L’inaugurazione a San Mauro a Signa (FI)

Il fiume Bisenzio ha un nuovo argine

[28 giugno 2013]

Sono stati inaugurati oggi, al ponte di San Mauro a Signa (FI), i lavori del secondo lotto sul fiume Bisenzio. Si tratta di infrastrutture rigide (argini e muri di sponda) realizzate in un tratto in cui il corso d’acqua ha perso tutta la sua naturalità e che dovrebbero contribuire a rendere più sicuro il territorio fortemente urbanizzato.

«Un’opera che mette in sicurezza l’abitato e che rende completamente impermeabile l’argine con lavori che non hanno avuto alcun impatto esteriore essendosi trattato di un intervento sottoterra. Inoltre, con i residui economici di questa operazione, completeremo la spalletta dell’altro argine», ha sottolineato l’assessore all’Ambiente ed alla Difesa del Suolo della provincia di Firenze, Renzo Crescioli.

I lavori sono il completamento di una serie di interventi iniziati nel 1999 con i ringrossi dell’argine destro del Bisenzio per l’adeguamento alla quota di piena con possibile frequenza bicentenaria a quota 40,50 metri s.l.m. I benefici di questo intervento sono attesi sia in sinistra che in destra idraulica. In sinistra nel tratto compreso tra il Mulino di San Mauro ed il Ponte di Valico sono stati consolidati ed impermeabilizzati il muro e l’argine attuali mediante paratia a setti accostati e nuova spalletta, mentre in destra idrografica è stata completata la parte strutturale mancante fino al ponte di Valico.

È comunque in fase di redazione finale il progetto di completamento della spalletta in destra  idraulica dal ponte di Valico all’intersezione con via di San Mauro. Il costo dell’operazione, ammonta a circa 314mila euro per i lavori e di circa 18mila per i costi di sicurezza, per un importo totale di 333mila Euro.