Presentazione di “La Coop di un altro genere”a Livorno

[12 dicembre 2016]

Mercoledì 14 dicembre – Sala conferenze Unicoop Tirreno, Centro Commerciale Fonti del Corallo Torre 2, 11° piano- via Lampredi 45 – ore 17.

La Sezione soci Unicoop Tirreno di Livorno e la Fondazione Memorie Cooperative, mercoledì 14 dicembre presentano a Livorno il libro “La Coop di un altro genere. Lavoro, rappresentazioni, linguaggi e ruoli al femminile da ‘La Proletaria’ a ‘Unicoop Tirreno’ (1945-2000)” curato da Enrico Mannari e edito da Bruno Mondadori.

La presentazione avrà luogo alle ore 17 presso la Sala conferenze Unicoop Tirreno, Centro Commerciale Fonti del Corallo, Torre 2, 11° piano- via Lampredi 45.

Partecipano: Enrico Mannari curatore del libro; Luigi Pini presidente sezione soci Livorno; Carla Roncaglia presidente Istituto Storico della Resistenza e della Società Contemporanea della provincia di Livorno; Anna Caprarelli, Marco Gualersi, Anna Pellegrino e Tito Menzani storici che hanno collaborato alla stesura del libro.

Il libro rappresenta un primo passo per la conoscenza del ruolo ricoperto dalle donne nella vicenda storica della Cooperativa: gli elementi messi in luce potranno quindi essere una valida base per aprire una discussione sul passato, sul presente e sopratutto sul futuro.

Quanto la presenza femminile è stata importante per realizzare un certo tipo di sviluppo della Cooperativa e quanto la presenza della Cooperativa ha contribuito a realizzare spazi sociali diversi e a favorire processi di autonomia e emancipazione femminile ? Questo il filo rosso che attraversa le pagine del libro. Le diverse tappe di questo viaggio al femminile sono state ricostruite grazie alle fonti conservate nell’Archivio Storico di Unicoop Tirreno e alle testimonianze raccolte da quattro giovani studiosi (Anna Pellegrino, Marco Gualersi, Tito Menzani, Anna Caprarelli): con metodologie e accenti diversi si è dato vita a un’originale narrazione di genere che ripercorrendo il lavoro, i ruoli, i linguaggi, le immagini, gli spazi sociali, le rappresentazioni e le autorappresentazioni dell’universo femminile, racconta aspetti poco conosciuti della realtà cooperativa. In vari passaggi, pur in fasi storiche diverse, emerge come le donne (socie consumatrici, socie attive, amministratrici, dipendenti e dirigenti) siano state portatrici non solo di esigenze proprie, ma soprattutto abbiano rappresentato risorse in grado di fornire valore aggiunto magari non sempre riconosciuto. La barriera invisibile che esprimeva la distanza fra le potenzialità e i risultati effettivamente raggiunti dalla componente femminile si è notevolmente attenuata, ma non è stata del tutto superata. “Vi è ancora del cammino da compiere” sostiene il presidente Marco Lami nella prefazione al libro. E allora la conoscenza e la consapevolezza storica, la ricostruzione di uno spaccato dell’universo femminile cooperativo va anche nella direzione di offrire uno strumento d’interpretazione della realtà contemporanea. Insieme all’uscita del libro sul sito www.memoriecooperative.it la Fondazione Memorie Cooperative, che ha promosso questa ricerca, ha aperto uno spazio per proseguire la discussione, un nuovo blog che si può trovare all’indirizzo, coopalfemminile.it. Ognuno può inviare i suoi contributi in varie forme: testi scritti, vecchie foto, registrazioni audio o video testimonianze.