A riguardo dello sciopero indetto dal sindacato USB

[14 febbraio 2017]

A riguardo dello sciopero indetto dal sindacato USB, a cui ha dato adesione il 27% del personale, Geofor ritiene necessario fare alcune precisazioni.

Le affermazioni del sindacato USB non corrispondono alla realtà dei fatti, in quanto sono in corso rapporti ed incontri per arrivare rapidamente ad un accordo con tutte le sigle sindacali rappresentate all’interno della società. USB è stata l’unica sigla sindacale ad aver partecipato allo sciopero.

Le variazioni all’orario di lavoro sono state pensate ed apportate dall’azienda con l’obiettivo principale di migliorare i livelli di servizio agli utenti, cercando contemporaneamente di dare attuazione a tutti i possibili recuperi di efficienza. Il tutto, perseguendo le conseguenti riduzioni di costo del servizio, sempre e comunque nel pieno e completo rispetto delle regole stabilite dai contratti di lavoro.

Le modifiche organizzative sono infatti state applicate, e così sarà fatto anche in futuro, sempre e comunque nel rispetto delle previsioni del contratto collettivo dei lavoratori, perseguendo sempre e comunque un miglioramento continuo del servizio ed un contenimento dei costi.

Questo modo di operare, lo ricordiamo, ha già prodotto una notevole riduzione dei costi del servizio, circa 1.500.000 di euro negli ultimi mesi, con un conseguente concreto beneficio per tutti gli utenti serviti da Geofor.