Padiglione del riciclo, in un mese 1.500 visitatori

[17 novembre 2017]

Sono stati 1.500 gli studenti della Provincia di Siena che hanno visitato il Padiglione del riciclo, la struttura completamente realizzata con plastiche riciclate provenienti dalla raccolte differenziate toscane, ospitata nella sede di Sienambiente per circa un mese. All’interno del Padiglione, il personale di Sienambiente, in collaborazione con Legambiente Siena, ha illustrato le caratteristiche del manufatto fornendo informazioni sulla filiera riciclo, sulla corretta gestione dei rifiuti e sulle buone pratiche ambientali. Un’esperienza che ha coinvolto studenti delle primarie, delle scuole medie inferiori e superiori e che secondo le testimonianze dei docenti che hanno accompagnato le scolaresche ha rappresentato un arricchimento nel percorso di consapevolezza ambientale dei ragazzi.

Alcuni commenti sono stati postati sui social. «Ho accompagnato con piacere una classe dell’Istituto Tecnico “Sallustio Bandini” Siena alla sede della Sienambiente in occasione della festa del riciclo – ha spiegato il prof. Francesco Fasano sul suo profilo facebook il giorno della visita. È stato il momento per iniziare a far capire ai ragazzi che l’economia lineare è una bomba ad orologeria e che non ha nulla dei necessari parametri di sostenibilità. Mi auguro che l’intervento introduttivo del tecnico che ci ha accolto e la visita alla casetta del riciclo, con utensili ed oggetti di alluminio, vetro, cartone, compost, abbia lasciato qualcosa non solo nelle loro conoscenze ma nella loro cultura e nel profilo di cittadini di domani».

Per David Busato, docente dell’istituto Monna Agnese, è stata «un’occasione per far toccare con mano i prodotti realizzati con i materiali riciclati. Nella lezione sono stati affrontati temi quali l’economia circolare, la raccolta differenziata ed altre tematiche ambientali. Temi in cui Sienambiente è da molti anni impegnata. Gli studenti hanno visitato lo stand realizzato con prodotti e materiali provenienti da raccolta differenziata post-consumo e avviati a riciclo da Revet».

A chiusura del progetto, il presidente di Sienambiente Alessandro Fabbrini,  descrive un bilancio positivo in termini di affluenza. «Questa iniziativa ha destato grande interesse da parte delle scuole della nostra provincia arrivate nella nostra sede per conoscere meglio le attività di riciclo, fare domande e saperne di più di cosa succede ai rifiuti che vengono differenziati – ha dichiarato Fabbrini – Il Padiglione è stato un modo per rispondere in concreto alle tante curiosità espresse dai più giovani e spiegare il valore di una corretta gestione dei rifiuti come quella attuata nella nostra provincia grazie ai nostri impianti. Continueremo a impegnarci nell’educazione ambientale anche attraverso altre attività con l’obiettivo di far conoscere i vantaggi del riciclo e spiegare che cosa si può fare con i rifiuti nella direzione della sostenibilità e dell’economia circolare».

L’attività di visita del Padiglione inaugurata con l’Open day si è chiusa oggi, ma Sienambiente, da sempre impegnata nella sensibilizzazione sui temi ambientali, continuerà le attività di eduzione alla corretta gestione dei rifiuti. Oltre che con gli interventi in classe, come tutti gli anni, infatti, gli impianti di trattamento e smaltimenti rifiuti sono aperti alle visite di scuole, enti, gruppi di cittadini, con l’obiettivo di mostrare il lavoro svolto dopo la differenziate.

Il Padiglione del riciclo, (un progetto di Toscana ricicla che vede tra i suoi partner oltre a Sienambiente: Aer, Alia,Confesercizi Cispel, Geofor, Rea, Revet, Sei Toscana), sarà allestito in altre province toscane.