Cibo e sostenibilità per Expo 2015

[27 aprile 2015]

Con un primo incontro, giovedì 30 aprile, l’Università di Siena inaugura una serie di eventi dedicati a Expo 2015, aperti agli studenti e ai cittadini. Con il titolo “Il nostro cibo, la nostra storia”, docenti e ricercatori dell’Ateneo illustreranno i propri progetti di ricerca e approfondiranno temi legati all’alimentazione, alla salute, alla sostenibilità ambientale del cibo, in un ricco programma di iniziative che coprirà tutta la durata di Expo.

Il 30 aprile alle ore 16, nel cortile del palazzo del Rettorato, si terrà l’incontro “…Aspettando Expo. Cibo e sostenibilità per Expo 2015”, a cura di Simone Bastianoni, docente del dipartimento di Scienze fisiche, della terra e dell’ambiente, con Riccardo Maria Pulselli ed Elena Neri, dello spin-off universitario Indaco2, che approfondiranno il tema della sostenibilità delle filiere agroalimentari. I ricercatori di Indaco2 presenteranno i risultati dei loro studi sulla sostenibilità ambientale di alcuni prodotti tipici toscani, come il pecorino, l’olio d’oliva, alcuni vini, la carne maremmana e quella di cinta senese. Utilizzando il parametro delle emissioni di Co2, i ricercatori dimostreranno come una produzione attenta alla qualità del cibo e che rispetti i processi produttivi tradizionali è anche meno inquinante e più rispettosa delle risorse naturali e dell’ambiente. Il professor Bastianoni parlerà del progetto “Siena Carbon Free”, l’obiettivo raggiunto di compensare la quantità di gas serra emessa a livello provinciale, con la capacità degli ecosistemi locali di assorbire Co2. Grazie ad una serie di politiche energetiche e buone pratiche, la Provincia di Siena è infatti il primo territorio carbon neutral certificato al mondo.

L’incontro in Rettorato, aperto a tutto il pubblico interessato, sarà accompagnato dalla musica dell’associazione culturale studentesca uRadio e da una merenda con i prodotti stagionali tipici del territorio, offerta da Simply Market. L’evento è organizzato da USiena Expo 2015 con la collaborazione di Camera di Commercio di Siena, USiena Welcome, Comune di Siena e Indaco2.