Precisazioni sul pirogassificatore di Castelfranco di Sotto (Pisa)

[4 luglio 2013]

Con riferimento all’articolo apparso il 3 luglio sul quotidiano Il Tirreno, edizione di Pontedera, con il quale l’Unione Inquilini chiede al Comune e ad ARPAT di rendete noti i dati delle emissioni in fase di collaudo del pirogassificatore, si precisa quanto segue:

La fase di collaudo dell’impianto è tuttora in corso, ARPAT è stata presente in maniera assidua in particolare nel periodo iniziale e successivamente nei momenti più significativi.

Come talvolta avviene in una procedura di collaudo, per la società che gestisce l’impianto è stato necessario testare ogni singolo componente dell’impianto stesso, intervenendo con modifiche e migliorie in alcune sezioni; questo ha portato ad un funzionamento discontinuo.

Inoltre, fino ad ora, l’impianto non è mai stato alimentato con più del 30% di rifiuti, ed invece la parte più rilevante del collaudo dovrà riguardare l’alimentazione con il 100% di rifiuti; cosa che il gestore intende fare dopo aver effettuato vari check-up su tutte le componenti impiantistiche.

Per ARPAT al momento non è stato possibile effettuare alcuna misura emissiva, infatti, per avere un qualche significato tali misure presuppongono una funzionalità dell’impianto per un periodo continuativo di almeno tre ore per i macroinquinanti e di almeno otto ore per i microinquinanti.

Non appena le condizioni dell’impianto permetteranno di effettuare queste misure, ed i relativi dati saranno disponibili, sarà nostra cura provvedere a pubblicarli sul nostro sito Web, come annunciato a suo tempo.