convegno “L’economia circolare da 30 anni abita in Toscana” – 10 giugno Palazzo Strozzi, Firenze

[8 giugno 2016]

Convegno dedicato all’economia circolare – obiettivo prioritario dell’Unione Europea, ma che in Toscana è già una realtà – organizzato da Revet in occasione del suo trentennale.
Nel 1986 infatti nasceva ad Empoli una piccola azienda che cominciò ad intercettare gli scarti delle vetrerie della zona, per riciclarli e fonderli in nuove bottiglie. Nel 1986 nasceva anche il ministero dell’ambiente sulla scia della legge 381 del 1984 che cominciò ad occuparsi della questione rifiuti.
Nel giro di pochi anni Revet si espande in tutta la Toscana, costellando ogni provincia di campane per la raccolta del vetro e poi anche dell’alluminio. Fino al 1994 quando fu varata a Rosignano marittima la prima raccolta sperimentale multimateriale: imballaggi in plastica, vetro, acciaio e alluminio. Così quando il decreto Ronchi del 1997 introduce in Italia l’obbligo delle raccolte differenziate, la Toscana è una regione con una filiera industriale del riciclo ben strutturata.
L’avanguardia tecnologia e l’eccellenza toscana nella corretta gestione del ciclo dei rifiuti, viene oggi consolidata grazie all’esperienza di Revet Recycling, azienda che nel suo impianto ricicla le plastiche miste altrove destinate a recupero energetico.
E il futuro? Ne parleremo insieme venerdì, ma intanto vi anticipo alcuni flash: una rete impiantistica sempre più efficiente e funzionale alla raccolta del multimateriale leggero; il potenziamento del polo empolese di riciclo del vetro; lo sviluppo di nuovi prodotti realizzati con il materiale di Revet Recycling.