturbi comportamentali osservati nei pesci

Secondo diversi studi, il 10% di tutte le materie plastiche prodotte in tutto il mondo finiscono negli oceani, quindi,  una grande maggioranza dei rifiuti  marini globali è formo da plastiche. La produzione, o meglio il pessimo smaltimento, raccolta, riciclo e rifiuto della plastica, è diventata un acuto problema ambientale, ma pochi studi hanno finora esaminato...

Eradicati gatti e capre: l’isola di Dirk Hartog diventa un’arca di Noè per le specie autoctone

Introdotti due marsupiali in via di estinzione. Altre 13 specie nei prossimi 12 anni

Sull'isola australiana di Dirk Hartog sono stati liberati più di 20 rarissimi wallaby lepre rossicci (Lagorchestes hirsutus) come parte di un progetto per salvare le specie minacciate di estinzione. Si tratta di un piccolo masupiale che una volta viveva in tutta la Western Australia e che ora sopravvive solo  che nelle isole Bernier e Dorre...

Riscaldamento globale, le zanzare che trasmettono virus mortali alla conquista del nord

Aedes aegypti e albopictus possono riprodursi nel 75% degli Usa

Secondo lo studio “Modeling the Environmental Suitability for Aedes (Stegomyia) aegypti and Aedes (Stegomyia) albopictus (Diptera: Culicidae) in the Contiguous United States” pubblicato sul Public Journal of Entomology da un team di ricercatori statunitensi della Division of vector-borne diseases dei Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) e del National center for atmospheric research, fino al 75% degli Stati...

M’ammalia 2017, la Settimana dei mammiferi alla prova del nove

Si terrà da venerdì 27 ottobre a domenica 5 novembre 2017 l'evento promosso dall'Atit

Dal 27 ottobre al 5 novembre 2017 si svolgerà la nona edizione di "M'ammalia. La Settimana dei mammiferi", promossa dall’Associazione teriologica italiana onlus (Atit) e realizzata in collaborazione con l’Associazione nazionale musei scientifici (Anms). Un insieme di eventi coordinati dall’Atit e organizzati da istituzioni scientifiche e culturali (musei naturalistici, orti botanici, biblioteche), aree naturali protette...

La matematica predice la sesta estinzione di massa. Il Mit: inizierà nel 2100

Gli oceani potrebbero contenere abbastanza CO2 da innescare l’estinzione di massa delle specie nei prossimi millenni

Negli ultimi 540 milioni di anni, la Terra ha subito 5 estinzioni di massa, ognuna delle quali con l’evidenza di processi che hanno sconvolto il normale ciclo del carbonio sia nell'atmosfera che negli oceani. Al Massachusetts Institute of Technology (Mit) spiegano che «Queste fatali perturbazioni globali nel carbonio si sono svolte da migliaia a milioni di...

Terremoti: l’arsenico potrebbe essere un precursore sismico? Uno studio italiano

Prima del sisma del 24 agosto 2016, variazioni geochimiche nelle acque dell’Appennino centrale

Lo studio “Hydrogeochemical changes before and during the 2016 Amatrice-Norcia seismic sequence (central Italy)”, pubblicato su Scientific Reports da di 6  geologi ricercatori italiani della Sapienza università di Roma (Domenico Barberio, Maurizio Barbieri, Carlo Doglioni e Marco Petitta), del Cnr (Andrea Billi) e dell’Ingv (Carlo Doglioni), parte da una constatazione: «La previsione dei terremoti è...

La raganelle che cambiano colore per amore (e per farsi riconoscere dagli altri maschi)

Perché molte le rane sono dinamicamente discromiche

Secondo nuove ricerche scientifiche, centinaia di specie di rane assumono colori brillanti per un breve periodo di tempo per migliorare le loro opportunità di accoppiamento, or il nuovo studio “Breeding biology and the evolution of dynamic sexual dichromatism in frogs” pubblicato sul Journal of Evolutionary Biology dalla statunitense Rayna  Bell, dell’università della California – Berkeley e...

Pericolosi livelli di mercurio nelle giovani donne in età fertile di tutto il mondo

Centrali carbone e piccole miniere d’oro le cause principali

Secondo il nuovo studio “Mercury in Women of Child-bearing Age in 25 Countries”, pubblicato  da Ipen (un  global public health & environment network) e dal  Biodiversity research institute (Bri), «Il mercurio, un metal neurotossico è stato trovato  livelli elevati in diverse regioni del mondo nelle donne in età fertile». Dalo studio è emerso che   «Le...

Perché i vecchi barbagianni non diventano sordi

Svelato il segreto delle orecchie senza età dei rapaci notturni. Potrebbe aiutare a sviluppare trattamenti per la sordità

I barbagianni (Tyto alba) mantengono il loro acutissimo senso dell’udito anche quando sono molto vecchi. Prim gli scienziati avevano scoperto che anche gli storni hanno questa capacità, suggerendo che gli uccelli siano protetti dalla perdita dell’udito legata all'età e sono convinti che «Ulteriori informazioni sulle "orecchie senza età" di barbagianni, gufi e civette possono aiutare...

Terremoto 7.0 in Messico: centinaia di vittime, molti bambini

Lo Stato più colpito è Ciudad de México. Vittime e danni in molti altri Stati

A 32 anni esatti dal terremoto del 1985 che fece migliaia di vittime a Città del Messico e a pochi giorni da un altro fortissimo sisma, quello del 7 settembre, che ha 98 morti, la capitale messicana è stato colpito da un sisma di magnitudo 7.1  con epicentro alle ore 13,14 ora locale ad ovest di...

“Modelli, politiche e strategie per lo sviluppo dell’agricoltura biologica” all’Università di Urbino

L’Ateneo inaugura un nuovo corso di formazione permanente: iscrizioni fino al 10 ottobre

L’Università di Urbino ha presentato il nuovo corso di formazione permanente “Modelli, politiche e strategie per lo sviluppo dell’agricoltura biologica”, in occasione del Sana di Bologna: il nuovo percorso formativo si propone come obiettivo quello di sostenere la diffusione della cultura del biologico, rivolgendo l’attenzione principalmente alle conoscenze tecniche ed economiche delle varie figure professionali interessate...

Linci che uccidono lupi (FOTOGALLERY)

I clamorosi risultati degli studi sull'interferenza interspecifica tra lupi e linci in Bielorussia

Vadim Sidorovich è uno zoologo che, dopo aver lavorato per più di 30anni per l'Istituto di zoologia dell'Accademia nazionale della scienza della Bielorussia, nel 2016 ha deciso di abbandonare il lavoro puramente accademico e insieme alla moglie  Irina Rotenko ha iniziato ricerche esclusivamente sul campo sui due animali che sono da sempre i loro principali...

I decessi dovuti a guerre e terrorismo sono cresciuti del 143% negli ultimi dieci anni

Dalla rivista scientifica Lancet il nuovo rapporto sulla salute nel mondo. Le prossime sfide riguardano cambiamenti climatici e risorse ecosistemiche

128,8 milioni di nascite e 54,7 milioni di morti: l’alfa e l’omega della vita umana sul pianeta terra nell’ultimo anno sono racchiuse in questi due numeri. Nel mezzo, c’è quanto Lancet – una delle più autorevoli riviste medico-scientifiche al mondo – ha cercato anche stavolta di racchiudere pubblicando il rapporto Global burden of disease study...

Scienza climatica e biologia per prevedere come il cambiamento climatico influenzerà le malattie infettive

Gli esempi di malaria, chikungunya e tifo

«Prevedere come il cambiamento climatico influenzerà l'incidenza delle malattie infettive avrebbe grandi benefici per la salute pubblica. Ma la relazione tra  clima e malattie è straordinariamente complessa, rendendo difficile queste previsioni». A dirlo è lo studio “Identifying climate drivers of infectious disease dynamics: recent advances and challenges ahead”, pubblicato su  Proceedings of the Royal Society B: Biological...

In Italia ci si ammala sempre più di cancro: il ruolo dell’inquinamento ambientale spiegato

Dall’Italia un «grado molto scarso di adesione agli impegni presi» per migliorare la qualità dell’aria: i primi responsabili rimangono traffico veicolare e riscaldamento residenziale

È stato presentato ieri a Roma, nell’auditorium del ministero della Salute, il documento I numeri del cancro in Italia 2017: si tratta del censimento ufficiale dell’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) e dell’Associazione italiana registri tumori (Airtum), la cui conoscenza «potrà – secondo la ministra della Salute Beatrice Lorenzin – rendere più facile e incisiva...

Le dimensioni contano, per salvarsi dall’estinzione (VIDEO)

La caccia ai grandi animali non è l'unica minaccia. Sottovalutata la vulnerabilità dei piccoli vertebrati

Lo studio “Extinction risk is most acute for the world’s largest and smallest vertebrates”, pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) da un team internazionale di ricercatori ha trovato l cosiddetta “Goldilocks zone” per gli animali di medie dimensione, mentre i predatori al vertice della catena alimentare sono sovra-cacciati e i piccoli...

  1. Pagine:
  2. 1
  3. 2
  4. 3
  5. 4
  6. 5
  7. 6
  8. 7
  9. ...
  10. 62