Cresce la C02 a livello globale, Sienambiente la riduce: tra il 2013 e il 2014 evitate 10.579 t. di C02

[10 settembre 2014]

Le emissioni di gas serra, nonostante la crisi economica che ha colpito i paesi industrializzati, continuano a crescere. Nel 2013 hanno raggiunto i livelli più alti degli ultimi 30 anni. L’ allarme lo lancia la Wmo (World Meteorological Organization), l’Organizzazione meteorologica mondiale, agenzia dell’Onu, che chiede un’azione urgente contro il cambiamento climatico. La concentrazione di C02 in atmosfera è stata, nel 2013, superiore del 42% rispetto alla metà del XVIII secolo, prima della rivoluzione industriale. Da allora, i livelli di metano sono aumentati del 153%, e il protossido di azoto del 21%. Ma se a livello planetario la tendenza è preoccupante, a livello locale Sienambiente sta andando nella direzione opposta. Dal gennaio 2013 al luglio 2014, gli impianti di Sienambiente alimentati da fonti rinnovabili e alternative hanno infatti permesso la produzione 34.678,30 MWh di energia elettrica evitando (rispetto ai combustibili fossili) l’immissione in atmosfera di 10.579 t. di C02. E’ naturale che cio’ non può bastare a contrastare il trend prevalente, ma è evidente che comunque è questa la direzione giusta per accrescere la sostenibilità dello sviluppo (anche a livello globale).