Intervento di ARPAT lungo la costa di Livorno

[21 giugno 2013]

Il giorno 18 giugno tecnici ARPAT hanno effettuato un sopralluogo insieme alla Capitaneria di porto di Livorno nello specchio di mare compreso tra Antignano e l’ingresso del porto di Livorno, riscontrando la presenza di materiale in sospensione nell’area antistante la terrazza Mascagni e di torbidità diffusa all’imboccatura del porto di Livorno.
Sono stati effettuati due campionamenti delle acque presso i due punti; dal risultato delle analisi si possono trarre le seguenti indicazioni, da indirizzare in particolare al campione dello specchio d’acqua di fronte alla Terrazza Mascagni.

  • Non vi è evidenza di inquinamento fecale (valori parametri microbiologici inferiori ai valori limite della normativa sulla balneazione).
  • Il fenomeno non è dovuto ad una fioritura algale, infatti è stata evidenziata una concentrazione algale piuttosto bassa, circa 8×105 cell/L.
  • Nel campione è presente della sostanza organica mineralizzata; infatti gli indici di inquinamento fecale sono molto bassi.

Da quanto sopra riportato è quindi verosimile ritenere che il fenomeno sia ascrivibile a materiale organico non depurato, mineralizzato, con conseguenti livelli di inquinamento fecale molto bassi.

Per quanto riguarda i campioni prelevati sul lungomare di Castiglioncello il 19 giugno, questi sono ancora in analisi presso il Laboratorio di Area vasta dell’Agenzia: i risultati saranno pubblicati appena disponibili.