Chiazze rosse nel fiume Greve

[9 agosto 2013]

Negli ultimi giorni il Dipartimento ARPAT di Firenze è stato più volte contattato sia dalla sala operativa delle protezione civile, sia da associazioni del territorio che direttamente dai cittadini per segnalare la presenza di una chiazza di colorazione rossa nel fiume Greve a Scandicci.

Il 5 agosto scorso, la sala operativa della protezione civile insieme alla polizia municipale di Scandicci hanno attivato il Dipartimento per la verifica di un’anomalia nel fiume Greve.

Gli operatori ARPAT hanno effettuato un sopralluogo conoscitivo presso il corso d’acqua interessato ed hanno prelevato dei campioni di materiale.

Il sopralluogo ha confermato la presenza di una chiazza rossa in sospensione sull’acqua in un’ansa del fiume nelle vicinanze del ponte XXVIII settembre.

In base primo esame visivo ed al successivo esame microscopico, effettuato nel laboratorio di microbiologia, è stato accertato che il fenomeno è dovuto ad una estesa presenza di Euglena sanguinea, alga microscopica unicellulare che contiene particolari pigmenti che divengono di colore rosso con temperature elevate.

L’alga in condizioni favorevoli (sostanza organica, ristagno d’acqua temperatura ) può moltiplicarsi considerevolmente fino a formare un denso strato rosso che vira al verde quando la temperatura si abbassa. Il fenomeno visivo è appariscente e, a prima vista, potrebbe essere attribuito a sostanze inquinanti.

In letteratura è riportato che l’alga può produrre un composto tossico per alcuni pesci ma soltanto se in concentrazione particolarmente elevata.

Gli operatori ARPAT hanno constatato che non erano in corso morie di pesci ed erano presenti diverse nutrie sull’alveo del fiume.

E’ possibile che nei prossimi giorni il fenomeno si ripeta e si estenda.