Sei Toscana prosegue la sperimentazione di raccolta con sistemi intelligenti. A Castellina in Chianti ecco due nuovi eco-compattatori

[27 settembre 2018]

Prosegue a pieno ritmo il lavoro di Sei Toscana, assieme alle amministrazioni comunali, per l’attivazione di nuovi servizi di raccolta differenziata tramite attrezzature ad accesso controllato. Dopo le attivazioni che hanno interessato Follonica e Grosseto in provincia di Grosseto e i senesi Sovicille e Monteriggioni, da oggi anche a Castellina in Chianti c’è un nuovo modo per differenziare alluminio e plastica. Sono stati inaugurati ieri due nuovi eco-compattatori, posizionati a fianco della Casina dell’Acqua, in via Pietro Nenni. Quella di Castellina è la terza installazione sperimentale di eco-compattatori nella provincia senese, dopo quelle realizzate nei comuni di Monteriggioni e Sovicille. Le nuove attrezzature saranno utilizzate per la raccolta differenziata di imballaggi in plastica, come bottiglie in PET e flaconi in HDPE e in alluminio, come lattine e scatolette. Il funzionamento è molto semplice: l’utente deve conferire il rifiuto (un imballaggio alla volta) all’interno dello sportello e poi, una volta conclusa l’operazione e gettati tutti i propri rifiuti, premere il pulsante e ritirare lo scontrino rilasciato dal macchinario in cui viene registrato ogni conferimento. I due eco-compattatori hanno anche un dispositivo che in futuro permetterà di riconoscere l’utente che conferisce il rifiuto tramite la 6Card, la tessera che assocerà ogni conferimento ad una singola utenza Tari, così da premiare i cittadini più virtuosi e più attenti all’ambiente. Questo consentirà, non appena possibile, di introdurre un sistema di tributo puntuale legato all’effettiva produzione dei rifiuti e al reale impegno dei cittadini nella differenziazione dei materiali.