Anche Sei Toscana al G20s, il primo summit delle spiagge italiane

[6 settembre 2018]

Ha preso il via ieri pomeriggio a Bibione la prima edizione del G20 delle Spiagge italiane (G20s). Durante la tre giorni di lavori si confronteranno ben 260 partecipanti tra sindaci, assessori regionali, esponenti della politica nazionale, esperti, operatori turistici, studiosi, giornalisti, opinion makers e imprenditori provenienti da tutta Italia. Tre giorni di eventi e 16 tavoli di lavoro con un unico, grande obiettivo: scrivere il futuro del turismo balneare italiano. Al G20s partecipano le località balneari di sette regioni con il più alto numero di presenze in Italia, per un totale di circa 60 milioni di visitatori. Fra queste Castiglione della Pescaia, unica rappresentante della Toscana. Proprio il comune della Piccola Svizzera ha invitato Sei Toscana visti i molteplici servizi che il gestore svogle quotidianamente sul territorio. Pulizia degli arenili, nuove attrezzature per lavaggio e pulizia stradale, riorganizzazione e potenziamento delle postazioni di raccolta differenziata, nuovo erogatore raccogli-cicche, utilizzo di stoviglie biodegradabili per gli stabilimenti balneari: tutte azioni che l’Amministrazione comunale di Castiglione della Pescaia e Sei Toscana hanno messo in atto negli ultimi anni e che hanno contribuito a fare di Castiglione una delle mete balneari più ambite e frequentate dai turisti, italiani e stranieri. “Vogliamo condividere con le altre realtà i progetti di sostenibilità e accessibilità sui quali la nostra amministrazione si è fortemente impegnata – dice Giancarlo Farnetani, sindaco di Castiglione della Pescaia –. I tanti riconoscimenti in campo ambientale, come la Bandiera Blu, le Cinque Vele di Legambiente e TCI, la Bandiera Lilla dell’accessibilità, quella Verde dei pediatri per spiagge a misura di bambino e la Bandiera Gialla della ciclabilità, ci hanno portato a sviluppare molteplici progetti. Grande attenzione logicamente è stata data all’ambiente in ogni suo aspetto, a partire da quello della gestione dei rifiuti”.

Per maggiori informazioni sul G20s clicca qui.