Troupe Rai tutto il giorno in Revet

[20 giugno 2013]

La storia della plastica, dal suo inventore Giulio Natta…. al riciclaggio. Per raccontare l’evoluzione nell’uso, consumo e riciclo dei polimeri, una troupe di Rai Storia è stata impegnata per tutta la giornata di oggi all’interno dello stabilimento Revet, riprendendo tutte le fasi che, dopo la raccolta differenziata effettuata dai cittadini, contribuiscono a raggiungere l’obiettivo vero, che appunto è il riciclo. Il conduttore Edoardo Camurri (noto per aver condotto alcune stagioni di Mi Manda Rai Tre) accompagnerà i telespettatori che guarderanno la puntata che andrà in onda a settembre, attraverso tutte le fasi industriali che contribuiscono a raggiungere l’obiettivo del riciclo.

Dopo una mattinata trascorsa a registrare i dialoghi, le interviste ei passaggi in movimento, nel pomeriggio gli operatori Rai hanno registrato tutte le scene non parlate, descrivendo l’arrivo nello stabilimento di Pontedera dei cinque materiali delle raccolte differenziate toscane (imballaggi in vetro, plastiche, alluminio, acciaio, poliaccoppiati come il Tetra Pak). Qualcosa come 140mila tonnellate di materiali che dopo essere stati caricati sui nastri passano attraverso la macchina lacera sacchetti e il vaglio rotante dimensionale. Successivamente inizia la selezione vera e propria che permette di separare vetro (attraverso degli aspiratori del materiale più leggero) acciaio e banda stagnata (attraverso diversi magneti), alluminio (macchina a correnti induttive). I selettori ottici invece separano i poliaccoppiati come il Tetra pak e le plastiche, divise per tipologia di polimeri e di colore. Infine la selezione manuale consente di raffinare ulteriormente la selezione e di avviare alle presse il materiale omogeneo, pronto per essere inviato ai riciclatori.

Qui entra in ballo l’eccellenza Revet, che attraverso la società Revet Recycling ricicla la frazione critica delle plastiche eterogenee (sacchetti, retine, della frutta, film, vaschette, vasetti di yogurt, piatti e bicchieri usa e getta…) altrimenti e altrove destinata invece a recupero energetico.

Il conduttore Edoardo Camurri, entrato in Revet con il suo bel sacchetto di plastiche eterogenee, ha quindi concluso la trasmissione mostrando i ri-prodotti realizzati attraverso il riciclo delle plastiche miste: profili per arredi urbani, fioriere, giochi, staccionate, tavoli, ma anche particolari per automotive (bauletti, scocche, pedaliere degli scooter Piaggio), articoli per la casa, accessori per l’agroindustria, particolari per prefabbricati.