Podere Rota, la prima discarica al mondo visitabile da casa grazie a google

[30 settembre 2014]

“Se la montagna non va da Maometto, Maometto andrà alla montagna”. Questo noto proverbio è stato preso in prestito da CSAI spa, azienda proprietaria della discarica per rifiuti urbani e speciali non pericolosi in provincia di Arezzo, per sviluppare un tour virtuale che consenta a tutti di poter comprendere e conoscere meglio l’impianto di smaltimento, uno dei più importanti della Toscana e che serve, in parte, anche la provincia di Firenze.

Nonostante il sito di Podere Rota sia visitabile a chiunque ne faccia richiesta, e sono decine e decine le scolaresche, le comitive e esponenti della società civile che lo visitano ogni anno, ovviamente la maggioranza della popolazione non conosce l’impianto. Lo scopo di questa iniziativa multimediale è proprio quello di avvicinare i cittadini e dargli la possibilità di visitare Podere Rota anche standosene tranquillamente seduti davanti al PC o al tablet. E non si tratta propriamente di tour virtuale, cioè ricostruito con la computer grafica, ma di un itinerario reale poiché le foto sono vere e grazie alla tecnologia Google navigabili a 360°, fin dentro gli stessi uffici! In questo modo s’intende far capire che le strutture di Podere Rota non sono qualcosa da nascondere ma impianti all’avanguardia che svolgono un indispensabile servizio pubblico di igiene urbana.

Il tour sfrutta tre note applicazioni prodotte dall’omonimo colosso informatico americano: Google Street View, Google Business View e Google Earth. Le tre piattaforme sono state poi sviluppate da Alias2k, innovativa azienda del Valdarno, al fine di consentirne la navigazione attraverso un’unica interfaccia grafica integrata da testi e schede informative, per comprendere meglio quello che si sta vedendo.
Le foto di Google Street View e Google Business View sono state scattate tra il maggio e giugno 2014, le foto di Google Earth sono del dicembre 2013 (le ultime disponibili dal satellite). Periodicamente verranno aggiornate al fine di rendere il tour sempre in linea con le modifiche che avvengono in impianto, in particolare per quanto riguarda i moduli in coltivazione.

Come funziona: istruzioni per l’uso.

È possibile effettuare la visita utilizzando i normali strumenti di Google Street View (cioè le frecce direzionali oppure spostandosi passa passo, oppure cliccando nella foto nel punto che si vuole raggiungere). Le foto sono navigabili a 360°, quindi si può roteare la vista del punto di osservazione (in alto, in basso, lateralmente) e si può usare lo zoom per ingrandire o diminuire il dettaglio. Oltre a questo è possibile navigare utilizzando il menù fisso che appare a sinistra in alto dello schermo, dove sono indicate le principali sezioni dell’impianto. In questo modo si può andare a piacimento da una parte all’altra senza dover necessariamente seguire la strada. Per facilitare ulteriormente la navigazione, in alto a destra dello schermo appara un’icona di una mappa, cliccandoci sopra appare la localizzazione del punto in cui ci si trova rispetto alla planimetria generale dell’area di Podere Rota.

Ad ogni sezione chiave dell’impianto appaiono in automatico delle schede informative, che possono essere rimosse cliccando sull’apposito comando, con testi interattivi che spiegano cosa si sta vedendo e possono rimandare, con link multimediali, a ulteriori approfondimenti.

Requisiti di sistema

Se si possiede un dispositivo di recente costruzione, sia esso PC/laptop/netbook o IMac/Ipad/Iphone o tablet/smartphone non si dovrebbero avere particolari problemi di navigazione, almeno per quanto riguarda la potenza del processore e la capacità di memoria RAM e della scheda grafica. Problemi possono semmai sussistere in caso di scarsa copertura e/o velocità di collegamento alla rete internet disponibile. Per dispositivi più vecchi e non particolarmente potenti può succedere che le immagini vengano caricate lentamente e la navigazione avvenga a scatti. In ogni caso, per un’ottimale visione del tour e per coglierne tutte le potenzialità, si consiglia a tutti di effettuare l’accesso collegandosi via ADSL e con uno schermo da almeno 10 pollici.

Il tour virtuale è stato presentato questa mattina presso gli uffici di CSAI Spa a Terranuova Bracciolini (AR) alla presenza dell’Amministratore delegato, Luana Frassinetti, che ha tenuto a sottolineare come “…questa iniziativa multimediale, unica nel suo genere, ci consente di mettere in campo un ulteriore e fondamentale tassello di quella che noi chiamiamo Operazione Massima Trasparenza. Oltre al sito Internet aziendale, in cui si possono trovare tutte, veramente tutte, le informazioni sulla società e sugli impianti, oltre alle visite guidate in discarica, oltre alle newsletter periodiche che inviamo per informare gli interessati, adesso con il Google tour apriamo 24 ore su 24 il nostro impianto a chiunque voglia vedere con i propri occhi come e dove lavoriamo, quali sono le tecnologie e le precauzioni che adoperiamo, quale è il vero impatto dello smaltimento”. “Adesso non ci sono più scuse per credere alle favole e ai luoghi comuni – prosegue il dirigente di CSAI spa – in molti parlano di rifiuti solo per sentito dire, adesso avranno un ulteriore strumento di giudizio. Gratuito e sempre disponibile, a portata di click”.

Alla conferenza è intervenuto anche Gianluca Benci, Managing Director di Alias2k, cioè l’azienda di Montevarchi (AR) a cui CSAI Spa si è rivolta per sviluppare l’interfaccia grafica di navigazione. «Alias2k si occupa da oltre quattordici anni di sviluppo di siti web, e-commerce, software in piattaforma web e sistemi di identità visiva. Quello di CSAI è un progetto a cui siamo molto felici di aver contribuito almeno per tre ragioni: 1. la sua portata informativa, didattica ed educativa: il sito è infatti corredato di dettagliate schede di approfondimento per le varie parti dell’impianto, gestite direttamente da CSAI tramite un CMS sviluppato ad hoc; 2. il suo significato in termini di trasparenza: il web da questo punto di vista può essere uno strumento formidabile e questo progetto lo dimostra; 3. la sua forte carica innovativa: ad oggi l’impianto di CSAI ci risulta essere il primo e l’unico ad essere su Google Maps. Ci piace definirci come un’azienda con i piedi nel territorio e la testa nel mondo: questo progetto, grazie alla volontà di CSAI, lo dimostra più altri».
Il tour multimediale è visitabile dal sito internet www.csaimpianti.it con richiamo in Homepage.