Rifiuti, in Toscana cresce la differenziata

[7 ottobre 2015]

Nel 2014 sono state 160 mila le tonnellate di rifiuti raccolte separatamente in Toscana, che sono state selezionate e avviate a riciclo da Revet (partecipata di Sienambiente), con un aumento del 12% rispetto al 2013. Un valore aggiunto del “sistema toscano” viene dal fatto che gran parte dei materiali selezionati da Revet vengono poi riciclati nella nostra Regione. Quasi un Comune toscano su cinque supera il 65% di raccolta differenziata per una media complessiva che sfiora il cinquanta per cento. La Toscana dei rifiuti del 2014, secondo i dati certificati dalla Regione, continua il suo graduale percorso verso una sempre maggiore differenziazione degli scarti industriali e non solo. «La raccolta differenziata in Toscana nel 2014 conferma il trend positivo degli ultimi anni attestandosi al 48 per cento – sottolinea l’assessore all’ambiente Federica Fratoni nel commentare i dati – con un incremento di 2,4 punti e un tasso di crescita in aumento rispetto all’anno precedente. Un dato confortante, ma che non ci esenta dalla sfida del raggiungimento degli ambiziosi obiettivi di piano. Lavoreremo con determinazione in questo senso insieme a Comuni, Ato e gestori». Sempre nel 2014. in Toscana i rifiuti urbani sono cresciuti rispetto al 2013, seppur di poco, con un tasso ben maggiore rispetto a quello dell’economia nel suo complesso: secondo le stime diffuse dall’Irpet il Pil regionale nel 2014 è rimasto sui livelli del 2013 (+0,1%), mentre nello stesso arco di tempo sono stati prodotti 2,26 milioni di tonnellate di rifiuti urbani