Cattivi odori dai pozzi geotermici nella zona di Travale (GR)

[7 luglio 2014]

In merito all’articolo del Tirreno di giovedì 3/7/2014 si precisa quanto segue:

Controllo delle emissioni
ARPAT effettua il controllo del rispetto dei valori limite di emissione delle 34 centrali geotermoelettriche presenti in Toscana, con una frequenza indicativa di circa ogni 15 –20 mesi. La centrali Travale 3 e 4 sono state controllate nel 2013 (ottobre) con valori emissivi conformi ai limiti stabiliti dalle autorizzazioni. Il campionamento e le analisi sono svolti da personale ARPAT e da laboratori ARPAT. ENEL, a sua volta, effettua in autonomia i previsti autocontrolli.

I dati ARPAT sono riportati nei report annuali pubblicati sul sito Web di ARPAT; i dati di ENEL invece non sono pubblicati. Sul sito Web di ARPAT sono inoltre disponibili i dati sugli esiti dei controlli dell’Agenzia aggiornati al 2012. Sia i report sia i dati sugli esiti dei controlli ARPAT saranno a breve aggiornati anche al 2013; si anticipano qui i dati che saranno presto pubblicati nell’Annuario ARPAT 2014, relativamente alla tematica Geotermia .

Qualità dell’aria
ARPAT effettua il controllo della qualità dell’aria validando i dati della rete di monitoraggio di ENEL. Nelle aree geotermiche sono presenti 19 stazioni di controllo ENEL; nella zona di Travale sono presenti tre centraline fisse di rilevamento della qualità dell’aria. Mensilmente, ENEL trasmette tutti i dati ad ARPAT che effettua una validazione dei medesimi; con frequenza quadrimestrale è prodotta una relazione interna con i dati descritti e commentati.

ENEL pubblica giornalmente i dati come media oraria , mentre ARPAT, con i medesimi dati orari, fa le elaborazioni richieste dalla Linea guida dell’Organizzazione mondiale della sanità, al fine di valutare il rispetto dei limiti di cautela sanitaria.

ARPAT gestisce inoltre due mezzi mobili dei quali uno è attualmente impegnato in una campagna lunga di monitoraggio presso loc. Bagnoli ad Arcidosso, mentre il secondo è utilizzato per controllare il buon funzionamento delle stazione ENEL con brevi campagne di monitoraggio in parallelo con una stazione ENEL campionata; attualmente questo secondo mezzo è impegnato in una campagna di controllo presso le scuole elementari di Abbadia S. Salvatore.

Nella fattispecie, il problema presente nella zona di Travale è legato ad un blocco dell’AMIS per un guasto di un scambiatore; ENEL ha comunicato a tutti gli enti competenti il problema insorto la cui risoluzione è prevista nelle prossima settimana. Sono stati chiesti i dati delle tre centraline ENEL di Travale, Montalcinello e Belforte per verificare i livelli di acido solfidrico registrati.