Comuni ricicloni: a Slowfood un premio speciale per la raccolta degli imballaggi in acciaio

[9 luglio 2014]

Slow Food, l’associazione no profit che si pone l’obbiettivo di promuovere nel mondo il cibo buono, pulito e giusto, è stata premiata per l’attenzione all’ambiente e la raccolta degli imballaggi in acciaio.

Il riconoscimento è stato assegnatooggi a Roma nell’ambito di Comuni Ricicloni,l’iniziativa di Legambiente che ogni anno individua in Italia le amministrazioni locali con le migliori performance di raccolta differenziata e di gestione dei rifiuti.

Il premio è stato conferito da RICREA, il Consorzio Nazionale Riciclo e Recupero Imballaggi Acciaio, che dal 2008 è partner ambientale delle principali manifestazioni organizzate da Slow Food: il Salone del Gusto e Terra Madre a Torino, Slow Fish a Genova e Cheese a Bra.

“Nel concreto, dal 2006 abbiamo cominciato a lavorare sulle nostre manifestazioni più importanti- spiega Francesca Rocchi, Vicepresidente di Slow Food Italia –  ricercando e sviluppando nuovesoluzioniper ridurne l’impatto sull’ambiente: dalla raccolta differenziata, aimateriali per l’allestimento e la comunicazione, dal trasporto dellemerciai transfert dei partecipanti, dai corpi illuminanti alla compensazionedelle Co2 che inevitabilmente si producono. Grazie alla collaborazioneconil Politecnico di Torino e l’Università di Scienze Gastronomiche e alletante realtà che, come RICREA, contribuiscono mettendo in rete le propriecompetenze, siamo riusciti a sviluppare negli anni un modello unico almondoper la progettazione di manifestazioni fieristiche ed eventi complessi e dai grandi numeri. Il riconoscimento che oggi RICREA assegna a Slow Food ciinorgoglisce e conferma la bontà delle nostre intuizioni”

“Le notevoli quantità – sostiene Federico Fusari, direttore generale RICREA – di barattoli di conserve vegetali, i tappi e i coperchi di bottiglie e vasetti, le scatolette di prodotti ittici, tutte in acciaio, utilizzate e conferite nella raccolta differenziata ben organizzata da Slow Food consentono a RICREA di garantirne un riciclo di buona qualità. E non solo. Il valore equivalente al peso degli imballaggi raccolti durante le manifestazioni di cui siamo partner viene devoluto per il progetto “Mille orti in Africa” promosso dalla Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus. Ad oggi grazie al riciclo degli imballaggi in acciaio sono stati realizzati 12 orti”.

La raccolta differenziata è il termometro dello stato di salute di un evento a ridotto impatto ambientale, tanto che al Salone del Gusto di Torino dall’edizione 2006 al 2012, nonostante i numeri dell’evento siano cresciuti, i rifiuti sono diminuiti del 13%, mentre la percentuale di differenziazione è passata dal 16,2 al 59,11% e la purezza del rifiuto ha superato il 92% per tutte le frazioni di raccolta.