premio. Anche Sei Toscana tra i promotori del progetto “Per un pugno di rifiuti”: la scuola media di Terranuova Bracciolini si aggiudica il primo premio. Anche Sei Toscana tra i promotori del progetto

[20 maggio 2016]

Gran galà all’Auditorium “Le Fornaci” di Terranuova Bracciolini dove ieri si è svolta la cerimonia conclusiva della quarta stagione del concorso “Per un pugno di rifiuti”, il quiz televisivo che è andato in onda per dieci puntate sull’emittente locale Valdarno Channel e che ha visto sfidarsi cinque scuole medie del Valdarno sui temi legati alla gestione dei rifiuti. Il concorso è prodotto grazie al contributo di tutte le aziende del ciclo integrato dei rifiuti nell’Ato Toscana Sud, compresa Sei Toscana, che mettono in palio come primo premio una gita a Mirabilandia. A premiare i ragazzi della terza media dell’Istituto Giovanni XXIII di Terranuova Bracciolini, che hanno battuto i loro coetanei aggiudicandosi l’ambito premio i sindaci e gli amministratori dei comuni del Valdarno, la consigliera regionale Valentina Vadi e i rappresentanti delle aziende di gestione dei rifiuti e degli impianti a servizio delle raccolte differenziate: Sei Toscana, CSAI, TB e CRCM. Tutte le scuole sono state premiate con una stampante (come supporto didattico) e ciascun alunno che ha partecipato al quiz ha ricevuto in dono una shopper in carta riciclata contenente gadget offerti dalle aziende. Nel corso del gran galà animato dai due giornalisti di Valdarno Channel, Alessandro Forni e  Lucrezia Vittorini sono stati proiettati alcuni filmati che hanno riassunto i momenti più salienti della sfida tra le cinque classi che si sono confrontate durante tutto il periodo scolastico. “Con questa trasmissione – ha dichiarato Emanuele Cerri, presidente di CSAI – abbiamo dimostrato che argomenti complessi e complicati come quello del ciclo integrato dei rifiuti possono essere compresi anche dalle nuovissime generazioni, se resi partecipi in maniera accattivante”. Il gioco consiste infatti nella sfida tra gli  studenti delle terze classi di scuola media che si affrontano in studio rispondendo alle domande del conduttore sui diversi aspetti della gestione dei rifiuti. L’obiettivo del gioco è quello di far accrescere una corretta conoscenza del ciclo dei integrato dei rifiuti. “Il segnale che abbiamo voluto lanciare – ha detto Gianpiero Mazzoni, amministratore delegato di TB – è proprio quello di rendere partecipi, attraverso il gioco ma con informazioni precise e puntuali, i futuri cittadini circa la necessità da un lato di comportamenti virtuosi, come fare la raccolta differenziata e farla bene e dall’altro dall’imprescindibile necessità di impianti sul territorio e norme precise valide per tutti, pubblico e privato”. Un percorso che ha portato risultati positivi, come ha sottolineato il presidente di CRCM, Mauro Moretti: “Abbiamo notato  con grande soddisfazione che i ragazzi si sono presentati in trasmissione preparatissimi e le loro urla di gioia dopo una risposta azzeccata ci hanno fatto capire che avevamo fatto centro”. Presente alla cerimonia di premiazione anche Sara Grifoni dell’ufficio comunicazione di Sei Toscana,  che ha ricordato l’impegno continuo e costante del gestore unico dell’Ato Toscana Sud “in numerose iniziative di sensibilizzazione della cittadinanza servita, sia con ulteriori progetti di educazione ambientale nelle scuole del territorio, sia con campagne informative, incontri e contatti diretti con gli utenti dei servizi”.