Elba, Rossi fa il punto sui lavori post alluvione: «Il cammino di ricostruzione procede»

[4 luglio 2013]

All’isola d’Elba«Metà lavori sono completati o sul punto di esserlo, metà sono pronti a partire subito dopo l’estate per essere completati entro la primavera del 2014. E i rimborsi a privati in fase di liquidazione, quelli alle imprese a uno stadio avanzato dell’iter previsto»: è la sintesi che emerge dal monitoraggio presentato nel corso dell’ultima riunione alla quale hanno partecipato il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, i tecnici, i rappresentanti di Provincia di Livorno e i sindaci di Campo nell’Elba, Vanno Segnini, e di Marciana, Anna Bulgaresi, e che è servito a fare il punto sullo o stato di attuazione degli interventi programmati all’isola d’Elba dopo l’alluvione del novembre 2011.

Rossi ha sottolineato che «Il cammino di ricostruzione procede e entro la prossima primavera sarà pressoché completato. Complessivamente stiamo impegnando in quest’opera di ricostruzione quasi 8 milioni di euro e di questi ben 5 li ha messi la Regione evidenziando l’attenzione al problema e ai disagi che le ferite dell’alluvione hanno provocato».

Si tratta di 14 interventi previsti all’Elba che puntano a ricostruire quanto distrutto o danneggiato da un nubifragio che ha fatto esondare alcuni fossi, come nel caso della cassa di deposito che sarà realizzata sul fosso Alzi, ed  a realizzare alcune  azioni per aumentare la capacità di difesa idrogeologica del territorio.

La regine evidenzi l’’ultimo, importante lavoro giunto alla conclusione prima della fase clou delle vacanze estive: l’escavo del porto di Marina di Campo e il ripristino della linea di riva, per un importo di 570.000 euro, con i lavori seguiti dalla Provincia di Livorno.

«In questo momento – si legge in una nota della Regione – sono in dirittura di arrivo altri due interventi nell’area di Marina di Campo: riguardano la manutenzione straordinaria della viabilità sul lungomare Mibelli via Montecristo e la manutenzione straordinaria di piazza Torino mentre altri piccoli, ma importanti interventi sulla viabilità di Marina di Campo (la manutenzione di via della Costa, via della Lecciola, via Ayali, viale Pietri, piazza da Verrazzano), la rimessa in efficienza del ponte su Bovalico e la sostituzione delle isole a scomparsa per la raccolta dei rifiuti che, dopo l’alluvione, si erano rese inutilizzabili avverranno dopo l’estate. Questi ultimi interventi vengono tutti seguiti dal Comune di Campo nell’Elba».

Altri tre importanti cantieri che vengono, seguiti dalla Provincia di Livorno, dovrebbero partire in autunno  e riguardano il ripascimento delle sabbie a Marina di Campo, la realizzazione di un muro di contenimento sul fosso Alzi in località Olmi e la realizzazione del muro di sponda con risagomatura dell’alveo del fosso Bovalico.

Nello stesso periodo prenderanno il via i lavori per la realizzazione dei tre interventi che vengono seguiti dal Genio civile: la realizzazione della cassa di deposito fosso Alz, l’intervento anche economicamente più impegnativo, un milione 480.000 euro, di grande importanza per la prevenzione, e l’attraversamento del fosso Galea e del fosso Alzi.

La Regione dice che «L’unico dei 14 cantieri che non si chiuderà entro la prossima primavera riguarda l’intervento di manutenzione straordinaria alla scuola media Giusti: la progettazione è in corso, i lavori saranno appaltati entro il mese di aprile del 2014 per concludersi prima della ripresa della scuola (settembre 2014). Per realizzare tutti questi interventi sono stati stanziati 4 milioni e 750.000 euro».

Al budget della ricostruzione all’isola d’Elba bisogna aggiungere i 3 milioni di euro per i rimborsi ai privati e alle imprese: «In fase di completamento è la liquidazione dei contributi per i beni mobili (auto e moto danneggiati): in tutto ne hanno già usufruito 126 persone (complessivamente le domande che sono state accolte sono 179). E in dirittura d’arrivo è l’iter per i contributi alle imprese: sono state presentate 171 domande, 10 delle quali non sono state ammesse. Le restanti 161 potranno ora presentare le documentazione richiesta: Sviluppo Toscana aprirà un ufficio nel comune di Campo nell’Elba per facilitare questo passaggio e rendere più rapido così l’iter verso la liquidazione».