Il governo tunisino in Revet per studiare gli impianti e la gestione integrata del ciclo dei rifiuti in Toscana

[25 agosto 2016]

Il ministro tunisino per i rapporti con il Parlamento, Khaled Chouket ha visitato stamani lo stabilimento di Gello che ospita gli impianti di Revet per la raccolta, selezione e preparazione al riciclo degli imballaggi raccolti in modo differenziato dai cittadini toscani.

Khaled Chouket –  portavoce del governo tunisino e presidente della Fondazione Salha per l’Ambiente e lo Sviluppo – si trova in questi giorni in visita in Italia per studiare i migliori modelli di gestione integrata dei rifiuti e per questo motivo i responsabili del gruppo For Rec e dell’azienda Eco.Val di Brescia hanno richiesto a Revet la possibilità di illustrargli uno dei modelli di valorizzazione dei rifiuti più avanzato in Europa.

Attualmente infatti la Tunisia  sta valutando le tecnologie e le modalità di gestione dei rifiuti, più adatte alla conformazione e alle abitudini del paese.

Il modello organizzativo studiato dalla Toscana – con le aziende di igiene urbana dei vari territori che fanno capo agli impianti Revet di cui in molti casi sono socie –   ha riscosso l’apprezzamento del ministro tunisino, Khaled Chouket si è mostrato molto interessato anche all’impianto di Revet Recycling, che ricicla un’importante frazione di plastiche miste che altrove sono destinate a recupero energetico e che la Toscana trasforma invece in granuli adatti allo stampaggi di nuovi oggetti di plastica.