Le performance delle utility toscane ai primi posti in Italia

[26 febbraio 2014]

Le utility toscane sono ai primi posti nel premio nazionale delle migliori imprese di servizio pubblico locale, i Top Utility Awards, che annualmente vengono assegnati dall’associazione nata sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica con l’intento di analizzare il sistema delle public utility nei settori gas, acqua, elettricità e gestione rifiuti.

La valutazione è fatta da una giuria di esperti di altissimo livelli e valuta con molta cura 153 parametri gestionali per poi aggiudicare vari tipi di premi. «Per scoprire queste eccellenze – spiega l’economista Alessandro Marangoni, amministratore delegato di  Althesys e coordinatore della ricerca Top Utility – abbiamo esaminato 153 parametri in cinque diverse aree di valutazione, cioè il criterio economico-finanziario, i risultati operativi e la capacità di innovazione, la sostenibilità, i clienti e lo sviluppo sul territorio, la qualità della comunicazione. Il metodo di valutazione che abbiamo adottato considera anche le dimensioni e le differenti aree di business. L’obiettivo è fornire alle imprese, alla classe dirigente ma soprattutto ai consumatori le indicazioni generali sull’andamento del settore, gli strumenti per valutare i cambiamenti, e l’obiettivo è anche premiare chi si è distinto».

Ottimo risultato per le aziende toscane associate a Confservizi Cispel Toscana, presenti ai primi posti in tutte le graduatorie. Publiambiente, azienda dei rifiuti del circondario Empolese-Valdelsa, Pistoia e in alcuni comuni della Valdinieve e del Mugello, è prima nella categoria ‘innovazione e tecnologia’, per gli eccellenti risultati ottenuti nella gestione dei rifiuti e la raccolta differenziata, la tariffa puntuale e la riduzione dei rifiuti. Nel premio assoluto, ‘valore globale dei parametri’, la Toscana arriva seconda con Publiacqua, terza con Acque e quinta con Nuove Acque, tre importanti aziende idriche della regione, presenti rispettivamente sul territorio fiorentino-pistoiese, pisano-empolese e aretino. Nel premio ‘sostenibilità’, Acque si colloca quinta, alle spalle di colossi come Acea, Edison e Enel. Nel premio ‘comunicazione’ Nuove Acque arriva quinta anche in questo caso alle spalle di colossi come A2A, Enel, Hera e Iren, mentre infine Acque si aggiudica il primo posto nella classifica generale per piccole e medie imprese.
Risultati straordinari, che testimoniano dell’eccellenza delle imprese toscane miste o interamente pubbliche nei settori dell’acqua e dei rifiuti, come conferma nel suo commento Alfredo De Girolamo: «La Toscana si dimostra un’eccellenza italiana nei servizi idrici e di gestione dei rifiuti, come testimonia il successo in tutti i campi dei premi Top Utility, prestigioso riconoscimento da parte di una giuria qualificata e sotto l’alto patrocinio del Presidente della Repubblica. Publiambiente, Acque, Publiacqua e Nuove Acque ai primi posti nelle diverse classifiche – conclude il presidente di Confservizi Cispel Toscana – segno di un sistema di imprese pubbliche e miste innovative ed efficienti, quindi ben gestite».

di Confservizi Cispel Toscana