Noi dopo di noi. Il IV Seminario interdisciplinare sull’accoglienza

[2 settembre 2015]

“Noi dopo di noi. Accogliere, ri-generare, restituire nella società, nell’educazione, nel lavoro” è il titolo della 4^ edizione del Seminario interdisciplinare sull’accoglienza, si terrà da giovedì 17 a sabato 19 settembre a Offida.

Che tracce lascerà il nostro agire nella società, nell’educazione, nel lavoro? Pensare al dopo ci inchioda alle responsabilità del nostro presente, sfidandoci a immaginare e valutare le conseguenze delle nostre azioni: nella politica, nella società civile, nell’economia e nel lavoro. Come responsabili delle comunità in cui viviamo, come genitori e educatori, come imprenditori e lavoratori siamo chiamati,soprattutto, a riconoscere questa distanza temporale senza dimenticare il senso del limite, accogliendo la nostra umanità come esperienza di legami e misterioso appuntamento tra passato, presente e futuro, tra generazioni diverse. L’uscita di scena chiede di farci eredità, di lasciare tracce che altri possano percorrere e di seminare ciò che altri possano far fiorire. Pensare al dopo, dunque, come fondamentale sollecitazione ad accogliere, ri-generare e restituire – rinnovando – ciò che si è ricevuto. Noi dopo di noi significa cura della memoria, da trasformare in un libro responsabilmente aperto al futuro.

Il seminario “Noi dopo di noi” è organizzato in cinque sessioni tematiche. Ogni sessione approfondirà il tema da due prospettive articolate in altrettanti interventi: una riflessione più teorica – affidata ad accademici e ricercatori – cui seguirà uno spazio più narrativo dedicato al racconto di esperienze e pratiche. Tra i temi protagonisti anche l’ambiente, con una sessione dedicata al Progettare per non essere progettati: avere cura del luogo dell’avvenire, durante la quale interverranno Cesare Patrone e Massimiliano Mazzanti, economista all’università di Ferrara e direttore del centro di ricerca Seeds – nonché membro del think tank di questo giornale, Ecoquadro.

Il seminario proporrà anche una poster session con l’allestimento di uno spazio visuale che faciliterà il coinvolgimento dei partecipanti e la conoscenza di esperienze e proposte di accoglienza raccontate dai protagonisti. Nelle tre giornate sono previsti altri momenti e percorsi culturali, una mostra fotografica, un concerto e l’esibizione del coro Solidalcanto di Morrovalle insieme all’ensemble strumentale Armoniosa marca.

A chi si rivolge

A cittadini, educatori e studenti, economisti e ricercatori di scienze politiche e sociali, imprenditori ed executive, docenti e amministratori, architetti e urbanisti, cooperatori e manager d’imprese e di organizzazioni non profit che vogliono approfondire il paradigma dell’accoglienza in diversi ambiti: dalla società alle istituzioni, dalle imprese alle scuole, dal territorio alle città.

L’appuntamento il 17, 18 e 19 settembre a Offida (provincia di Ascoli Piceno) .

Qui il programma dettagliato dell’evento: http://www.lavoroperlapersona.it/seminacc-2015/