Fanghi non pericolosi dispersi nell’abitato di Saline di Volterra

[29 novembre 2013]

Stamani, venerdì 29 novembre 2013, un camion che trasportava fanghi non pericolosi, provenienti dall’impianto di trattamento dei rifiuti della società Teseco ad Ospedaletto (Pisa), mentre si dirigeva verso la discarica di Pomarance, dove doveva conferire il suo carico, ne ha disperso accidentalmente una parte, prima fuori dall’abitato di Saline di Volterra e poi all’interno dello stesso in quantità più rilevante.

Gli operatori ARPAT del Dipartimento di Pisa, intervenuti sul posto – in collaborazione con la polizia municipale, i vigili del fuoco e la ASL – hanno verificato che i materiali dispersi venissero recuperati nel modo più opportuno; in particolare evitando che si potessero disperdere nelle fognature della cittadina, poiché queste non sono allacciate ad alcun depuratore ma confluiscono direttamente nel fiume Cecina.

Incaricati dell’azienda Teseco, anche con la collaborazione di ASA, hanno provveduto a ripulire la strada dell’abitato, interrotta alla circolazione per un periodo di tempo, e successivamente, durante la serata, gli altri punti dove erano stati dispersi i fanghi.

Gli operatori ARPAT hanno anche prelevato un campione dei fanghi per una verifica analitica della effettiva composizione.