Segnalazioni cattivi odori a Pistoia

[20 gennaio 2015]

Venerdì 16 gennaio il Dipartimento ARPAT di Pistoia è stato attivato dai Vigili del Fuoco per le numerose segnalazioni di cittadini che a Pistoia, località Ponte alla Pergola – Bottegone, avvertivano odore di gas e temevano il pericolo di esplosioni.

Intervenuti sul posto i Vigili del Fuoco non avevano rilevato gas e quindi ipotizzavano che l’odore percepito potesse derivare da sostanze usate come odorizzanti e di conseguenza escludevano provenisse dalla rete di distribuzione del gas.

Tuttavia, dalle informazioni disponibili e data la incostante percettibilità, non era stato possibile individuarne l’origine e pertanto il Dipartimento ARPAT di Pistoia era pronto ad intervenire qualora i Vigili del Fuoco fossero riusciti a circoscrivere l’area di possibile emissione attraverso l’analisi delle numerose segnalazioni.

Nella giornata di sabato 17 gennaio il Dipartimento ARPAT di Pistoia è stato nuovamente contattato dai Vigili del Fuoco che riferivano di aver individuato l’origine del fenomeno in un’azienda che produce prodotti chimici intermedi di sintesi.

I Tecnici del Dipartimento ARPAT di Pistoia sono quindi intervenuti presso la suddetta azienda rilevando che, in effetti, a causa dell’errata manovra di un operatore, si era liberata nell’ambiente una discreta quantità di composti mercaptanici, sostanze fortemente odorigene usate propriamente come odorizzanti nei gas combustibili.

Al momento del sopralluogo era cessata l’emissione delle sostanze odorigene ed all’azienda veniva richiesta la presentazione di una dettagliata relazione sull’accaduto dalla quale emerge che:

  • il prodotto che ha generato la reazione anomala è il 2-Propan-tiolo , sostanza irritante e infiammabile, ma non particolarmente tossica, almeno nelle concentrazioni che possono essersi raggiunte nel corso dell’incidente.
  • I codici di rischio e di pericolo riportati nella relativa scheda di sicurezza riguardano l’infiammabilità (H225 e R11) e l’irritazione cutanea (H315 e R38) degli occhi (H319 e R36) e delle vie respiratorie (H335 e R37); nessuna indicazione è riferita ad altre patologie né ad impatti ambientali.

La ditta si è impegnata ad adottare i provvedimenti necessari ad evitare il ripetersi di simili incidenti.

L’esito dei nostri accertamenti sarà riferito ai Vigili del Fuoco di Pistoia, alla Provincia e alla Polizia Municipale di Pistoia.