Appello di Legambiente a Regione e rete europea dei geoparchi

Fermate la distruzione delle Alpi Apuane o addio Geoparco: dossier

Se continua così Legambiente proporrà l'esclusione delle Apuane dalla Lista dei Geoparchi europei

[18 novembre 2014]

«Riaperture, ampliamenti e fusioni di cave dismesse, sbancamenti di nuovi versanti, nuove strade di arroccamento, nuovi ravaneti, valutazioni d’impatto ambientale alquanto sommarie, l’86,4% di detriti per estrarre il 13,6% di blocchi, acquiferi messi in pericolo da dilavamenti di terre e marmettola; circhi glaciali, cavità carsiche, versanti sopra i 1.200 metri e siti d’interesse comunitario per la biodiversità, intaccati da nuove escavazioni, etc.». Sembra un bollettino di guerra all’ambiente, ma è stato messo tutto ero su bianco in un dossier presentato oggi da Legambiente alla quale è bastato consultare sul sito del Parco Regionale delle Alpi Apuane gli atti di autorizzazione in corso per 13 cave di marmo, per rendersi conto che «Tutto questo sta succedendo, e non è un’eccezione ma la norma, all’interno di un importante Parco Regionale, riconosciuto anche come Geo-Parco delle rete Europea dei Geo-Parchi, nonché l’area più importante per la biodiversità della Toscana, per la quale l’Unione europea esige una tutela particolare».

Una situazione che stride con Non sono dichiarazioni di ambientalisti intransigenti, ma la Delibera N° 54 del 2010 del Consiglio Direttivo del Parco delle Alpi Apuane, necessaria per dar corso alla candidatura dell’area protetta come Geo-Parco riconosciuto dalla Rete Europea e Globale dei Geo-Parchi, sotto gli auspici dell’Unesco, e nella quale  si legge: «(…) Le Alpi Apuane: rappresentano un territorio di inconsueta qualità ambientale, straordinariamente ricco di paesaggi, ambienti ed emergenze naturalistiche; esprimono la loro ricchezza naturalistica non solo attraverso la flora e la fauna, ma pure attraverso le rocce, i minerali, i fossili, le strutture tettoniche, le forme superficiali e profonde della Terra, che forniscono elementi inconsueti, vari e diffusi di valore ambientale; costituiscono un complesso orografico di grande suggestione scenica, per l’imponenza della dorsale principale e la morfologia assai aspra; presentano numerosi habitat e specie animali e vegetali di interesse comunitario, che hanno qui consentito di definire una ZPS estesa e dieci SIC, direttamente legati al paesaggio fisico e al substrato geologico (…)»

Per questo Legambiente ha deciso di scrivere al presidente del Parco regionale delle Apuane, al presidente e agli assessori competenti della Regione Toscana ed al Coordinamento di European Geoparks Network in Francia, per denunciare «il pericolo al quale sono esposte le Alpi Apuane, attraverso un dossier articolato e documentato che prende in esame i documenti di autorizzazione in corso per 13 cave di marmo nel territorio del Parco, distribuite in tutte le aree: Lunigiana e versante apuano della Provincia di Massa-Carrara, Garfagnana e Alta Versilia in Provincia di Lucca».

Il Cignio Verde è molto preoccupato per  le numerose autorizzazioni in corso di cave nel Parco Regionale delle Alpi Apuane che «comportano conseguenze incompatibili con l’equilibrio dei delicati ecosistemi e, in particolare, con il sistema degli acquiferi carsici, particolarmente vulnerabili alle infiltrazioni di polvere di marmo, terre di risulta ed oli esausti».

Presentando oggi il dossier in una conferenza stampa a Firenze, il presidente di Legambiente Toscana,  Fausto Ferruzza, ha sottolineato che «Questa situazione appare in contraddizione con la parallela revisione del Piano di Indirizzo Territoriale con valenza di Piano Paesaggistico, adottato il 2/7/2014 dalla Regione Toscana, e, soprattutto, in stridente e paradossale contrasto con le direttive e le finalità istitutive stesse del Parco Regionale delle Apuane! Per questo, il nostro livello di preoccupazione è massimo».

Ma la questione del Parco delle Apuane ha ormai valenza nazionale ed anche il responsabile aree protette di Legambiente, Antonio Nicoletti, ha chiesto che gli enti ai quali è stata inviata la lettera di «Adoperarsi per sospendere tutti i procedimenti autorizzativi delle cave in questione e rivedere radicalmente pianificazione e atti amministrativi del Parco. Non è ammissibile che un Parco Regionale, per di più in Toscana, interpreti a favore dell’escavazione speculativa le Direttive europee per la biodiversità e i principi che stanno alla base della sua inclusione nella Rete Europea e Globale dei Geoparchi. Se le richieste appena formulate non fossero pienamente attese, a Legambiente non rimarrebbe che segnalare alla Ue la violazione delle Direttive di Natura 2000 e proporre l’esclusione delle Alpi Apuane dalla Lista dei Geoparchi europei».

 

Per consultare integralmente il dossier:

http://tinyurl.com/q4y3hmh