La raccolta differenziata arriva sulle spiagge

[30 giugno 2016]

Nuovi servizi di raccolta differenziata per le località balneari della Toscana del sud. Con l’arrivo della stagione estiva infatti, Sei Toscana, in accordo con le amministrazioni comunali e Ato Toscana Sud, ha attivato alcuni servizi di raccolta differenziata lungo la costa. A Castagneto Carducci e Piombino, in provincia di Livorno, sono state collocate delle postazioni per la raccolta differenziata nei tratti di spiaggia libera dei due comuni. Le postazioni, una sessantina in tutto, sono composte da tre cestini destinati alla raccolta del rifiuto organico, del multimateriale (plastica, alluminio e tetrapak) e dell’indifferenziato, contrassegnate da cartelli illustrativi riportanti le indicazioni per una corretta raccolta realizzate in plastica riciclata. Oltre alle nuove postazioni collocate sulla spiaggia, saranno a disposizione di cittadini e turisti anche le isole ecologiche con i contenitori stradali dedicati alla differenziata posizionate in prossimità dei parcheggi di ingresso ai lidi. Più passaggi per la pulizia della spiaggia, raccolta differenziata sull’arenile e in pineta: anche a Follonica, in provincia di Grosseto, parte da questa estate un metodo nuovo per tenere pulito il litorale e i parchi cittadini. Un intervento mirato per migliorare il servizio, si passa infatti dalle tre pulizie settimanali della spiaggia a cinque, verrà pulito anche il bagnasciuga e saranno presenti tre diversi cestini per raccogliere indifferenziato, multimateriale (vetro, plastica, alluminio e tetrapak) e carta per ottanta postazioni totali. Il servizio di pulizia dell’arenile non finirà con il termine dell’estate, ma sarà garantito anche in inverno, così da mantenere sempre il litorale in condizioni ottimali. A Scarlino invece anche quest’anno proseguirà il progetto “Abbiamo tolto i cestini”, sperimentato con successo la scorsa estate. Il sistema di gestione dei rifiuti nella zona delle Costiere, che comprende anche la rinomata località di Cala Violina, prevede la rimozione dalla costa e dai sentieri dei bidoni della spazzatura per educare vacanzieri e turisti a portare a casa, o almeno fino al parcheggio, i propri rifiuti. L’obiettivo è duplice: eliminare l’annoso problema delle microdiscariche a fianco delle postazioni di raccolta poste sulla spiaggia e preservare l’equilibrio naturale della zona, visto che gli animali – cinghiali, in particolare – spesso cercano cibo proprio nei bidoni della spazzatura. I nuovi servizi estivi nelle zone costiere della Toscana del sud, vanno ad aggiungersi ai sistemi di raccolta differenziata –  porta a porta e stradale – già attivi nei comuni, in modo da rispondere al meglio alle esigenze espresse da tutto il territorio gestito ed assicurare una corretta gestione finalizzata al recupero di materia, secondo quanto previsto dalla normativa europea e nazionale nonché dalla programmazione regionale.