Il Mediterraneo tra Ricerca e Sostenibilità

[21 febbraio 2014]

La ricerca scientifica per il mar Mediterraneo: l’Università di Siena e la Marina militare condurranno insieme l’incontro organizzato per il 25 febbraio, ore 11.30,  nell’aula magna storica del palazzo del Rettorato, intitolato “Il Mediterraneo tra ricerca e sostenibilità”.

La giornata, aperta al pubblico, sarà moderata da Donatella Bianchi, giornalista di Rai 1 e conduttrice della trasmissione “Linea Blu”.

L’Ateneo sta collaborando con la Marina Militare su progetti di ricerca che riguardano la tutela dell’ambiente marino. In particolare, le navi scuola Amerigo Vespucci, Magnaghi e Galatea hanno ospitato nello scorso autunno i ricercatori senesi, per svolgere un’anteprima del progetto  “Plastic Busters”. Si tratta di un ampio piano di mappatura, analisi e divulgazione scientifica sull’inquinamento marino dovuto alle plastiche, che fa parte delle iniziative a favore della sostenibilità lanciate attraverso “Med Solutions”, il network per l’area del Mediterraneo, coordinato dall’Università di Siena, all’interno dell’iniziativa ONU “Sustainable Development Solutions Network”.

L’incontro di martedì prossimo sarà aperto dal rettore Angelo Riccaboni, a cui seguirà l’intervento del Capitano di Vascello Massimo Pellegrini, che spiegherà il ruolo della Marina Militare nel supporto delle attività di ricerca in mare. Il progetto Plastic Busters e la collaborazione con la Marina Militare saranno illustrati dalla professoressa Maria Cristina Fossi. Seguirà il dibattito e la discussione con gli studenti.