CARRARA – NOTA ENEL

[6 novembre 2014]

Enel comunica di aver rialimentato tutte le utenze, cui era possibile restituire elettricità, nella zona di Avenza e Marina di Carrara, rimasta allagate in seguito all’esondazione del torrente Carrione.

Rimangono ancora tre cabine secondarie prive di energia elettrica perché si trovano in zone completamente allagate: si tratta degli impianti di trasformazione denominati “Cavallotti”, “Faggioni” e “Tarabotto”, nel Comune di Carrara. La Protezione Civile sta liberando le aree con delle idrovore, dopodiché sarà possibile intervenire nelle cabine per effettuare verifiche sullo stato dei manufatti elettrici e procedere al ripristino del loro funzionamento. In ogni caso, le utenze senza energia elettrica sono poche e distribuite a macchia di leopardo perché in molte circostanze Enel ha effettuato bypass da altre linee grazie al cavo attrezzo e ai gruppi elettrogeni installati ieri.

Enel ricorda che, poiché acqua ed elettricità creano una situazione di forte pericolo, in alcune situazioni non è stato possibile restituire energia elettrica immediatamente per ragioni di sicurezza: tutto il processo di ripristino del servizio elettrico viene gestito dalla Task Force allestita da Enel in collaborazione con la Prefettura, la Protezione Civile e le Istituzioni. A questo proposito, Enel precisa che gli impianti elettrici non hanno riportato guasti tecnici ma, trovandosi in aree allagate, non hanno potuto riprendere subito a erogare energia elettrica per le ragioni suddette.