ACQUA BENE COMUNE RISORSA DA SALVAGUARDARE

[15 aprile 2014]

MERCOLEDI’ 16 APRILE ore 21 VENTURINA saletta comunale largo della fiera 5

PER UNA GESTIONE PUBBLICA E PARTECIPATA DELL’ACQUA

PER IL RISPARMIO E LA PROTEZIONE DEL TERRITORIO

Nonostante i referendum, i cittadini continuano a pagare una quota in bolletta che va a renumerare il privato, mentre ASA ha una gestione in perdita.

LA RISORSA ACQUA E’ MESSA A RISCHIO:

DECINE DI PISCINE ALIMENTATE CON ACQUA DELL’ACQUEDOTTO
UN ACQUEDOTTO COLABRODO SU CUI NON VENGONO FATTI INVESTIMENTI DI RIFACIMENTO E PREVENZIONE DELLE PERDITE
CAVE NELLA GOLENA DEL CORNIA CHE, OLTRE A DISTRUGGERE LA FLORA RIPARIA E I MATERASSI DI GHIAIA, VERI POLMONI PER TRATTENERE LE ALLUVIONI, PORTANO ANCHE FANGHI CHE IMPERMEABILIZZANO IL LETTO DEL FIUME NELL’UNICO TRATTO DOVE L’ACQUA FINISCE NELLA FALDA

La gestione di tipo privatistico tralascia la cura del territorio, le soluzioni naturalistiche di contenimento delle piene dei fiumi e il risparmio della risorsa acqua (più economiche e meno impattanti).

Questo porta ALLA SALINIZZAZIONE DELL’ACQUA, con grave danno per l’agricoltura, E ALLA PRESENZA DI BORO E ARSENICO e alla conseguente necessità di costosi ed energivori macchinari per la loro depurazione, e privilegia progetti costosi, come la lunghissima condotta per portare acqua dal Serchio o impianti di dissalazione.

Le Amministrazioni Pubbliche, i candidati alle prossime amministrative sono invitati ad esprimere la loro posizione e i propri impegni per il rispetto dei referendum, la ripubblicizzazione del servizio idrico, la corretta gestione dell’acqua e la salvaguardia del territorio.

Partecipano: Giorgio Zampetti Segreteria Nazionale Legambiente – Rosanna Crocini Forum Acqua Toscana