ENEL: IL NUOVO CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE NOMINA FRANCESCO STARACE AMMINISTRATORE DELEGATO E DIRETTORE GENERALE

[23 maggio 2014]

Si è riunito oggi a Roma per la prima volta, sotto la presidenza di Patrizia Grieco, il Consiglio di Amministrazione dell’Enel SpA nominato dall’Assemblea svoltasi lo scorso 22 maggio.

Il Consiglio ha nominato Francesco Starace quale Amministratore Delegato e Direttore Generale della Società.

Il Consiglio ha inoltre approvato l’assetto dei poteri, riconoscendo al Presidente Patrizia Grieco un ruolo di supervisione sulle attività di audit (ferma restando la dipendenza gerarchica del responsabile di tale funzione dal Consiglio di Amministrazione), di impulso e supervisione sull’applicazione delle norme di corporate governance riguardanti le attività del Consiglio di Amministrazione, nonché l’incarico di intrattenere, d’intesa e in coordinamento con l’Amministratore Delegato, rapporti con organi istituzionali e autorità. All’Amministratore Delegato sono stati attribuiti, in linea con l’assetto precedente, tutti i poteri per l’amministrazione della Società, ad eccezione di quelli diversamente attribuiti dalla normativa applicabile, dallo statuto sociale o mantenuti dal Consiglio di Amministrazione nell’ambito delle proprie competenze.

Il Consiglio ha quindi verificato il possesso da parte dei Consiglieri Alessandro Banchi, Alberto Bianchi, Paola Girdinio, Salvatore Mancuso, Alberto Pera, Anna Chiara Svelto e  Angelo Taraborrelli dei requisiti di indipendenza previsti tanto dal Testo Unico della Finanza quanto dal Codice di Autodisciplina delle società quotate, nonché il possesso, da parte del Presidente Patrizia Grieco, dei soli requisiti di indipendenza previsti dal Testo Unico della Finanza, non consentendo il Codice di Autodisciplina di considerare indipendente il Presidente del Consiglio di Amministrazione, in quanto “esponente di rilievo” della Società.

Nell’ambito delle verifiche svolte circa l’indipendenza dei propri componenti, si segnala che il Consiglio ha preso atto della insussistenza di rapporti significativi di natura commerciale, finanziaria o professionale intercorrenti ovvero intercorsi nell’esercizio precedente, direttamente o indirettamente, tra gli Amministratori sopra indicati e le società del Gruppo Enel.

Il Consiglio procederà infine a ricostituire al proprio interno i vari Comitati in occasione di

una prossima riunione.