A Piombino nuovo incontro pubblico per uno sviluppo sostenibile del territorio

[17 ottobre 2016]

aferpi lucchini piombino acciaio siderurgia

Il successo di partecipazione dell’assemblea pubblica organizzata lo scorso 7 ottobre al Centro Giovani da associazioni e cittadini, per discutere del tracciato della strada SS 398 e dell’occupazione del Quagliodromo da parte della futura ferrovia privata AFERPI, ha dimostrato che ormai un gran numero di cittadini ha a cuore il futuro della città.

Del resto le ultime dichiarazioni del direttivo del Pd riguardo al piano industriale di AFERPI non rassicurano a sufficienza, perché se da una parte si dice di voler vigilare strettamente su di esso, dall’altra assistiamo ad un’accelerazione delle procedure formali per l’approvazione del piano, peraltro senza assoggettarlo a Valutazione di Impatto Ambientale e senza alcun reale confronto coi cittadini.

La stessa interrogazione parlamentare dello scorso 13 ottobre ha messo in luce quale distanza ci sia tra gli intenti dichiarati dal Governo  e dalle Istituzioni locali e il reale piano industriale: dimezzamento occupazionale, assenza di bonifiche e quindi sicurezza ambientale e lavorativa, a fronte di un’occupazione di nuovo suolo di alto pregio naturalistico (il Quagliodromo), richiesta di modifica del tracciato della SS 398, già approvato dalla precedente Giunta, a discapito della città e complicando la logistica del traffico verso il porto. Difesa dell’ambiente, del territorio e dell’occupazione in Val di Cornia sono inscindibili.

Per questo lunedì prossimo 17 ottobre alle ore 21.00 nella sala del Perticale (via Lerario) avrà luogo un altro incontro pubblico per portare avanti questi temi a favore di uno sviluppo sostenibile di Piombino.

Un gruppo di cittadini e le associazioni: Comitato antinquinamento; Coordinamento art.1-Camping CIG; Lavoro salute dignità; Legambiente; Restiamo umani; Ruggero Toffolutti contro le morti sul lavoro