Sfiaccolamento della torcia dell’ INEOS (Rosignano Solvay – LI)

[1 settembre 2015]

I tecnici del Dipartimento ARPAT di Livorno hanno effettuato un sopralluogo, nella mattina di lunedì 31 agosto, presso l’impianto di stoccaggio dell’etilene della ditta Ineos Manufacturing Italia SpA, in località Vada a Rosignano Solvay, subito dopo aver avuto notizia di un episodio di sfiaccolamento, caratterizzato da fumosità, della torcia a servizio del serbatoio di stoccaggio di etilene liquido.

A seguito delle avarie ai sistemi di refrigerazione avvenuti alla fine del mese di luglio scorso la tubazione era stata svuotatae per questo motivo si trovava a temperatura ambiente e cioè relativamente calda rispetto alle condizioni normali di esercizio (inferiori a 100°C sotto zero).

Secondo quando comunicato dalla stessa azienda agli Enti, in ottemperanza a quanto previsto dall’AIA per il superamento della soglia di 1 t/giorno di gas inviato a termo combustione, l’evento di sfiaccolamento, verificatosi nei giorni sabato 29 e domenica 30 agosto, durante la fase di ripristino delle normali condizioni di esercizio, è stato provocato da un malfunzionamento nella fase di raffreddamento del circuito di mandata/ritorno dell’etilene liquida tra il Pontile di Vada e lo stoccaggio.

La procedura di raffreddamento è piuttosto lenta e prevede che le temperature dell’intero sistema siano progressivamente abbassate utilizzando due differenti sistemi o fasi di refrigerazione.
Al momento dell’avvio della seconda fase si è verificato il blocco della pompa dedicata al ricircolo dell’etilene liquido tra il serbatoio e il pontile. Questo evento ha compromesso la seconda fase del ciclo di raffreddamento della tubazione e, conseguentemente, per evitare problemi di sovra-pressione, ha reso necessario l’invio in torcia un certo quantitativo di etilene, al fine di mantenere sotto controllo l’integrità dei sistemi di trasporto stoccaggio e pompaggio del gas in essi contenuto.

Secondo quando comunicato dalla stessa azienda nel tardo pomeriggio di ieri, 31 agosto, l’intervento immediato del personale manutentivo ha portato al ripristino della funzionalità della pompa e del circuito nella giornata di domenica 30 agosto. Inoltre, la ditta ha altresì comunicato che, dal momento dell’inizio dell’evento incidentale, sabato 29.8.15, alla conclusione, domenica 30.8.15, la quantità di etilene inviato a termo combustione in torcia è stata di circa 5,2 tonnellate.