Gran galà al teatro comunale di Cavriglia, Conclusa la II stagione della trasmissione “per un pugno di rifiuti”

[7 maggio 2014]

Questa mattina al Teatro comunale di Cavriglia (AR) si è svolta la cerimonia conclusiva della seconda stagione della fortunata trasmissione televisiva “Per un pugno di rifiuti”, andata in onda per venti puntate da ottobre a aprile sull’emittente locale Valdarno Channel. Alla cerimonia erano presenti oltre 200 studenti, in rappresentanza delle 11 classi terze delle scuole medie inferiori che hanno seguito il progetto, oltre a molti esponenti delle istituzioni locali (tra tutti ricordiamo l’Assessore provinciale all’ambiente Andrea Cutini e molti Sindaci e amministratori del Valdarno, oltre che i dirigenti scolastici).

Il Gran Galà è stato condotto dal noto giornalista Giustino Bonci e dal collega Andrea Calcinai (conduttore della trasmissione) che hanno animato il palco coinvolgendo gli illustri ospiti nei saluti e nella consegna dei premi agli studenti ed agli insegnanti. Ad ogni scuola è stata consegnata una stampante (come supporto didattico) e a ciascun alunno due shopper contenenti simpatici gadget offerti dallo sponsor (Banca Etruria) e dalla aziende CSAI Spa e TB Spa, come ricordo della loro partecipazione alla trasmissione.

Nel corso della mattinata sono stati proiettati alcuni filmati che hanno riassunto i momenti più salienti della trasmissione, le presentazioni delle scuole partecipanti e delle imprese che hanno sostenuto e promosso l’iniziativa. Gli ultimi a salire sul palco sono stati quindi i ragazzi dell’Istituto comprensivo Mochi di Laterina, vincitori di questa seconda edizione, per ritirare il premio messo in palio per i primi classificati: una gita a Mirabilandia da effettuarsi nei prossimi giorni. Alla gita parteciperanno anche i secondi classificati, la scuola media di Faella. Valdarno Channel ha anche offerto ai presenti un ricco buffet.

“È stato un elogio alla complessità”,  ha dichiarato Emanuele Cerri, Presidente di CSAI Spa, “Con questa trasmissione abbiamo dimostrato che argomenti complessi e complicati come quello del ciclo integrato dei rifiuti possono essere compresi anche dalle nuovissime generazioni, se coinvolti e resi partecipi in maniera accattivante”. Cerri prosegue sottolineando che “Non è sempre corretto o necessario banalizzare e semplificare le questioni complesse, altrimenti si rischia di cadere nella demagogia e non si fa un buon servizio a nessuno. Questi ragazzi oggi ne sanno molto di più dei loro stessi genitori”.

Per Gianpiero Mazzoni, Amministratore delegato di TB Spa “Il segnale che abbiamo voluto lanciare è proprio quello di rendere partecipi, attraverso il gioco ma con informazioni precise e puntuali,  i futuri cittadini circa la necessità da un lato di comportamenti virtuosi, come fare la raccolta differenziata e farla bene e dall’altro dall’imprescindibile necessità di impianti sul territorio e norme precise valide per tutti, pubblico e privato”.

“La nostra emittente è orgogliosa di poter contribuire ad accrescere la  sensibilità ambientale delle giovani generazioni – ha detto il direttore di Valdarno Channel Marco Corsi – . Abbiamo notato, con grande soddisfazione, che i ragazzi si sono presentati in trasmissione preparatissimi e le loro urla di gioia dopo una risposta azzeccata ci ha fatto capire che avevamo fatto centro. Anche questa è buona televisione”.