l Parco della Maremma due giorni di archeologia, arte e storia: La Musica Perduta degli Etruschi e I Tesori di San Rabano

[26 luglio 2018]

Due appuntamenti, quelli di fine luglio al Parco della Maremma, che coniugano natura, arte, storia e archeologia.
Domenica 29 luglio, il ritrovo è fissato per le ore 17,30 presso il Centro Visite, da lì il pubblico si sposterà a piedi, lungo l’itinerario A6 – faunistico, per assistere ad un evento unico sulla riscoperta della musica degli Etruschi attraverso una sorta di “dialogo scientifico” fra Simona Rafanelli, Etruscologa e Direttore Scientifico del Museo Civico Archeologico “Isidoro Falchi” di Vetulonia e la musica di Stefano “Cocco” Cantini, Sassofonista jazz di fama internazionale e Direttore artistico del Grey Cat Jazz Festival.
Questo progetto deve la sua assoluta novità primariamente al tipo di approccio, insieme archeologico e musicale, all’argomento, coinvolgendo, in maniera totalmente inedita, un musicista in luogo di un teorico della materia musicale. La presenza di un suonatore di strumenti a fiato, ai quali la Toscana, sin dalle sue radici etrusche, e l’intera Penisola Italiana sembrano accordare una speciale preferenza, ha indirizzato immediatamente il percorso di ricerca verso un obiettivo preciso: quello di recuperare i suoni perduti, trasformandolo straordinariamente in un “viaggio alla ricerca di un suono”. Un evento unico e imperdibile, in una cornice così suggestiva quale quella offerta dalle querce dell’Itinerario faunistico del Parco della Maremma, in cui riscoprire i suoni della natura ripercorsi attraverso strumenti appartenenti alle tradizioni etrusche.
Per partecipare all’evento gratuito “La Musica perduta degli Etruschi” è sufficiente prenotarsi, contattando il centro visite al numero 0564 407098, aperto tutti i giorni dalle ore 8,30 alle 20.
Lunedì 30 luglio, è la volta della conferenza di Roberto Farinelli, Ricercatore e Prof. Aggregato di Archeologia Cristiana e Medievale all’Università di Siena, dal titolo “I Tesori di San Rabano”.
Una full immersion sulle origini di San Rabano, l’abbazia benedettina fondata dopo l’anno 1000 e i tesori che ha custodito e che sono riemersi durante le fasi di restauro con l’esperto archeologo Farinelli che approfondirà l’argomento e ripercorrerà la storia di questo magnifico monumento che rimane nascosto tra i lecci dei Monti dell’Uccellina.
L’appuntamento per prendere parte all’evento, previa prenotazione e dopo aver acquistato il biglietto (10 € l’intero, 5 € il ridotto), è al centro visite alle ore 16, da qui tutto il gruppo potrà spostarsi a San Rabano, percorrendo l’evocativo itinerario, con la guida Simone Franci che introdurrà il Parco della Maremma e darà alcune informazioni storiche sull’abbazia.