Il Consiglio comunale di Siena in visita al termovalorizzatore. Arpat: “Buona gestione dell’impianto”

[18 gennaio 2017]

Una rappresentanza del Consiglio comunale di Siena ha visitato nei giorni scorsi il termovalorizzatore di Foci (Poggibonsi), impianto che insieme agli altri gestiti da Sienambiente garantisce l’autosufficienza impiantistica alla provincia di Siena. La visita è stata la prima per gli attuali consiglieri, e per questo, oltre agli aspetti strategici di gestione dei rifiuti già noti, sono stati illustrati in particolare i principali aspetti tecnici dell’impianto: procedure di conferimento, piano di monitoraggio e sistema di filtraggio che fa del termovalorizzatore di Foci un impianto all’avanguardia sia sul fronte delle tecnologie utilizzate che sul piano ambientale.

A dimostrarlo ci sono anche gli esiti di una recente verifica dell’Arpat, ente pubblico preposto al controllo, che nel verbale della sua ispezione ha affermato che “tutti i controlli effettuati hanno evidenziato una corretta gestione dell’impianto, il rispetto dei limiti di emissione imposti in autorizzazione e degli obblighi di autocontrollo e comunicazione, compreso l’invio del Rapporto Ambientale Annuale”. Arpat, ha inoltre controllato i dati del Sistema di monitoraggio in continuo alle emissioni (SME) 2016 che Sienambiente invia settimanalmente ad Arpat, verificando la correttezza e il rispetto della tempistica delle comunicazioni.

Il termovalorizzatore, produce in un anno (2015) 43.954.560 kWh di energia elettrica pari al fabbisogno di oltre 43.000 abitanti evitando (rispetto ai combustibili fossili) l’immissione in atmosfera di 10.536 tonnellate di CO2. Al termine dell’iniziativa, i consiglieri hanno espresso l’intenzione di approfondire ulteriormente la conoscenza degli impianti di Sienambiente facendo visita anche al sito delle Cortine, dove oltre alla valorizzazione e selezione dei rifiuti provenienti dalla raccolte differenziate, viene prodotto il compost “Terra di Siena”.