Piano interprovinciale: gli impianti di Sienambiente al servizio del ciclo dei rifiuti

[19 febbraio 2014]

Promuovere una pianificazione integrata delle politiche ambientali, puntando a ottimizzare in un’ottica di area vasta la gestione e lo smaltimento dei rifiuti urbani e assimilati e di quelli speciali. E’ questo uno degli obiettivi del Piano interprovinciale di gestione dei rifiuti dell’Ato Toscana Sud adottato dal consiglio provinciale di Siena.

Il Piano coinvolgerà le province di Siena, Arezzo e Grosseto e sei Comuni della Val di Cornia, in provincia di Livorno, interessando, complessivamente, una superficie pari al 52 per cento della Toscana (11.982 kmq), 109 Comuni, 899 mila abitanti, oltre 600 mila tonnellate annue di rifiuti urbani e assimilati da gestire. L’adozione del Piano segue l’intesa preliminare sottoscritta lo scorso dicembre dai presidenti delle tre province interessate, rispettivamente, Simone Bezzini per Siena, Roberto Vasai per Arezzo e Leonardo Marras per Grosseto. All’interno del Piano Sienambiente, dopo la cessione del ramo d’azienda costituito dai servizi di igiene urbana al gestore unico Sei Toscana, gestirà i propri impianti per il trattamento dei rifiuti solidi urbani del bacino di riferimento in convenzione con l’Ato.

La dotazione impiantistica di Sienambiente (già presente nella pianificazione provinciale), continuerà quindi a essere al servizio del ciclo integrato garantendo una corretta gestione e valorizzazione dei rifiuti.