I dati del primo giorno di rigalleggiamento della Concordia

[16 luglio 2014]

Continua il monitoraggio ARPAT, in due anni e mezzo prodotti circa 300 bollettini ed effettuate oltre 34.000 determinazioni analitiche. I dati del 14 luglio 2014

I dati del primo giorno di rigalleggiamento della Concordia

Sono disponibili i risultati quasi completi dei campionamenti del 14 luglio, prima fase di rigalleggiamento della nave.
Idrocarburi e solventi inferiori alle soglie di rilevabilità.
Leggera e diffusa presenza di tensioattivi .
Altri parametri presentano valori inferiori alle soglie di rilevabilità e valori inferiori o paragonabili al bianco.
Non si rilevano in generale sostanziali differenze rispetto a quanto rilevato nel corso del monitoraggio dell’ultimo periodo effettuato regolarmente da ARPAT in prossimità del relitto, anche per i parametri indagati più saltuariamente come ad esempio i metalli. Unica eccezione è rappresentata dal rame che nel campionamento effettuato in prossimità della prua ha registrato una concentrazione elevata (124 µg/L, circa un ordine di grandezza più elevato del bianco e 5 volte più elevato del valore più alto misurato intorno al relitto). La situazione sarà tenuta sotto controllo nei successivi campionamenti, anche se va segnalato che il rame no figura fra i parametri indicati dalla normativa sulle acque come pericolosi o prioritari e a titolo indicativo il valore soglia per le acque potabili è pari a 10000 µg/L.

Per il dettaglio dei dati vedi:
http://www.arpat.toscana.it/attivita/supporto-tecnico-scientifico/emergenze-ambientali/naufragio-nave-costa-concordia/dati-monitoraggio/dati-primo-giorno-rigalleggiamento