Gli impianti di Sienambiente “fanno ancora scuola”

[21 gennaio 2015]

Innalzare il tasso di riciclo come richiesto dall’Unione Europea, vuol dire prima di tutto fare la raccolta differenziata. Ma questo non basta. Per raggiungere l’obiettivo, infatti, la differenziata va fatta bene e soprattutto, per “mettere a frutto” gli sforzi dei cittadini, è necessario che ci siano impianti come quelli di Sienambiente che selezionano i rifiuti e li avviano a riciclo. Per mostrare il lavoro che tutti i giorni viene svolto nell’impianto delle Cortine, Sienambiente continua ad ospitare scuole, università, gruppi di cittadini e associazioni, che possono vedere direttamente sul “campo” come vengono trattati i rifiuti che loro hanno differenziato. Tra i soggetti interessati alle attività di Sienambiente c’è da sempre l’Università di Siena (e non solo), che domani porterà gli studenti del corso di laurea di Scienze della terra e dell’Ambiente in visita alle Cortine. Oltre all’impianto di Asciano, è possibile visitare anche il termovalorizzatore di Foci (Poggibonsi) destinato al recupero energetico di quella parte di rifiuti non riciclabili. Si ricorda che nel corso delle visite, in particolare quelle rivolte alle scuole, oltre all’illustrazione del ruolo dell’impianto nel ciclo dei rifiuti, Sienambiente ha messo a disposizione un’aula didattica per delle vere e proprie lezioni sulla corretta gestione dei rifiuti. Per poter effettuare le visite è necessario rivolgersi con opportuno anticipo all’ufficio Comunicazione (comunicazione@sienambiente.it, telefono 0577/248011) secondo le modalità descritte nel documento allegato (scaricabile anche alla pagina www.sienambiente.it/impianti)