Coste e fiumi, paesaggi in mutazione da raccontare per immagini

Concorso fotografico promosso da Ordine degli Architetti e Legambiente, come partecipare

[2 marzo 2015]

Il Concorso Coste e Fiumi, paesaggi in mutazione promosso da Legambiente e Dipartimento di Rigenerazione Urbana dell’Ordine degli Architetti di Roma nell’ambito della terza Biennale dello Spazio Pubblico, invita fotografi professionisti o dilettanti a raccontare attraverso le immagini «Le coste italiane, i litorali marini, ma anche il rapporto tra fiumi e aree urbane, tra l’acqua e la città attraverso una narrazione fotografica che faccia comprendere i cambiamenti avvenuti nelle loro diverse forme e articolazioni, che hanno portato al mantenimento delle qualità naturali o a trasformazioni irreversibili o a usi temporanei».

Architetti e ambientalisti ricordano: «Perché l’Italia ha quasi 7500 chilometri di litorali e oltre 1200 fiumi e il rapporto tra acqua e paesaggi costieri costituisce un patrimonio ambientale unico ed è parte importante dell’identità italiana, della sua storia e memoria collettiva, in continua trasformazione. I cambiamenti avvenuti in questi territori negli ultimi decenni sono molto rilevanti ma poco conosciuti e studiati. Attraverso le immagini si vogliono rivelare le conformazioni, spontanee e non, che rendono oggi le coste una forma contemporanea e in mutazione di spazio pubblico e bene comune, perché anche dai racconti fotografici possono venire stimoli per capire come ripensare e riprogettare, tutelare un patrimonio di natura, cultura, storia, città».

La partecipazione al concorso Coste e Fiumi, paesaggi in mutazione, che ha il patrocinio di Biennale Spazio Pubblico, Consiglio nazionale degli Architetti pianificatori paesaggisti e conservatori, Istituto Nazionale di Urbanistica, INU Lazio, Ordine degli Architetti pianificatori paesaggisti e conservatori di Roma e Provincia, è gratuita e aperta a tutti i fotografi professionisti o dilettanti. I concorrenti devono presentare un progetto di racconto fotografico composto da un massimo di 3 immagini, in b/n o a colori realizzati con qualunque dispositivo anche digitale e legati tra loro secondo un criterio personale scelto dall’autore. Non sono ammessi fotomontaggi, collage o doppie esposizioni mentre sono consentiti interventi di post-produzione delle immagini che non alterino la sostanza dello scatto originale. Le fotografie saranno selezionate, a giudizio insindacabile della giuria formata da rappresentanti dell’Ordine degli Architetti di Roma, di Legambiente, da fotografi professionisti e da urbanisti e architetti.

I vincitori saranno annunciati il 14 maggio 2015 alla Casa dell’Architettura e contestualmente sarà inaugurata la mostra dei migliori 15 lavori selezionati dalla giuria che saranno esposti sempre presso la Casa dell’Architettura di Roma (P.zza Manfredo Fanti 47), dal 14 al 29 Maggio 2015. L’autore della foto vincitrice del Concorso riceverà un premio di € 700, l’autore della foto seconda classificata riceverà un premio di € 300.

Le foto selezionate ed i nomi dei vincitori saranno inoltre pubblicate sul sito ufficiale di Legambiente e su quello dell’Ordine degli Architetti di Roma. La mostra fotografica diventerà poi itinerante per tutti i circoli di Legambiente, Istituzioni ed Associazioni che ne faranno richiesta.

 

Bando completo:

http://www.legambiente.it/concorso-fotografico-legambiente-e-ordine-degli-architetti-di-roma