Acqua bene comune, convegno internazionale a Firenze

Organizzato da Sì Toscana a Sinistra per presentare la prima proposta di legge per la ripubblicizzazione dell’acqua in Toscana

[12 ottobre 2018]

Sarà il capogruppo di Sì Toscana a Sinistra e primo firmatario della proposta di legge, Tommaso Fattori, a introdurre il convegno che occuperà l’intera giornata di sabato 13 ottobre, presentando “la prima proposta di legge per ripubblicizzare il servizio idrico in Toscana”. Tommaso Fattori è stato uno dei fondatori del movimento per l’acqua in Italia ed in Europa e uno dei promotori del vittorioso referendum del 2011 per la ripubblicizzazione del servizio idrico integrato.

Nella prima sessione del convegno, intitolata “ripubblicizzare si può”, prenderanno la parola alcune fra le figure più rilevanti della rete europea per l’acqua pubblica, che Fattori contribuì a fondare, a partire da Anne Le Strat, che da vicesindaca di Parigi ha ripubblicizzato l’acqua nella capitale francese guidando poi Eau de Paris, e padre Alex Zanotelli, missionario comboniano, simbolo della campagna per l’acqua bene comune. Interverrà poi Raffaele del Giudice, vicesindaco di Napoli, ad oggi l’unica città italiana ad aver ripubblicizzato il servizio idrico. Nella sessione prederanno la parola anche importanti studiosi come il professor Riccardo Petrella dell’Università di Lovanio e fondatore del Contratto Mondiale dell’Acqua ed Emanuele Lobina del Public Services International Research Unit dell’Università di Greenwich, il più avanzato centro di ricerca europeo sui servizi pubblici. Seguiranno altri contributi internazionali in videoconferenza: Satoko Kishimoto (Transnational Institute), Pablo Sanchez (European Federation of Public Service Unions, la rete dei sindacati europei) e Dorothea Haerlin (Berliner Wassertisch), una delle promotrici del referendum che ha portato alla ripubblicizzazione del servizio idrico a Berlino.

Nella seconda sessione, intitolata “un vero modello di gestione pubblica per la Toscana e per l’Italia”, interverranno sia i rappresentanti del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua, Paolo Carsetti, Simona Savini e Corrado Oddi, sia le due portavoce del Forum Toscano dell’acqua, Rossella Michellotti e Rita Biancalani, assieme ad uno storico sindacalista del mondo dell’acqua, pure fra i fondatori del movimento toscano, Luciano D’Antonio. Chiuderà la sessione Bengasi Battisti, presidente dell’Associazione Nazionale dei Comuni Virtuosi.

L’ultima sessione, intitolata “i comuni e la ripubblicizzazione”, sarà la più accesa e vedrà il confronto fra punti di vista differenti. Oltre a Tommaso Fattori e Paolo Sarti di Sì Toscana a Sinistra prenderanno la parola il Presidente della Regione Rossi, il sindaco di Firenze Nardella (PD) e quello di Livorno Nogarin (M5S) ma anche i sindaci di Sesto Fiorentino Falchi (Sinistra Italiana) e di Suvereto Parodi e gli assessori Marconcini di Sansepolcro e Mucciarelli di Monterspertoli. Seguiranno interventi della Consigliera regionale Pecori (Toscana per tutti) e di consiglieri comunali di molte città toscane.

«Questa proposta di legge si incardina su quelle che abbiamo scritto, negli anni passati, come movimenti per l’acqua . spiega Fattori – Dopo venti anni, è evidente il fallimento della privatizzazione. Le tariffe sono le più care d’Italia, gli investimenti sono ampiamente sotto il necessario e sempre inferiori rispetto a quanto programmato nei piani di ambito, ossia a quanto pagato dalle tariffe dei cittadini. Le perdite di rete sono enormi, persino aumentate negli ultimi 5 anni, per non dire dei chilometri di tubature in amianto da sostituire quanto prima. Allo stesso tempo, beffa delle beffe, le società dell’acqua toscane fanno circa 70 milioni di profitti l’anno, in larga parte distribuiti sotto forma di utili agli azionisti. Ripubblicizzare significa costruire una nuova gestione pubblica, che gestisca il servizio senza finalità di lucro, perseguendo obiettivi di carattere sociale e ambientale. Una gestione che preveda la partecipazione democratica dei cittadini alle scelte fondamentali e veda una pluralità di soggetti gestori vicini alle comunità locali e identificati sulla base della conformazione dei bacini idrografici. Chi vuole ripubblicizzare l’acqua voti la nostra legge, è un appello che facciamo a tutte le forze politiche».

Ecco il Programma completo:

Sabato 13 ottobre 2018, ore 10.15 – 19.00

Sala delle Feste – Consiglio Regionale della Toscana

Via Cavour 18, Firenze 

 “Acqua bene comune: la nostra legge per ripubblicizzare il servizio idrico in Toscana”

ore 10,15 introduzione, Tommaso Fattori (Sì – Toscana a Sinistra): “La prima legge toscana per ripubblicizzare il servizio idrico integrato”

I sessione  ore 10,30

“Ripubblicizzare è possibile”

Anne Le Strat, già vicesindaca di Parigi e direttrice di Eau de Paris

Emanuele Lobina, Public Services International Research Unit, Università di Greenwich (UK)

Alex Zanotelli, missionario comboniano

Raffaele del Giudice, vicesindaco di Napoli

in videoconferenza:

Riccardo Petrella, Università di Lovanio e Contratto Mondiale dell’Acqua

Satoko Kishimoto, Transnational Institute

Pablo Sanchez, European Federation of Public Service Unions

Dorothea Haerlin, Berliner Wassertisch

II sessione ore 14,45

“Un vero modello di gestione pubblica per la Toscana e per l’Italia”

coordina Paolo Sarti (Sì – Toscana a Sinistra)

Paolo Carsetti, segreteria del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua

Rita Biancalani, portavoce del Forum Toscano dei Movimenti per l’Acqua

Luciano D’Antonio, delegato sindacale Publiacqua

Rossella Michelotti, portavoce del Forum Toscano dei Movimenti per l’Acqua

Corrado Oddi, Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua

Bengasi Battisti, presidente dell’Associazione Nazionale dei Comuni Virtuosi

Simona Savini, Coordinamento Acqua Pubblica Lazio

III sessione ore 16,45

“I comuni e la ripubblicizzazione”

coordina Tommaso Fattori (Sì – Toscana a Sinistra)

Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana

Dario Nardella, sindaco di Firenze

Filippo Nogarin, sindaco di Livorno

Lorenzo Falchi, sindaco di Sesto Fiorentino

Giuliano Parodi, sindaco di Suvereto

Mauro Mucciarelli, assessore a Montespertoli

Gabriele Marconcini, assessore a Sansepolcro

Contributi dei consiglieri regionali Monica Pecori (Toscana per tutti) e Paolo Sarti (Sì – Toscana a Sinistra) e dei consiglieri comunali Giacomo Trombi e Miriam Amato (Firenze); Marco Bruciati (Livorno); Samuela Marconcini (Empoli); Ivan Moscardi e Serena Terzani (Sesto Fiorentino); Tatiana Bertini (Scarperia e San Piero); Enrico Carpini (Barberino del Mugello); Alessandro Giovannini (Impruneta); Samuele Staderini (Rignano); Patrizia Scapin* (Gavorrano); Amalia Chiovaro (Vinci); Lorenzo Ballerini e Adriano Chini* (Campi Bisenzio); Daria Lottarini (Chiusi); Alberto Guercini (Agliana); Vincenzo Tagliaferro (Marciana Marina); Claudia Masini* (Borgo San Lorenzo).