La Giornata nazionale per la Custodia del Creato sulla Via di Francesco, con Greenaccord

[18 luglio 2017]

Interrogarsi e riscoprire la propria fede, ripercorrere i passi di san Francesco, rinsaldare il rapporto con il proprio “io” interiore, vedere negli altri una risorsa per il proprio futuro e nei beni naturali uno strumento di benessere. Sono tante le motivazioni che spingono a intraprendere il pellegrinaggio a piedi tra Assisi e Gubbio. Ma organizzare un incontro di giornalisti nei giorni e nei luoghi del cammino, ne aggiunge senza dubbio un’altra: aiutare il mondo dell’informazione a raccontare il fenomeno dei pellegrini nel XXI secolo ed evidenziare il profondo legame che esiste tra spiritualità, mobilità umana e tutela dei beni naturali.

Dal primo al 3 settembre prossimi torna il Forum dell’Informazione cattolica per la Custodia del Creato, tradizionale appuntamento organizzato dall’associazione culturale Greenaccord Onlus, giunto quest’anno alla 12a edizione. Confermato, come nelle precedenti edizioni, l’impianto convegnistico di alto livello, che si terrà a Gubbio presso il Centro servizi “Santo Spirito”. Ma la novità di questa edizione è la scelta di iniziarlo con una parte di vero e proprio cammino, da fare insieme agli altri pellegrini. L’appuntamento è per il primo settembre al nuovo Santuario della Spogliazione di Assisi dal quale, dopo l’incontro con il vescovo della città, Domenico Sorrentino, partirà il cammino. Dopo una sosta nel Bosco di San Francesco, l’itinerario prevede l’arrivo a Valfabbrica dove sarà presentata in anteprima la nuova “Ippovia Slow sulla Via di Francesco”.

«La comunicazione post emergenza richiama necessariamente il giornalismo di prossimità, fatto di incontri, di volti, di storie, di racconti di rinascite: un giornalismo “viandante” che visita e che si stacca dalla scrivania della redazione e dallo scorrere le agenzie di stampa. Francesco d’Assisi che si spoglia, prima di intraprendere il suo “cammino” da Assisi verso Gubbio, ci insegna e ci ricorda che l’esperienza del cammino ci mette a nudo e ci rende vulnerabili ma questa è la condizione migliore per l’incontro vero e profondo con gli altri e con il creato», commenta Alfonso Cauteruccio, presidente di Greenaccord.

Le tre sessioni di convegno previste saranno dedicate a offrire delle valutazioni e riflessioni della qualità offerta dall’informazione italiana nei momenti successivi alle emergenze dovute a  fenomeni naturali, a raccontare lo sviluppo del pellegrinaggio religioso e a dare spazio a iniziative in grado di ridurre l’impronta ecologica di turisti e viaggiatori.

Tra i relatori in programma, il rettore della Confraternita di San Jacopo di Compostela, Paolo Caucci von Saucken; il rappresentante della Santa Sede presso l’Organizzazione Mondiale del Turismo, Maurizio Bravi; il presidente di Federtreck, Paolo Piacentini; il parroco nella “Terra dei Fuochi”, Maurizio Patriciello.

Durante il Forum, la sera del 2 settembre, verrà inoltre organizzata una serata al Chiostro dell’ex Convento di San Pietro per conferire i Premi giornalistici “Sentinella del Creato”. Conferito in collaborazione con l’Ucsi (Unione cattolica stampa italiana) e Fisc (Federazione italiana dei settimanali cattolici), il riconoscimento ha l’obiettivo di premiare tre giornalisti che, nel corso dei precedenti dodici mesi, si sono particolarmente distinti nella divulgazione e nell’approfondimento delle tematiche ambientali.

Il programma completo del 12esimo Forum dell’Informazione cattolica per la salvaguardia del Creato è disponibile al sito www.greenaccord.org.

Per le sessioni dei lavori sono stati chiesti all’Ordine dei Giornalisti i relativi crediti per la formazione professionale. Quando deliberato dall’Ordine, i giornalisti che vi prenderanno parte potranno iscriversi sul sito S.I.Ge.F (www.sigef-odg.lansystems.it), come di consueto.